Surfboard C855: piattaforma reference da VIA

Surfboard C855: piattaforma reference da VIA

VIA annuncia la disponibilità di una piattaforma reference design per sistemi portatili da 10 o 12 pollici, basata su VIA C7-M e sul nuovo chipset VX855

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:54 nel canale Schede Madri e chipset
 

VIA Technologies ha recentemente annunciato la disponibilità del reference design della piattaforma VIA Surfboard C855, una scheda logica di ridotte dimensioni che include processore VIA C7-M ULV e il nuovo chipset VIA VX855.

La nuova piattaforma è destinata alla realizzazioni di soluzioni mini-notebook o netbook, in particolare per dispositivi costruiti attorno ad un form factor di 10 o 12 pollici. La disponibilità di una piattaforma di riferimento consentirà ai produttori e agli assemblatori di ridurre considerevolmente il tempo necessario per la progettazione e la costruzione di un sistema notebook.

Il processore impiegato è, come già accennato, il VIA C7-M ULV che opera alla frequenza di 1,6GHz e con FSB a 800MHz. La piattaforma Surfboard supporta fino a 2GB di memoria DDR2 667/800.

La nuova piattaforma Surfboard di VIA, grazie all'impiego della soluzione VIA Chrome9 HCM IGP, consentirà inoltre la gestione di contenuti video in alta definizione, fino alla risoluzione di 1080p con supporto alla decodifica hardware H.264, MPEG-2/4, VC-1 e WMV9. La piattaforma supporta risoluzioni di 1366x768 per quanto concerne l'impiego di display interni, mentre sono supportati display esterni con risoluzione fino a 1920x1440 pixel.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7720 Marzo 2009, 15:10 #1
Mah..
ormai sono ANNI che si vedono articoli e news di reference board VIA..
Continuano a farle pagare tantissimo e all'atto pratico di modelli sul mercato praticamente non ce n'è!

Pocissime le eccezioni di cui comunque ne vendono pochissime e oltretutto sono pressochè introvabili per le ragioni appena citate.

Ribadisco inoltre che il C7-M vale meno di un ATOM.. che già di suo non brilla certo per potenza.

In altre parole: l'ennesime ciofeca senza futuro venduta a peso d'oro!
O VIA cambia registro o finirà molto male IMHO..
supertigrotto20 Marzo 2009, 15:20 #2

non lo so demon77

però almeno cominciano a vedersi alternative ad atom,poi se consideri la texas instruments con l'architettura risc (arm).......questa alternativa ci voleva,per quanto non sia molto superiore alla proposta intel!
jdvd97620 Marzo 2009, 15:59 #3
Consumi? Molto si gioca anche qua....ION ha parzialmente disatteso questo aspetto...
demon7720 Marzo 2009, 16:30 #4

@ supertigrotto

Bè aspetta.. la storia è diversa!
La prima a fare queste cose è stata VIA.. solo che ha pensato bene di vendrele a peso d'oro e ovviamente non hanno avuto seguito sul mercato.
Poi Intel ha fatto Atom (che va anche di più ed in quattro e quattr'otto si è mangiata il mercato lasciando VIA al palo.

Ora VIA tenta disperatamente di recuperare almeno una fettina.. ma sinceramente la vedo molto male:
- prezzi tendenzialmente alti.
- prestazioni non competitive
- assenza di modelli sul mercato se non per rarissime eccezioni!
Saeba Ryo20 Marzo 2009, 17:17 #5
Soprattutto l'ultimo punto... Introvabili...
marino721 Marzo 2009, 09:38 #6
C7-M e Atom se la giocano a parità di clock, solo nelle applicazioni con HT Atom ha un netto vantaggio. Piuttosto per me sono scarsi prestazioni e driver della scheda grafica Via vedremo se ques'ultimo chipset è migliorato, certo il conocorrente per ora è quella ciofeca della intel 950
Lotharius21 Marzo 2009, 18:05 #7
In effetti non capisco perchè VIA continua a mettere in mezzo il C7-M quando il Nano, specialmente nella prossima versione dual core (Nano 3000 misembra) promette molto bene, specialmente confrontato a Atom.
Le uniche spiegazioni sensate potrebbero essere il minor costo di produzione per loro, con conseguente prezzo d'acquisto più basso per l'utente. Oppure, questa piattaforma potrebbe essere destinata a netbook con requisiti di sicurezza superiori alla media, considerando che il C7-M integra le tecnologie PadLock ACE, cioè cifratura dati in AES accelerata in hardware e trasparente al SO, come anche l'Accelerated RSA, supporto allo SHA-256 e all'NX bit. Insomma, tutte tecnologie che rendono preferibile l'uso di un computer equipaggiato di questa CPU in determinate condizioni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^