Una nuova proposta Asus della famiglia ROG

Una nuova proposta Asus della famiglia ROG

Grande attenzione per la soluzione Asus Maximus IV Extreme-Z, soluzione per processori Intel Sandy Bridge basata su chipset Z68

di pubblicata il , alle 10:47 nel canale Schede Madri e chipset
IntelASUS
 

La famiglia di soluzioni Asus Republic of Gamers, proposte destinate all'utilizzo da utenti appassionati sia di overclock come di tweaking più in generale, si estende al Computex 2011 con una nuova proposta socket 1155 LGA compatibile con i processori Intel della serie Sandy Bridge.

asus_iv_maximus_extreme_z.jpg (125469 bytes)

Ci riferiamo al modello Maximus IV Extreme-Z basata su chipset Intel Z68, la più recente piattaforma per processori Intel Sandy Bridge che implementa tra le altre anche compatibilità con la tecnologia Smart Response. Questa scheda riprende il design e le principali caratteristiche tecniche già viste nel modello Maximus IV Extreme, proposta basata su chipset Intel P67 presentata da Asus nei mesi precedenti.

Per entrambe troviamo alcune delle classiche funzionalità implementate da Asus nelle schede madri della famiglia ROG: segnaliamo ad esempio ROG iDirect, per il tweaking del sistema da iPhone o iPad attraverso apposita app, ROG Connect per l'overclock rapido del sistema e RC Bluetooth, sempre per la gestione dei parametri di overclock via terminale.

Per la proposta Maximus IV Extreme-Z segnaliamo anche la presenza della tecnologia LucidLigix Virtu, grazie alla quale poter eseguire switching trasparente all'utente dalla GPU integrata nel processore a quella discreta, beneficiando delle potenzialità di entrambe in funzione dello specifico tipo di applicazione che viene eseguita.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
illidan200003 Giugno 2011, 12:06 #1
overclock via iPhone/iPad: dove andremo mai a finire...
Capozz03 Giugno 2011, 12:20 #2
Originariamente inviato da: illidan2000
overclock via iPhone/iPad: dove andremo mai a finire...


Overclock da iphone ?
No, per favore, non posso crederci.
sertopica03 Giugno 2011, 12:27 #3
"Aspetta un attimo che overclocco la CPU, resta in linea!"
Tututa03 Giugno 2011, 14:13 #4
....allora non sono il primo a pensare che questa feature sia un'assoluta minkiatona?

Basta che ci schiaffano la parola iphone, si credono di vendere di più!

walk on
ttt
jappilas03 Giugno 2011, 15:14 #5
Originariamente inviato da: illidan2000
overclock via iPhone/iPad: dove andremo mai a finire...
oddio, il fatto in sè di trasformare la circuiteria di gestione di gestione del clock (e magari del VRM) on board in una periferica (a quanto pare) usb o blutooth, e quindi supportare il controllo da parte di host esterni (oltre alle consuete porte logiche attraverso cui è programmata all' inizio del post) avrebbe una sua utilità in vari casi (non ultimo per il ripristino del sistema qualora il post sia reso impossibile da valori troppo fuori misura )
ora, se anche l' host di cui sopra poteva magari essere un qualunque device dotato di una porta usb, va detto che uno smartphone è molto più maneggevole di un pc, e nell' utenza target di questa scheda (la fascia enthusiast) i possessori di smartphone possono essere preponderanti rispetto a coloro che possiedono un secondo pc, quindi sviluppare una app per ios piuttosto che un tool per pc (per windows o per linux?) - o una app per android, piattaforma frammentata - dal punto di vista di asus era in effetti la scelta più logica, anche per coprire una certa percentuale di mercato target con una sola code base ..
SWATT200103 Giugno 2011, 15:27 #6
Non sanno cosa inventarsi... X vendere!!!$$$
niciz03 Giugno 2011, 16:00 #7
solo per una minkiata del genere non la comprerei..
v1nline03 Giugno 2011, 16:41 #8
jappilas la cosa "più logica" sarebbe stata un'app per windows (o linux, fornendo un live cd) per la gestione da un secondo pc connesso in rete, se lo scopo fosse stato offrire maggiore funzionalità.

