Il GeForce Partner Program di NVIDIA al centro dell'attenzione

Il GeForce Partner Program di NVIDIA al centro dell'attenzione

Il nuovo GeForce Partner Program di NVIDIA parrebbe dare spazio a condizioni di trattamento differenti tra i partner produttori di schede video, a seconda della loro adesione o meno

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Schede Video
NVIDIAGeForce
 

Con questo articolo il sito HardOCP ha pubblicato i risultati di alcune analisi interne sul GeForce Partner Program (GPP) che NVIDIA ha istituito recentemente e che coinvolge i propri partner produttori di schede video della famiglia GeForce.

Secondo le analisi sviluppate da HardOCP questo programma, così come è strutturato, pone i partner AIB di NVIDIA sotto pressione di fatto presentando due soluzioni alternative: aderite al GeForce Partner Program, beneficiando di tutta una serie di iniziative ma a fronte di una collaborazione esclusiva con l'azienda americana, oppure non parteciparvima in questo modo non poter beneficiare di tutta una serie di elementi di supporto alla vendita e alle iniziative marketing funzionali al vendere più schede video.

geforce_gtx_1080_founders_edition_nvidia.jpg

Visto da fuori il GeForce Partner Program è una iniziativa interessante sviluppata da NVIDIA per poter meglio supportare i videogiocatori e i propri partner produttori. Il programma è aperto a qualsiasi partner ed è gratuito, con la condizione "Gaming Brand Aligned Exclusively With GeForce", cioè che il brand proponga unicamente schede video basate su GPU NVIDIA e non anche altre concorrenti.

Non aderire al programma implica per l'azienda produttrice di schede video perdere i seguenti benefici:

  • High-effort engineering engagements
  • Early tech engagement
  • Launch partner status
  • Game bundling
  • Sales rebate programs
  • Social media and PR support
  • Marketing reports
  • Marketing Development Funds (MDF)

NVIDIA non lo specifica nelle condizioni del programma, ma secondo l'investigazione del sito HardOCP è possibile che i partner che non aderiscono al GeForce Partner Program possano ricevere differenti priorità e volumi di allocazione di chip video necessari per la produzione delle proprie schede video. In questo modo i partner che non aderiscono al GPP risulterebbero fortemente svantaggiati rispetto a coloro che ne accettano i termini, creando posizioni di concorrenza non bilanciata ed equilibrata. Visto in questo termini il GPP sembra proprio una iniziativa che NVIDIA ha implementato per meglio proteggere la propria posizione, che al momento attuale è di indubbio leader di mercato tra le soluzioni destinate ai videogiocatori.

NVIDIA non ha ancora espresso una posizione ufficiale circa questa indagine, ed è auspicabile che l'azienda possa fare chiarezza a riguardo. Quello che è certo è che, nuovamente, il mercato delle schede video si conferma sempre ricco di novità e, perché no, di un po' di dramma.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno12 Marzo 2018, 12:24 #1
So che arriverà gente a fare anatemi e roba simile, ma quanto scritto non è preciso:
"Gaming Brand Aligned Exclusively With GeForce", cioè che il brand proponga unicamente schede video basate su GPU NVIDIA e non anche altre concorrenti.

No, nvidia vuole che l'AIB proponga come brand gaming solo le proprie GPU. Tipo il brand ROG di ASUS o tutte quelle altre linee con scritto "Gaming" degli altri marchi.
Poi può pure fare una linea chiamata "per il più fighi", "over the top", "the infidel side of the moon", "the cheapest for the nutello's baby", "the best buy for you", "computing solutions", "mining card" che montano qualsiasi altra cosa (nvidia inclusa).

Siccome è un programma per promuovere le schede nvidia come le migliori per il gaming (vero o falso che sia) e che costa un certo impegno ad nvidia, questa chiede in cambio il suddetto limite che poi è congruente con quanto si vuole fare.
Se fai parte del programma per promuovere la meglio il brand nvdia per il gaming e poi crei una linea gaming con altro, be', non capisco quali vantaggi stai dando all'azienda che ti offre diversi servizi extra (utili o meno non lo so) con il programma che hai sottoscritto.

