ATi verso i 110 nanometri

ATi verso i 110 nanometri

La società ha dichiarato di essere pronta al salto per la prossima generazione di schede video

di pubblicata il , alle 16:11 nel canale Schede Video
ATI
 

Il co-fondatore e CEO di ATi Technologies, KY Ho ha annunciato che la compagnia sta pianificando una aggressiva transizione verso i processi produttivi a 0.13 e 0.11 micron. Questa è la prima dichiarazione di questo tipo proveniente da un top executive di ATi, dal momento che la compagnia è generalmente molto cauta a divulgare decisioni simili e che la strategia di produrre le schede della serie Radeon 9700 e 9800 con processo a 0.15 micron ha permesso di surclassare la rivale nVidia in termini di prestazioni e costi di produzione.

nVidia ha più volte negato nel corso dell'anno che i costi di produzione per le GPU GeForce FX a 0.13 micron abbiano assottigliato i margini di guadagno della compagnia. Tuttavia attualmente pare che i problemi sono siano imputabili solo al processo a 0.13 micron di TSMC ma anche a particolari scelte di design del chip.

La transizione a 0.11 micron per ATi avverrà probabilmente nella seconda metà del prossimo anno, circa un anno e mezzo dopo che il primo chip a 0.13 micron ha lasciato le fonderie di TSMC. Tutta la prossima generazione di VPU ATi sarà prodotta utilizzando il processo a 130 nanometri, mentre le genreazioni successive (ATi R500) saranno prodotte a 0.11 micron. Potrebbe essere possibile che nella seconda metà del 2004 per fini di valutazione ATi realizzi un processore grafico meno complesso per il mercato mainstream utilizzando il processo a 0.11 micron.

Attualmente la società Canadese realizza le proprie VPU tramite TSMC e UMC. Ufficialmente la compagnia non ha progetti di rivolgersi ad altri produttori per la realizzazione dei propri chip.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ally29 Settembre 2003, 16:17 #1
...ATI sempre piu' aggressiva...aspettiamo volari e la prossima scheda nVidia...fondamentale che nVidia non sbagli un altra volta...ptrebbe essere l'ultima
nail k629 Settembre 2003, 16:32 #2
X il mercato schede video, x il mercato chipset stà andando molto bene...
WarDuck29 Settembre 2003, 16:56 #3
oddio nail... con nforce 2 si, ma sembra molto meno con nforce3, inoltre credo che nvidia venda + chip grafici che chipset...

Oltre al fatto che ATi sta strappando anche ASUS a nVidia
permaloso29 Settembre 2003, 16:58 #4

X il mercato schede video, x il mercato chipset stà andando molt

oddio h azzzeccato fino ad ora un chipset.. visto che il primo nn era concorrenziale e lo stesso corsini quando parla dei chipset per atlon64 nel resoconto della fiera dice chiaramente che la piattaforma Via è molto più performante...
nail k629 Settembre 2003, 17:19 #5
Come nn detto LOL
Marci29 Settembre 2003, 17:44 #6
ma non sarebbe + conveniente produrre i Chip in proprio?
a lungo andare non costerebbe di meno avere una propria fonderia come fa Intel?
jappilas29 Settembre 2003, 18:03 #7
Originariamente inviato da Marci
ma non sarebbe + conveniente produrre i Chip in proprio?
a lungo andare non costerebbe di meno avere una propria fonderia come fa Intel?



ehm... a parte che intel di fabbriche non ne ha "una" ma N (l' esatto numero me lo sono chiesto spesso... una volta ho letto 21, altre volte qualche altra 7... chi ha un dato sicuro me lo direbbe pls ? )sparse per il mondo, anche se non tutte aggiornate all' ultimo tipo di processo ...

ma cmq ... se tutti (nella fattispecie le Case di chip grafici) dovessero avere la loro fabbrica, avrebbero costi produttivi maggiori e rese minori:
intanto dovrebbero ammortizzare le migliaia di miliardi che costa costruirne una,
da questa unica fabbrica poi dipenderebbero le sorti di tutta la produzione, (un errore di questa-> kaput nvidia) e ad essa toccherebbe lottare per tenere il passo del mercato dei semiconduttori e relativi standard di qualità e omogeneità nei processi produttivi ...

affidarsi a TSMC (che è un colosso, con impianti in tutta Taiwan) permette a nVidia e Ati di lasciare ad altri le problematiche relative alla produzione, che non sono banali (in effetti anche se a noi arrivano solo trafili tipo "XXXX riesce a produrre a 0.13" oppure "è rimasta a 0.15" che non rendono minimamente l' idea di cosa sia produrre chip )
...quindi possono concentrarsi sulla progettazione con la certezza che tanto poi i chip verranno prodotti secondo gli standard di mercato (siccome fanno tutti così, si arriva al punto che TSMC, insieme a UMC, intel, AMD, e pochi altri, E' il mercato, o almeno buona parte di esso)
e sì che poi c' è sempre l' annoso problema dello "yield", rendimento (in esemplari funzionanti, di ogni processo (ad es lo 0.13), ma dal punto di vista dei committenti di tsmc il problema si riduce al solo "go" o "no go" per il lancio dei prodotti ...
mom475129 Settembre 2003, 18:05 #8
speriamo che Ati non replichi l'errore commesso da Nvidia con l'NV30 a 0.13 micron.
Wonder29 Settembre 2003, 18:15 #9

@warduck

Asus è già con Ati...eccoti i link:

http://www.ixbt.com/short/2k3-09/AS...n/front/ati.htm

http://www.ixbt.com/short/2k3-09/AS...k/ati_back.html

produrra la scheda piu performante (9800 pro XT)
Davirock29 Settembre 2003, 18:22 #10

x jappilas

le fabbriche di intel sono 26!

Bye

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^