Dual GPU con chip Radeon anche per HIS

Dual GPU con chip Radeon anche per HIS

HIS prepara il debutto di una propria scheda video Gemini, dotata di due GPU Radeon X1600XT operanti in parallelo sullo stesso PCB

di pubblicata il , alle 10:49 nel canale Schede Video
RadeonHISAMD
 

In occasione del CeBit di Hannover, lo scorso mese di Marzo, la taiwanese GeCube ha mostrato un prototipo di scheda video dotata di due GPU Radeon X1600 XT collegate e operanti in parallelo tra di loro attraverso tecnologia Crossfire. Ulteriori dettagli su questa soluzione sono disponibili a questo indirizzo.

gecube_gemini_cebit.jpg
prototipo GeCube Gemini, mostrato al Cebit 2006

Questo risultato è stato ottenuto attraverso della logica di gestione montata nella scheda, oltre che utilizzando particolari driver specificamente sviluppati da GeCube congiuntamente con ATI. La finalità di un prodotto di questo tipo è quella di offrire una soluzione dual GPU che possa essere utilizzata anche in sistemi che non siano dotati di supporto Crossfire a livello chipset.

GeCube ha mostrato questa soluzione al CeBit quale prototipo, con un debutto ufficiale previsto in concomitanza con il Computex 2006. Questo evento si avvicina, e grazie alle informazioni pubblicate dal sito Hkepc scopriamo che anche HIS, azienda di Hong Kong partner AIB di ATI, ha in cantiere una scheda di questo genere.

gemini_his.jpg
scheda HIS Gemini

Queste le specifiche tecniche della scheda HIS Gemini:

  • ATi Radeon RV530XT (590MHz) x 2
  • TXL PCI-Express Bridge Chip
  • Infinon -1.4ns GDDR3 (1.38Ghz/512MB/256Bit)
  • Single Slot Dual Fan Cooling Solution
  • Dual-Link DVI Output x 2
  • Launch Day : During Computex

Sembra a questo punto possibile che l'approccio Gemini, nome che contraddistingue questo genere di schede video con due GPU Radeon X1600XT, sia diventato uno standard disponibile a tutti i partner AIB di ATI. Non sarà semplice promuovere una soluzione del genere sul mercato mainstream, ma al Computex di Taipei è prevedibile che troveremo molte novità legate a questo concetto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DenFox30 Maggio 2006, 11:06 #1
Se va benone al pari di una X1900XTX la prendo
ripper7130 Maggio 2006, 11:08 #2
....se va al pari di una x1900, è molto meglio prendere una x1900 !!!
Max Power30 Maggio 2006, 11:09 #3
Il tempo delle 3DFX è passato, sono inutili questi tentativi di imitazione
wwar8230 Maggio 2006, 11:20 #4
Costerà un botto di soldi e andrà meno di una X1900XTX... Purtroppo 2 gpu non significa doppia potenza ma solo doppio consumo, doppio calore, doppio rumore (beh questo è da verificare) per avere un 30% in più di prestazioni...
Ne vale la pena? Io dico di no! 3dfx insegna...
MCMXC30 Maggio 2006, 11:22 #5
...certo che se facessero una versione con due X1900XTX...
ReverendoMr.Manson30 Maggio 2006, 11:28 #6
Eh si son de coccio la Rage Fury MAXX chi se la ricorda??? Andava più lenta di una Creative’s 3DBlaster Annihilator Pro GeForce 256 nonostante avesse il doppio della RAM (64 contro 32)

Spellsword30 Maggio 2006, 11:36 #7
...certo che se facessero una versione con due X1900XTX...
dovremmo mettere il pc in cantina isolata acusticamente, con aria condizionata, e cambiare il contratto di potenza con l'enel.. LOL
seriamente, penso che sia proprio inutile una dual X1600
Nicky Grist30 Maggio 2006, 11:39 #8

x ReverendoMr.Manson

Se non sbaglio il rage fury era un chip senza T&L. In quel momento Nvidia tirò fuori dal cappello la prima GPU e fu un colpo devastante. Iniziò la nuova generazione di chip video....che ricordi :-)
Ati rimase un pochino indietro, impossibile quindi confrontare il GeForce 256 con la Rage Fury MAXX. Anche se in quel momento era quello il mercato.
mrc7830 Maggio 2006, 11:47 #9
Originariamente inviato da: ReverendoMr.Manson
Eh si son de coccio la Rage Fury MAXX chi se la ricorda??? Andava più lenta di una Creative’s 3DBlaster Annihilator Pro GeForce 256 nonostante avesse il doppio della RAM (64 contro 32)


Ti dò ragione, però la Ati r.f.maxx fù un tentativo di contrastare la supremazia da parte della nvidia su Ati.
Ati raddoppiando le GPU, voleva risparmiare tempo e denaro, i risultati furono però abbastanza deludenti.
Qui di seguito riporto dei benchmark:
"Abbiamo eseguito i test su di un Pentium III 750 MHz con 128 MB di RAM. Per il Direct 3D abbiamo usato 3DMark 99 MAX. Alla risoluzione di 1024x768 pixel a 16-bit, la ATI ha ottenuto un punteggio di 5693, meno dei 6178 ottenuti dalla Creative GeForce DDR, mentre a 32-bit ha ottenuto 5265 punti, contro i 5760 di Creative. Per testare le prestazioni in OpenGL abbiamo usato Quake III Arena, sempre a 1024x768 pixel. La ATI MAXX era ancora più lenta della Creative DDR a 16-bit, con 49.8fps contro 71fps. Comunque, confrontando questi dati con altri, bisogna notare che la Voodoo3 3000, ha ottenuto solo 36.3fps in questo tipo di test."
Xeus3230 Maggio 2006, 11:48 #10
X Max Power

E' verissimo che sono delle imitazioni della vecchia 3dfx ma va letta in una chiave diversa. Lo SLI e compagnia bella servono per permettere agli sviluppatori di possedere HW di potenza per poter sviluppare i giochi del futuro. Si deve pensare che in 3 anni di sviluppo di un game escono + o - 12 revisioni delle schede video. Lo SLI e affini quindi e' una tecnologia nata per lo sviluppo, poi il mercato ha fatto danno includendolo nella fascia consumer.
L'unico vero vantaggio per il consumatore e' che magari dopo 1-2 anno riesci a trovare ancora una scheda uguale alla tua e spendendo "poco" riesci a far continuare la tua macchina per un altro annetto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^