Semba chela polemica sia un po' indotta in questo caso.
Vero che nvidia negli ultimi anni sta facendo un po' il bello e il cattivo tempo e questo può dare fastidio, ma mi sembra la solita tempesta in un bicchiere d'acqua che infiammerà gli animi dei soliti fanboy (di qui e di là.
D'altronde in un mercato che è mesi che non evolve e a quanto pare no lo farà ancora per un p', è naturale cercare di fare un po' di scoop e animazione per tenere viva l'attenzione (fa nulla che sia un fuoco di paglia e finisca in niente, nel frattempo sarà passato un po' del tempo di attesa che manca al lancio dei nuovi modelli).
Gyammy8512 Marzo 2018, 12:24 #2
In pratica una cosa che serve a pushare le FE, che non sono reference attenzione, che a nessuno venga in mente di considerarle tali
Poi vabbè fra un pò agli sviluppatori daranno direttamente il gioco già fatto con la piena libertà di sceglierne il nome, coi benchmark allegati.
E intanto c'è chi già sta scaldando la postepay per l'ennesimo maxwell rimaneggiato che sta per uscire. Se vi piace così...
Gyammy8512 Marzo 2018, 12:26 #3
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
So che arriverà gente a fare anatemi e roba simile, ma quanto scritto non è preciso:

No, nvidia vuole che l'AIB proponga come brand gaming solo le proprie GPU. Tipo il brand ROG di ASUS o tutte quelle altre linee con scritto "Gaming" degli altri marchi.
Poi può pure fare una linea chiamata "per il più fighi", "over the top", "the infidel side of the moon", "the cheapest for the nutello's baby", "the best buy for you", "computing solutions", "mining card" che montano qualsiasi altra cosa.

Siccome è un programma per promuovere le schede nvidia come le migliori per il gaming (vero o falso che sia) e che cosa un certo impegno ad nvidia, questa chiede in cambio il suddetto limite che poi è congruente con quanto si vuole fare.
Se fai parte del programma per promuovere la meglio il brand nvdia per il gaming e poi crei una linea gaming con altro, be', non capisco quali vantaggi stai dando all'azienda che ti offre diversi servizi extra (utili o meno non lo so) con il programma che hai sottoscritto.

Semba chela polemica sia un po' indotta in questo caso.
Vero che nvidia negli ultimi anni sta facendo un po' il bello e il cattivo tempo e questo può dare fastidio, ma mi sembra la solita tempesta in un bicchiere d'acqua che infiammerà gli animi dei soliti fanboy (di qui e di là.
D'altronde in un mercato che è mesi che non evolve e a quanto pare no lo farà ancora per un p', è naturale cercare di fare un po' di scoop e animazione per tenere viva l'attenzione (fa nulla che sia un fuoco di paglia e finisca in niente, nel frattempo sarà passato un po' del tempo di attesa che manca al lancio dei nuovi modelli).


No no guarda è bellissimo, torniamo alle dx7 così il superfillrate asfalterà la concorrenza, alla peggio giocheremo in streaming.
CrapaDiLegno12 Marzo 2018, 12:27 #4
Originariamente inviato da: Gyammy85
In pratica una cosa che serve a pushare le FE, che non sono reference attenzione, che a nessuno venga in mente di considerarle tali
Poi vabbè fra un pò agli sviluppatori daranno direttamente il gioco già fatto con la piena libertà di sceglierne il nome, coi benchmark allegati.
E intanto c'è chi già sta scaldando la postepay per l'ennesimo maxwell rimaneggiato che sta per uscire. Se vi piace così...


Capacità di comprensione del testo: non pervenuta
Volontà di fare polemica gratuita contro nvidia: non commensurabile
CrapaDiLegno12 Marzo 2018, 12:28 #5
Originariamente inviato da: Gyammy85
No no guarda è bellissimo, torniamo alle dx7 così il superfillrate asfalterà la concorrenza, alla peggio giocheremo in streaming.


