GeForce RTX 3060, limitatore al mining aggirato, questa volta per davvero

GeForce RTX 3060, limitatore al mining aggirato, questa volta per davvero

Il sito giapponese PC Watch e alcuni screenshot apparsi online sembrano indicare che il limitatore al mining di Ethereum della GeForce RTX 3060 sia stato aggirato, stavolta per davvero. Non è ancora chiaro "il come", ma non sembrerebbe necessaria alcuna modifica al firmware e al driver della scheda.

di pubblicata il , alle 13:41 nel canale Schede Video
GeForceAmpereNVIDIA
 

Adesso sì, sembra (sottolineiamo, SEMBRA) che il limitatore inserito da Nvidia sulla GeForce RTX 3060 sia stato in qualche modo aggirato. A stretto giro di posta dai falsi report della scorsa settimana, il sito giapponese PC Watch ha raccolto conferme sull'esistenza di uno stratagemma che consente alla GPU Nvidia di esprimersi al massimo anche con gli algoritmi Dagger Hashimoto o simili Ethash come Ethereum, proprio quelli presi di mira dal limitatore.

PC Watch scrive che non sono richieste modifiche a livello di BIOS e driver della scheda, quindi non si può parlare di un hack o di una mod, almeno per il momento. Non è chiaro però quale sia "l'ingrediente magico" che permetta alla RTX 3060 di raggiungere le massime prestazioni e mantenerle costanti: una modifica nei software di mining? Forse, ma attendiamo maggiori informazioni. L'unica cosa che dice PC Watch è che l'intervento è facile e richiede poco sforzo.

Nel momento in cui scriviamo, si vocifera che l'aggiramento del blocco si possa collegare, ironia della sorte, a dei driver Nvidia raggiungibili a questo indirizzo. I driver in questione, chiamati 470.05, sono studiati per abilitare il supporto CUDA su Windows Subsystem for Linux (WSL 2) e non avrebbero alcun tipo di limitatore.

A conferma del report di PC Watch sono apparsi in rete diversi screenshot - questa volta difficilmente confutabili - che mostrano come la RTX 3060 alle prese con il mining di Ethereum tramite l'algoritmo Dagger Hashimoto T-REX raggiunga quasi 50 MH/s. Lo screenshot mostra il programma di mining in funzione da oltre 8 minuti, a conferma di un limite superato (il limitatore entra in funzione solo dopo qualche minuto di mining), ma circolano schermate con un minutaggio ben più alto.

In attesa di maggiori informazioni, il venir meno del limitatore rende la RTX 3060 più attraente ai miner e questa non è certamente una buona notizia né per i giocatori (causerà una carenza di GPU ancora più forte) né per Nvidia. L'azienda ha infatti varato una linea di schede dedicate ai miner - chiamata CMP - che risulterebbe meno interessante se la GeForce RTX 3060 e le future proposte di fascia alta in arrivo permetteranno di "minare" alla massima potenza le criptomonete più remunerative. Certo, Nvidia ci guadagna sempre, sia che venda ai gamer che ai miner, ma dopo essersi esposta così tanto, l'aggiramento del limitatore non rappresenta una buona pubblicità (specie se troverà conferma la notizia del driver distribuito senza alcun limitatore).

AGGIORNAMENTO 15:10

Emergono numerose conferme (HardwareLuxx, Computerbase): sono proprio i driver GeForce 470.05 a non aver alcun tipo di limitatore, e questo permette alla RTX 3060 di minare alla massima potenza anche con gli algoritmi in "blacklist". Si tratta di un vero e proprio passo falso per Nvidia.

AGGIORNAMENTO 16/03

Ulteriori approfondimenti hanno fatto emergere che il limitatore del mining in configurazioni con più RTX 3060 viene meno solo per la prima scheda, mentre gli altri modelli che operano in parallelo vedono comunque limitate le loro prestazioni. Insomma, a quanto pare chi vuole minare con una singola RTX 3060 può farlo, mentre chi vuole creare mining rig veri e propri deve ancora scontrarsi con il limitatore.

AGGIORNAMENTO 2 16/03

Nvidia ha confermato a The Verge la pubblicazione accidentale di un driver senza limitatore. "Un driver per sviluppatori includeva inavvertitamente codice usato per lo sviluppo interno che rimuove il limitatore dell'hash rate sulla RTX 3060 in alcune configurazioni" ha dichiarato un portavoce. "Il driver è stato rimosso". 

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano15 Marzo 2021, 14:00 #1
*la RTX 3060 più attraente ai miner e questa non è certamente una buona notizia né per i giocatori (causerà una carenza di GPU ancora più forte) né per Nvidia.*

li sento a piangere fino a qui dai "pochi" soldi che stanno facendo dalle mining farm. l'obiettivo di nvidia è di far appararire ai videogiocatori l'intenzione di limitare il fenomeno mining quando di fondo non c'è il minimo interesse a farlo per davvero
cudido15 Marzo 2021, 14:07 #2
L'unica è che Ethereum vada in proof-of-stake al più presto o che i produttori riescano a soddisfare la domanda, quindi tante schede (sia per i giocatori che per i miner), con conseguente diminuzione della profittabilità da mining.

