Diminuirà sino a 5 il numero di partner ATI

Diminuirà sino a 5 il numero di partner ATI

Questa la previsione del vicepresidente marketing di Sapphire, probabilmente il più attivo tra i partner AIB di ATI

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:43 nel canale Schede Video
ATISapphire
 

Stando alle dichiarazioni rilasciate al sito ITP.net da Adrian Thompson, vice presidente del marketing di Sapphire, l'acquisizione di ATI da parte di AMD non potrà che avere positivi riflessi su quelli che sono gli equilibri tra i partner ATI nella produzione di schede video.

Al momento attuale sono infatti 16 le aziende che collaborano nella produzione di schede video basate su tecnologia ATI. Stando alle previsioni di Thompson, questo numero è destinato a diminuire sino a 5, in quanto questo sarebbe il quantitativo di partner ideale per ATI per oeprare sul mercato.

Sapphire è tra i partner AIB di ATI uno dei più noti al pubblico degli appassionati, grazie anche alla capillare distribuzione dei propri prodotti nel mercato italiano. A differenza di altri partner quali Asus, Gigabyte e MSI, Sapphire opera in modo esclusivo con ATI, non sviluppando schede video basate su chip NVIDIA destinate al canale retail.

Questo, tuttavia, non implica che in un futuro prossimo Sapphire non possa scegliee di avviare la produzione di schede video della famiglia GeForce; affinché questo accada non è necessario che si presenti un particolare scenario tecnologico, ma una semplice volontà sia commerciale che per certi versi politica da parte di Sapphire, sino ad ora mancata a motivo dell'ottimo rapporto con ATI.

E' indubbio che quello che si sta verificndo da alcuni anni a questa parte è una progressiva concentrazione delle risorse nelle mani di poche grandi aziende; i second tier taiwanesi, produttori di secondo piano nei segmenti delle schede madri e delle schede video, stanno di fatto scomparendo dal mercato perché acquistati da altre aziende o perché hanno deciso di uscirvi a motivo dei margini troppo ridotti.

Che questo possa avvenire, come Thompson prevede, anche tra i partner ATI non deve quindi sorprendere in modo particolare. Del resto, è di elevati volumi come gli 1,8 milioni di schede video al mese che Sapphire può attualmente produrre che aziende come ATI necessitano, non di volumi di 100.000 schede video al mese delle quali sono capaci partner di più ridotte dimensioni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
enjoymarco01 Settembre 2006, 12:15 #1
ci stiamo avviando verso il monopolio un po' in tutti i settori, dunque...
dema8601 Settembre 2006, 12:37 #2
Le economie di scala imperano nel settore e quando partono tutti a parità di chip diversificare l'offerta risulta difficile, pertanto a parità di prodotto vince chi costa meno e il prezzo + basso lo fa chi produce di più...
davidon01 Settembre 2006, 12:46 #3
o chi risparmia sulle componenti...
per questo una razionalizzazione dell'offerta poterbbe essere positiva
non è pensabile che 16 competitors si facessero reale concorrenza, magari se sono 5 è possibile, con prodotti vagamente personalizzati

ciaobye
Kanon01 Settembre 2006, 12:48 #4
Sapphire, Asus, Gigabyte... e gli altri due chi sono? MSI e ECS? (in questo caso praticamente gli unici AIB di ATi resterebbero i Big4 di Taiwan più Sapphire. Però non ho mai visto Radeon di ECS, le MSI mi pare ci siano ma sono abbastanza rare.
Darkangel66601 Settembre 2006, 13:09 #5
A questo punto meglio la politica nVidia
DakmorNoland01 Settembre 2006, 13:41 #6
Originariamente inviato da: Kanon
Sapphire, Asus, Gigabyte... e gli altri due chi sono? MSI e ECS? (in questo caso praticamente gli unici AIB di ATi resterebbero i Big4 di Taiwan più Sapphire. Però non ho mai visto Radeon di ECS, le MSI mi pare ci siano ma sono abbastanza rare.


Ti dimentichi di Power Color, che peraltro punta sempre a soluzioni molto convenienti ma senza rinunciare alla qualità. Poi c'è Manli che però non mi convince affatto. E sicuramente ce ne saranno delle altre che però non conosco.
demikiller01 Settembre 2006, 13:45 #7
ma chi è deficiente a fa ste cose? devono lanciare tantissimi partner per fare la concorrenza -___-"""
D.O.S.01 Settembre 2006, 13:56 #8
non capisco perchè diminuire a 5 il numero di costruttori è un bene ... a me sembra un dramma , memo concorrenza su modelli simili quindi prezzi più alti ......
dwfgerw01 Settembre 2006, 14:18 #9
conseguentemente diminuirà anche se di poco il volume complessivo di schede grafiche ATi presenti sul mercato, diminuendo anche la scelta. Alcuni produttori anche se più piccoli, sono comunque utili per differenziare l'offerta di prezzo e design.
jp7701 Settembre 2006, 14:34 #10
Originariamente inviato da: D.O.S.
non capisco perchè diminuire a 5 il numero di costruttori è un bene ... a me sembra un dramma , memo concorrenza su modelli simili quindi prezzi più alti ......



si è un bene per loro!!! che potranno fare prezzi più alti perchè ci sarà meno concorrenza....e noi utenti "paghiamo"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^