Ma che stai dicendo? Evidentemente non hai la capacità per capire quanto c'è scritto in una news e nel commento relativo.

Vuoi fare sterile polemica? Tornatene nel tuo thread di menti deboli dove di daranno ragione e un sacco di pacche sulle spalle.
UltimateBou12 Marzo 2018, 12:30 #6
manco il tempo della news che già è partito lo scontro fra titani
CrapaDiLegno12 Marzo 2018, 12:32 #7
Originariamente inviato da: UltimateBou
manco il tempo della news che già è partito lo scontro fra titani

Fosse da titani almeno una delle due parti parlerebbe di quanto è relativo alla news, non di quell che ha sognato la notte prima e pubblicandolo usando la news come semplice pretesto.
Gyammy8512 Marzo 2018, 12:33 #8
Originariamente inviato da: UltimateBou
manco il tempo della news che già è partito lo scontro fra titani


CrapaDiLegno12 Marzo 2018, 12:47 #9
Originariamente inviato da: Gyammy85

Ride pure
hotak12 Marzo 2018, 12:55 #10
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
So che arriverà gente a fare anatemi e roba simile, ma quanto scritto non è preciso:

No, nvidia vuole che l'AIB proponga come brand gaming solo le proprie GPU. Tipo il brand ROG di ASUS o tutte quelle altre linee con scritto "Gaming" degli altri marchi.
Poi può pure fare una linea chiamata "per il più fighi", "over the top", "the infidel side of the moon", "the cheapest for the nutello's baby", "the best buy for you", "computing solutions", "mining card" che montano qualsiasi altra cosa (nvidia inclusa).

Siccome è un programma per promuovere le schede nvidia come le migliori per il gaming (vero o falso che sia) e che costa un certo impegno ad nvidia, questa chiede in cambio il suddetto limite che poi è congruente con quanto si vuole fare.
Se fai parte del programma per promuovere la meglio il brand nvdia per il gaming e poi crei una linea gaming con altro, be', non capisco quali vantaggi stai dando all'azienda che ti offre diversi servizi extra (utili o meno non lo so) con il programma che hai sottoscritto.

Semba chela polemica sia un po' indotta in questo caso.
Vero che nvidia negli ultimi anni sta facendo un po' il bello e il cattivo tempo e questo può dare fastidio, ma mi sembra la solita tempesta in un bicchiere d'acqua che infiammerà gli animi dei soliti fanboy (di qui e di là.
D'altronde in un mercato che è mesi che non evolve e a quanto pare no lo farà ancora per un p', è naturale cercare di fare un po' di scoop e animazione per tenere viva l'attenzione (fa nulla che sia un fuoco di paglia e finisca in niente, nel frattempo sarà passato un po' del tempo di attesa che manca al lancio dei nuovi modelli).


Ti rendi conto che è a tutti gli effetti un abuso di posizione dominante?

-nVidia vende le stesse cose a tutti i partner
-i partner hanno all'incirca tutti le stesse spese
-nVidia copre ad alcuni di questi partner parte delle spese, o applica sconti, a patto che essi NON UTILIZZINO IL BRAND GAMING SU SCHEDE AMD (perché, alla fine, il concetto è quello)
-i partner che non accettano tale condizione, si ritrovano ad essere non-concorrenziali nella vendita di schede nVidia o a dover ridurre notevolmente i propri margini di guadagno

Il problema non è, in se, l'aiuto di nVidia ai partner in cambio di pubblicità (anche se bisognerebbe vederne le modalità, ma il vincolo contro gli altri produttori di VGA, che è chiaramente anticoncorrenziale.

EDIT: per essere più chiari, se nVidia avesse richiesto di avere tutte le schede sotto il brand "the best for gaming" andrebbe bene, ma non può, ad esempio, chiedere di far diventare il marchio ROG una sua esclusiva: quella non è una misura di promozione per nVidia, ma una mossa per escludere AMD da un certo mercato, che è ben diverso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^