fare un'app per iphone smaschera il prodotto per quello che è: una pagliacciata
jappilas03 Giugno 2011, 18:57 #9
Originariamente inviato da: v1nline
jappilas la cosa "più logica" sarebbe stata un'app per windows
ci sono due problemi:
il primo è che per quello che scrivi occorre appunto un secondo pc completo di sistema operativo (quindi non un' ipotetica appliance embedded nè uno smartphone dai consumi molto più ridotti e dalla maneggevolezza molto maggiore)
ora, sei sicuro che l' acquirente tipo di una scheda del genere possegga un secondo pc oltre a quello che su di essa si baserebbe? se non sbaglio la prassi per l' utenza enthusiast è tenere costantemente aggiornato il proprio "rig" acquistando nuovi componenti e cercare di vendere quelli vecchi per rientrare nelle spese - quindi è più probabile che si possieda un solo sistema ad elevate prestazioni E uno smartphone (il nuovo must per gli appassionati di tecnologia) che non più PC, mediocri
(o linux, fornendo un live cd)
ora, se un' app per windows sarebbe anche plausibile potendo coprire pressochè tutte le versioni con una sola codebase ( quella sviluppabile con le risorse a disposizione di asus - plausibilmente ridotte, visto su quale piattaforma si sono in effetti orientati almeno per il momento) una per linux lo sarebbe meno
e perchè linux soffre di una cronica frammentazione (con incompatibilità binaria tra distribuzioni e tra versioni successive di stesse distribuzioni) a fronte di una percentuale di diffusione scarsa (che implica una probabilità molto minore di trovare persone potenzialmente interessate a questa MB tra gli utenti linux - che d' altra parte statisticamente, appaiono meno come enthusiast, per via delle molto minori richieste hw dei giochi disponibili sotto linux ...), che appunto obbligherebbe a fornirla con una propria distribuzione live perchè questo sarebbe l' unico modo di coprire l' intera utenza con una sola code base
ma d' altra parte questa monopolizzerebbe il secondo pc durante il funzionamento del rig principale - anche se possibile in teoria, quanti sono disposti a tenere accesi due pc per usarne uno?
e last but not least andrebbe a sua volta mantenuta e supportata durante la vita del tool, quindi durante la vita del prodotto MB, insieme alle eventuali altre versioni della app, supporto che ha un costo... e ammettendo che asus abbia abbastanza risorse per farlo ( vedi sopra) sei sicuro che le convenga sostenerlo, cioè che esista un potenziale mercato costituito da possessori di un secondo pc (e disposti a dedicarlo alla live) che giustifichi l'investimento, quindi che sia almeno equiparabile a quello dei possessori di iphone?
per la gestione da un secondo pc connesso in rete
connesso in rete la vedo dura - i chip di controllo di clock e vrm (quando esterni - già su alcuni recenti della serie intel il clock driver era integrato nel PCH per semplificare la piattaforma e ridurne i costi attraverso meno componenti e meno piste da sbrogliare, oltre che per limitare l' overclock da parte degli utenti) sono a volte controllati anche tramite smbus o SPI - bus seriali standard, quindi tali per cui convertitori USB si trovano già pronti o sono relativamente facili da sintetizzare
discorso analogo per la connessione senza fili via blutooth - siccome in questo caso praticamente non ne occorre la pletora di servizi ma solo il signaling, anche volendo reimplementarlo ex novo (piuttosto che acquistare una soluzione -chippino- di terze parti, cosa che mi pare assai più probabile) si può evitare di implementare l' intero stack BT
ma se come monitor volessi un secondo pc connesso via ethernet mi servirebbe un' implementazione completa dello stack di rete, quindi un processore su cui eseguirlo - non mi basterebbe più un bridge seriale - seriale...
fare un'app per iphone smaschera il prodotto per quello che è: una pagliacciata
non ti piace, non comprare - non sei costretto
per me pure è una feature frivola, ma non mi dispiace pensare a cosa ci può essere dietro in un discorso pragmatico di costi, mercato, opportunità ed ingegnerizzazione
che poi per quanto è dato sapere potrebbe essere una feature che qualcuno ha in effetti richiesto - magari sul forum ufficiale asus - o che ha ricevuto consensi in qualche sondaggio di mercato -"che feature vorreste vedere sulla prossima MB high end?" ne ho visti parecchi- od anche solo che il product manager vedeva appropriata in funzione del target (appassionati che ormai valutano una scheda high end in base alle feature "esoteriche" o "frivole", dando stabilità e overcloccabilità ormai per scontate)
kiwivda04 Giugno 2011, 00:55 #10
decisamente la mia prossimamobo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^