SiS ritorna in attivo dopo quasi due anni

SiS ritorna in attivo dopo quasi due anni

Il produttore di chipset è riuscito a chiudere in attivo il terzo trimestre dell'anno. Se il trend dovesse essere seguito anche nei prossimi tre mesi, la società potrebbe chiudere in attivo l'intero anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:02 nel canale Schede Madri e chipset
 

Dopo quasi due anni di perdite, SiS, il produttore di chipset al terzo posto nella classifica mondiale, è ritornata in attivo dopo aver dichiarato guadagni per circa $2,96 milioni nel terzo trimestre del 2003.

Le perdite totali della società sono arrivate a quota $1,64 milioni nei primi tre quarti dell'anno, secondo anche quanto pubblicato su Digitimes. Tuttavia, nel caso in cui la compagnia dovesse continuare con lo stesso trend anche nell'ultimo trimestre, potrebbe avere la possibilità di risultare in attivo per l'intero anno.

Durante il primo periodo dell'anno UMC ha acquisito il 30% delle quote di SiS e il CEO di UMC è diventato anche CEO di SiS. Durante il mese di febbraio sono state puntualizzati alcuni aspetti della strategia futura di SiS, i cui aspetti chiave sono rappresentati dallo sviluppo congiunto di nuoi processi di produzione e dal focus su prodotti di fascia più alta, al fine di incrementare il gross margin e poter ritornare in attivo.

Il nuovo CEO ha anche criticato la strategia intrapresa da SiS nello scorso anno per incrementare il market share con prezzi bassi. Questa strategia avrebbe causato l'assottigliamento del margine lordo della società, facendolo calare di 5 punti percentuali a quota 21% nel 2002, fino ad arrivare a quota 17% nell'ultimo trimestre dello scorso anno.

SiS, inoltre, pare intenzionata a voler effettuare uno spin-off delle attività di fabbrica verso una struttira indipendente, per concentrarsi maggiormente nello sviluppo e nel marketing di chipset. Non v'è alcuna informazione legata agli affari di SiS circa processori I/O e chip multimediali.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
OverClocK79®04 Novembre 2003, 12:23 #1
credo che sia grazie all'apporto di ECS che nel settore low-end usa quasi tutti chipset SiS
ma anke di altri produttori come Asus e ASrock

BYEZZZZZZZZZZZ
thegiox04 Novembre 2003, 13:32 #2
e nei portatili? quanti portatili ci sono con il sis?
Matt8604 Novembre 2003, 15:00 #3
Infatti ECS K7S5A Docet
Diadora04 Novembre 2003, 15:26 #4
2,96 milioni di $????
Ma è una cifra ridicolo per una impresa che vende in tutto il mondo!
dr-omega04 Novembre 2003, 15:30 #5
Già, purtroppo i portatili Asus sono appestati da questa soluzione... puah!
Con tutti i chipset decenti che ci sono in giro (es.Intel), proprio i SiS devono montare!!!
adepto04 Novembre 2003, 15:36 #6
Domanda (non c'entra molto con la notizia ma con SIS si...) è meglio (come affidabilità e stabilità il chip set SIS 651 o il VIA P4X400 ?
Grazie...
dragunov05 Novembre 2003, 20:14 #7
Credo che era sempre in perdita vendendo prodotti a buon mercato,il loro margine di guadagno nn era molto!
Poi penso anche che progetti per nuovi chipset e il resto abbiano contribuito!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^