AMD: 128 GB di memoria HBM2E per l'acceleratore dual-GPU Aldebaran?

AMD: 128 GB di memoria HBM2E per l'acceleratore dual-GPU Aldebaran?

Il progetto di un supercomputer e alcune indiscrezioni rafforzano non solo la convinzione che il prossimo acceleratore di AMD per il mondo HPC, Aldebaran, avrà due GPU sullo stesso package, ma anche 128 GB di memoria HBM2E.

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Schede Video
Radeon InstinctAMD
 

Da tempo si vocifera in modo sempre più insistente dell'arrivo di un nuovo acceleratore Instinct di AMD per il settore HPC, caratterizzato da due GPU su un unico package. Questa soluzione dual-die, appartenente quindi alla schiera dei progetti MCM (multi-chip module) che vedremo prendere sempre più piede in futuro, è conosciuta con il nome in codice Aldebaran e stando a indiscrezioni sempre più concrete, dovrebbe avere a bordo ben 128 GB di memoria HBM2E, un quantitativo senza precedenti se pensiamo che Nvidia A100 si ferma a 80 GB.

Un indizio di questa specifica arriva da Setonix, un supercomputer HPE Cray da 50 petaflops che servirà a gestire i dati dello Square Kilometre Array (SKA), il progetto del più grande radiotelescopio al mondo. Le specifiche di questo supercomputer indicano la presenza di più di 200 mila core AMD Milan (EPYC 7003 Zen 3) e soprattutto di oltre 750 acceleratori "AMD MI-Next" con 128 GB per GPU. Poiché oggi non c'è nessuna soluzione Instinct con tale capacità di memoria, è molto probabile si tratti di Aldebaran.

Dietro a MI-Next dovrebbe celarsi quindi Instinct MI200. Un progetto che dovrebbe rappresentare un netto passo avanti rispetto all'attuale MI100, una soluzione basata su architettura CDNA con 120 Compute Unit (7680 stream processor) e solo 32 GB di HBM2 per una bandwidth di 1,2 TB/s.


Schema della GPU del nuovo acceleratore di AMD idealizzato da un appassionato e leaker

Nel caso della vociferata MI200 si parla di 128 CU per die, quindi 256 CU, anche se non tutte le unità potrebbero essere attive - c'è chi parla di "solo" 224 CU attive. In ogni caso si tratterebbe di un balzo avanti decisamente importante. A destare ulteriore interesse per questo acceleratore il fatto che si basi su architettura CDNA 2, quindi oltre al maggior numero di core e memoria, anche l'architettura di per sé dovrebbe garantire un importante boost prestazionale.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^