ABIT prossima alla commercializzazione di schede video NVIDIA?

ABIT prossima alla commercializzazione di schede video NVIDIA?

La nota azienda taiwanese pare essere pronta a rientrare nel business delle schede video proponendo soluzioni basate su GPU NVIDIA

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:55 nel canale Schede Video
NVIDIA
 

Secondo quanto riporta il sito web Digitimes, riferendo le voci di alcune fonti ben informate addentro al mercato delle schede video, pare che Abit sia prossima ad avviare la commercializzazione di schede video con GPU NVIDIA.

Ricordiamo che Abit, nel lontano 2004, decise di sospendere la produzione di schede video basate su GPU NVIDIA per dedicarsi esclusivamente alla commercializzazione di schede basate sulle GPU della canadese ATI, mantenendo tuttavia il business relativo alle schede madri con chipset nForce.

A seguito del riassetto societario, con l'acquisizione di Abit da parte di Universal Scientific Industrial nel corso del mese di marzo 2006, l'azienda taiwanese si è poi concentrata solamente sulla produzione di schede madri e accessori per PC.

Secondo quanto si apprende Abit commercializzerà solamente schede video NVIDIA: non è dato sapere, almeno per ora, se vi sia l'intenzione di affiancare ad esse anche soluzioni basate sulle proposte GPU di AMD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marezza31 Marzo 2008, 12:02 #1
In bava da ABIT...son curioso di vedere cosa sapranno fare con quei gingilli della NVIDIA...
Catan31 Marzo 2008, 12:08 #2
penso nulla visto che ormai le vga nvidia e quelle ati, sono prodotti in stabilimenti precisi in cina e vengono date gia belle e pronte con tutto assemblato lasciando ai produttori la scelta di mettere o solo l'immagine sul dissi stock(come fece nvidia sulla 8800series iniziale ) oppure lasciargli solo la facolta di cambiare dissi.

anche se boh un altro competitor nel mercato video, secondo me situazione è satura.

lato nvidia;asus, pov, zotac e peak e tutte le loro succursali a basso costo come xpertvision etc rivomitano sul mercato una gran quantita di vga

lato ati: sapphire, powercorol, connect3d, peak lo stesso.

spazzio per abit che sicuramente non si metterà al livello di peak a fare vga economiche, in un mercato nvidia dove asus e pov e zotac la fanno da padrone ce ne è poco.
Marko#8831 Marzo 2008, 12:31 #3
Secondo me invece non è un male, alla fine più ce ne sono e più guerra si fanno teoricamente...poi è ovvio che non è che verranno regalate, ma è sempre un po' di competizione in più...
bLaCkMeTaL31 Marzo 2008, 13:05 #4
competizione...o cartello ?
Ratatosk31 Marzo 2008, 13:22 #5
Ma nVidia non stava prendendo a calci i partner minori per razionalizzazione delle politiche di vendita?
DanieleG31 Marzo 2008, 14:21 #6
Spero non succedano gli stessi casini delle MB con chipset nvidia... e parlo da sfortunato possessore di una Abit AN52
Dexther31 Marzo 2008, 14:37 #7
alla fine si tratta solo di appiccicare l'etichetta ...
avvelenato31 Marzo 2008, 16:50 #8
Originariamente inviato da: Marko#88
Secondo me invece non è un male, alla fine più ce ne sono e più guerra si fanno teoricamente...poi è ovvio che non è che verranno regalate, ma è sempre un po' di competizione in più...


troppa competizione imo fa male.
Non fraintendermi, che si abbassino i prezzi mi fa piacere, ma sotto un certo minimo non ci si può andare, a meno di non fare i genovesi sul controllo qualità. E siccome la gente solitamente guarda prima il prezzo e poi la qualità (anche perché della seconda spesso ce ne si accorge troppo tardi ), finisce che anche i competitors a più alto livello si devono adeguare abbassando prezzi e qualità, per stare a galla.... tranne magari una o due brand che decidono di targettizzare la fascia più attenta del mercato (alzando margini e prezzi). Quindi ne vien fuori una gara al ribasso dove chi ci perde è il consumatore, che se non è attento rischia di trovarsi un pezzo difettoso su cui poi dover pretendere la garanzia (con tutti i disagi del caso), oppure il consumatore attento che per avere un prodotto di qualità (ovvero la legittima pretesa di acquistare un oggetto che non si rompa appena scaduta la garanzia) deve pagare un plusvalore... insensato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^