I processi produttivi delle future GPU ATI

I processi produttivi delle future GPU ATI

Dave Orton, CEO di ATI, anticipa quelli che saranno i prossimi processi produttivi adottati dall'azienda canadese per le future generazioni di chip video

di pubblicata il , alle 09:32 nel canale Schede Video
ATI
 

Grazie ad un articolo ad opera del sito web The Inquirer, sono disponibili alcune informazioni su quelli che saranno i processi produttivi che l'azienda canadese ATI adotterà per la produzione dei propri chip video di futura generazione.

Al momento attuale ATI costruisce buona parte delle proprie GPU di fascia alta con tecnologia a 0,11 micron, utilizzando quale partner produttivo la fonderia taiwanese TSMC. La prossima generazione di chip video ATI, nome in codice R520, utilizzerà processo a 0,09 micron, sia per le soluzioni top di gamma che in seguito per quelle value e mainstream.

L'evoluzione seguente prevede il passaggio al processo a 0,08 micron, seguito in un secondo tempo da quello a 0,065 micron. Per trovare analogie con il mercato dei processori, sia Intel che AMD producono attualmente con processo a 0,09 micron, preparandosi al pasaggio al processo a 0,065 micron atteso tra la fine di quest'anno e i primi mesi del 2006.

E' probabile che il passaggio al processo a 0,08 micron sia dettato da esigenze produttive della fonderia TSMC; è il partner produttivo, in ultima analisi, ad essere responsabile della tecnologia produttiva che viene adottata per i chip video ATI.
Discorso molto simile dev'essere fatto anche per la concorrente NVIDIA, altro produttore di chip video che si appoggia a fonderie esterne in quanto non possiede proprie fabbriche produttive.

Fonte: The Inquirer.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tuccio18 Aprile 2005, 10:35 #1
... intanto ad Agrate Brinaza ST produce memorie flash a 65nm... Perché non vengono a farli a Milano questi chip?
Sig. Stroboscopico18 Aprile 2005, 10:43 #2
Perchè in Italia siamo lenti a fare qualsiasi cosa.
Non siamo competitivi in niente se non per le comodità.
Il miglior paese dove vivere, il peggiore dove spendere/investire soldi...
Maury18 Aprile 2005, 10:43 #3
Originariamente inviato da: tuccio
... intanto ad Agrate Brinaza ST produce memorie flash a 65nm... Perché non vengono a farli a Milano questi chip?



Direi che una VPU come R520 sia un TANTINO più complessa di una memoria flash
Sig. Stroboscopico18 Aprile 2005, 10:45 #4

x Maury

E' un tantino più complessa che quindi viene più facile farla in uno sperduto paesino della cina che qui in Europa...
eheheheheh

sigh!
ShinjiIkari18 Aprile 2005, 11:18 #5
Ma con l'euro a 1,28$ PERCHE' MAI DOVREBBERO FARLE QUI! Gli costerà di meno farle in estremo oriente che prendono poco la moneta vale 0 e lavorano 12 ore al giorno no?
dwfgerw18 Aprile 2005, 11:23 #6
ragazzi TSMC è un colosso a livello mondalie non si trova im uno sperduto angolo di taiwan ....
JohnPetrucci18 Aprile 2005, 11:46 #7
Originariamente inviato da: Maury
Direi che una VPU come R520 sia un TANTINO più complessa di una memoria flash

Concordo, e poi la ST ha già prodotto in passato le gpu Kyro, ed è già tanto.
Maury18 Aprile 2005, 11:51 #8
Originariamente inviato da: dwfgerw
ragazzi TSMC è un colosso a livello mondalie non si trova im uno sperduto angolo di taiwan ....


Infatti...

Credevo che fosse chiaro chi fosse TSMC ... è qualcosa di enorme, metà del silicio mondiale viene lavorato da lei.
JohnPetrucci18 Aprile 2005, 11:55 #9
Originariamente inviato da: Maury
Infatti...

Credevo che fosse chiaro chi fosse TSMC ... è qualcosa di enorme, metà del silicio mondiale viene lavorato da lei.

E poi Taiwan non è mica la Cina.....
soft_karma18 Aprile 2005, 12:37 #10
Si ma tanto presto o tardi TSMC si sposterà in cina

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^