Fino ad allora ci sono solo mesi in salita... come il prezzo degli ETH
coschizza15 Marzo 2021, 14:09 #3
Originariamente inviato da: TorettoMilano
*la RTX 3060 più attraente ai miner e questa non è certamente una buona notizia né per i giocatori (causerà una carenza di GPU ancora più forte) né per Nvidia.*

li sento a piangere fino a qui dai "pochi" soldi che stanno facendo dalle mining farm. l'obiettivo di nvidia è di far appararire ai videogiocatori l'intenzione di limitare il fenomeno mining quando di fondo non c'è il minimo interesse a farlo per davvero

in verita la storia insegna che nvidia lo vorrebbe limitare perché ci perdono soldi, guarda le cause che hanno avuto su questo argomenti
TorettoMilano15 Marzo 2021, 14:11 #4
Originariamente inviato da: cudido
L'unica è che Ethereum vada in proof-of-stake al più presto o che i produttori riescano a soddisfare la domanda, quindi tante schede (sia per i giocatori che per i miner), con conseguente diminuzione della profittabilità da mining.

Fino ad allora ci sono solo mesi in salita... come il prezzo degli ETH


non consideri che alle farm basterebbe switchare dal mining per ethereum al mining della crypto più profittevole del momento e ci si ritroverebbe con lo stesso problema di prima

Originariamente inviato da: coschizza
in verita la storia insegna che nvidia lo vorrebbe limitare perché ci perdono soldi, guarda le cause che hanno avuto su questo argomenti


mi incuriosisce l'argomento, di quale cause parli? quali soldi perdono?
coschizza15 Marzo 2021, 14:18 #5
Originariamente inviato da: TorettoMilano
non consideri che alle farm basterebbe switchare dal mining per ethereum al mining della crypto più profittevole del momento e ci si ritroverebbe con lo stesso problema di prima



mi incuriosisce l'argomento, di quale cause parli? quali soldi perdono?


Nel 2018 hanno venduto enormi quantità di schede della serie 2000 ai miner, poi al crollo del eth quelle schede sono tornate tutte in dietro come usato creando centinaia di milioni di dollari di buco nei bilanci nvidia. Per questo è stata portata in reununale da pi7 :stordita class action che sono portate avanti fino ad adesso. Nvidia ci perde perché vende e guadagna sull’ immediato ma vende delle schede da gioco dove ha investito metà del capitale in marketing in un segmento che non ne ha bisogno perdendo la fiducia dei suoi clienti principali cioè i giocatori. Insomma vende bene ma perde clienti cosa che nel lungo periodo crea più danni.
Tolto il eth non ci sono altre criptò profittevoli quindi il problema rientrerebbe
ninja75015 Marzo 2021, 14:19 #6
Originariamente inviato da: cudido
L'unica è che Ethereum vada in proof-of-stake al più presto o che i produttori riescano a soddisfare la domanda, quindi tante schede (sia per i giocatori che per i miner), con conseguente diminuzione della profittabilità da mining.

Fino ad allora ci sono solo mesi in salita... come il prezzo degli ETH


la famosa ethereum 2.0

io (da ignorante) prevedo un crollo di questa cripto appena verrà soppiantata da quella nuova
ninja75015 Marzo 2021, 14:21 #7
Originariamente inviato da: TorettoMilano
non consideri che alle farm basterebbe switchare dal mining per ethereum al mining della crypto più profittevole del momento e ci si ritroverebbe con lo stesso problema di prima


beh ma sbaglio o non tutte le crypto si possono minare, e non tutte danno un reward "alto" così come invece adesso c'è con eth?
coschizza15 Marzo 2021, 14:25 #8
Originariamente inviato da: ninja750
beh ma sbaglio o non tutte le crypto si possono minare, e non tutte danno un reward "alto" così come invece adesso c'è con eth?


Esatto solo eth è profittevole sulle gpu, infatti il blocco software era pensato solo per quelle
TorettoMilano15 Marzo 2021, 14:25 #9
Originariamente inviato da: coschizza
Nel 2018 hanno venduto enormi quantità di schede della serie 2000 ai miner, poi al crollo del eth quelle schede sono tornate tutte in dietro come usato creando centinaia di milioni di dollari di buco nei bilanci nvidia. Per questo è stata portata in reununale da pi7 :stordita class action che sono portate avanti fino ad adesso. Nvidia ci perde perché vende e guadagna sull’ immediato ma vende delle schede da gioco dove ha investito metà del capitale in marketing in un segmento che non ne ha bisogno perdendo la fiducia dei suoi clienti principali cioè i giocatori. Insomma vende bene ma perde clienti cosa che nel lungo periodo crea più danni.


googlando velocemente mi pare nvidia abbia vinto quella class action. che le gpu usate dalle farm vengano venduta ai gamers mi sembra una perdita fittizia, ovviamente in tale periodo calerebbero le vendite di gpu nuove

Originariamente inviato da: ninja750
beh ma sbaglio o non tutte le crypto si possono minare, e non tutte danno un reward "alto" così come invece adesso c'è con eth?


da ignorante in materia mi immagino che quando ethereum passerà a POS improvvisamente altre crypto minabili da gpu avranno un'impennata di valore, ovviamente spero di sbagliarmi
Max_R15 Marzo 2021, 14:25 #10
Originariamente inviato da: TorettoMilano
*la RTX 3060 più attraente ai miner e questa non è certamente una buona notizia né per i giocatori (causerà una carenza di GPU ancora più forte) né per Nvidia.*

li sento a piangere fino a qui dai "pochi" soldi che stanno facendo dalle mining farm. l'obiettivo di nvidia è di far appararire ai videogiocatori l'intenzione di limitare il fenomeno mining quando di fondo non c'è il minimo interesse a farlo per davvero


Ma le stanno rendendo anche elitarie quindi anche se la gente non ne ha reale bisogno ormai le vuole ugualmente perché non le trova nessuno
Ragione per la quale a quel punto il prezzo non è più un fattore considerato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^