APEX: nuovo framework per la simulazione della fisica da NVIDIA

APEX: nuovo framework per la simulazione della fisica da NVIDIA

Al GDC NVIDIA annuncia il nuovo framework modulare per la simulazione della fisica, inserito nel pacchetto SDK PhysX

di pubblicata il , alle 15:19 nel canale Schede Video
NVIDIA
 

In occasione del Game Developers Conference di San Francisco NVIDIA Corporation ha annunciato APEX, una nuova funzione inserita all'interno dell' SDK per PhysX che offre ad artisti, creatori di livelli e sviluppatori di giochi una serie di strumenti per semplificare l'implementazione di effetti fisici scalabili su più piattaforme nei giochi di nuova generazione.

Progettata come struttura modulare in grado di funzionare con gli SDK PhysX pre-esistenti, NVIDIA APEX rende più semplice l'aggiunta di effetti fisici dettagliati ai giochi e aiuta gli sviluppatori a ottimizzare il gameplay su molteplici piattaforme grazie ad una funzione di creazione di contenuto cross-platform di tipo "author once". APEX non si limita soltanto a ridurre i tempi tecnici necessari all'authoring dei giochi, ma aiuta anche a contenere i costi complessivi di sviluppo.

Il toolset NVIDIA APEX sarà reso disponibile gratuitamente a tutti gli sviluppatori in possesso di licenza NVIDIA PhysX ed è già in corso di integrazione in alcune delle più diffuse librerie e motori di gioco, fra cui Gamebryo LightSpeed di Emergent Game Technologies.

A tal proposito Geoffrey Selzer, CEO di Emergent Game Technologies, ha dichiarato:

"APEX è un'integrazione davvero eccellente della tecnologia NVIDIA PhysX. Una tecnologia vincente, tuttavia, è solo parte della soluzione. Abbiamo scelto di creare una partnership con NVIDIA per le integrazioni di APEX/LightSpeed principalmente per l'eccellente combinazione di tecnologia all'avanguardia e cultura di servizio al settore industriale, un tratto che ci accomuna. L'impegno di NVIDIA nei confronti dei partner, della tecnologia e degli sviluppatori viene costantemente testimoniato non solo da rapporti di collaborazione come il nostro, ma anche dalla prospettiva olistica con cui l'azienda affronta il futuro del settore e le sue esigenze. PhysX, APEX e LightSpeed sono una vera e propria rivoluzione per l'ambiente di lavoro di sviluppatori, artisti e tecnici e mi aspetto che portino a una vera e propria rinascita della creatività nei videogiochi.”

Uno dei tratti caratterizzanti di APEX è il supporto dei nuovi moduli plug-in, ciascuno dei quali fornisce un'interfaccia di “alto livello” che permette ad artisti e creatori di livelli di facilitare la creazione di contenuti fisici predefiniti con un coinvolgimento nullo o limitato da parte dei programmatori.

Sempre in occasione del GDC NVIDIA ha in esposizione tre nuovi moduli — distruzione, abbigliamento e vegetazione — ognuno dei quali aggiunge specifiche funzionalità dinamiche di gioco che consentono un authoring completo dei contenuti. APEX è disponibile per l'uso con tutte le principali piattaforme di gioco fra cui PC, Xbox360, PLAYSTATION3 e Nintendo Wii. Altri moduli APEX sono in corso di sviluppo da parte di NVIDIA e dei partner APEX. Il CEO di IDV, Chris King, ha comunicato l'introduzione del supporto a PhysX in SpeedTree 5.0, il noto software per la rappresentazione del fogliame.

Tony Tamasi, Senior Vice President di Content e Technology per NVIDIA, ha dichiarato:

"La fisica di gioco è diventata un elemento di rilievo nel gameplay e NVIDIA si impegna a fondo per consentire agli sviluppatori di offrire il massimo realismo possibile. Con la crescente importanza della fisica di gioco, riteniamo che tutti gli sviluppatori debbano disporre di strumenti in grado di favorirne la creatività. Con la tecnologia NVIDIA PhysX e APEX, la responsabilità della realizzazione degli effetti fisici di gioco passa dai programmatori ai creativi. Questo ci fa ritenere di poter assistere, nel prossimo futuro, alla nascita di giochi ancora più coinvolgenti e verosimili".

Per ulteriori informazioni sulla tecnologia NVIDIA PhysXe APEX, visitare: www.nzone.com/physx. Segnaliamo inoltre, su YouTube, alcuni interessanti video dimostrativi che permettono di prendere visione delle potenzialità delle nuove tecnologie APEX.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Eraser|8527 Marzo 2009, 15:31 #1
Si la licenza Physx è gratuita, poi c'è quella a pagamento (50k $) che ti fornisce anche i sorgenti. Vorrei tanto sperare che APEX si renda disponibile gratuitamente anche a chi è in possesso della licenza gratuita, almeno a me farebbe molto comodo
Stefem27 Marzo 2009, 16:47 #2
Originariamente inviato da: Eraser|85
Si la licenza Physx è gratuita, poi c'è quella a pagamento (50k $) che ti fornisce anche i sorgenti. Vorrei tanto sperare che APEX si renda disponibile gratuitamente anche a chi è in possesso della licenza gratuita, almeno a me farebbe molto comodo


Io credo proprio di si, comunque APEX è ancora in beta.

Puoi proporti come beta tester, credo che tu abbia i requisiti necessari, così gli chiedi anche se hanno intenzione di renderlo disponibile in forma gratuita.
Freaxxx27 Marzo 2009, 17:11 #3
ho visto qualche video su youtube e non credo sia credibile come tecnologia allo stato attuale delle cose , un missile che si infrange contro un muro e fa cadere a peso morto mattoni che non si frantumano neanche un pochino ? ne nell'impatto con il missillotto ne quando cadono a terra ? Un'animazione di un albero che sembra di plastica ? Se uno sbatte contro ad un albero così come minimo o si rompe il naso o si spacca l'albero se sei fatto di titanio ma di certo non si affloscia come una gelatina al tatto ...

ma a chi la vendono questa roba ? a paperino ? se questa è fisica e per di più di nuova generazione stiamo apposto ... spero rimanga in beta ma per anni perché visti i risultati è più credibile UT2004 non la sua fisica vetusta
D.O.S.29 Marzo 2009, 06:22 #4
@ Freaxxx
i limiti che hai visto dipendono dai vincoli che sono stati imposti da chi ha programmato la simulazione e non dal software.
se hanno deciso che i componenti ultimi sono i mattoni e che questi non possono sbriciolarsi in sottoparti allora vedrai solo dei mattoni.
stesso discorso per l'albero .

!fazz30 Marzo 2009, 10:17 #5
imho potrebbero cambiare nome, ultimamente nell'itc si vedono sempre nomi non originali già utilizzati in altri ambiti/ da altre marche, un pelo di originalità non farebbe male

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^