Sino a 12,8 Gbytes di banda per le memorie QBM

Sino a 12,8 Gbytes di banda per le memorie QBM

Attesi per il 2003 i primi moduli memoria Quad Band Memory, capaci in configurazione dual channel di una bandwidth massima sino a 12,8 Gbytes

di pubblicata il , alle 16:38 nel canale Schede Madri e chipset
 

QBM_photo.jpg (14187 bytes)

Kentron Technologies ha ufficialmente annunciato che adotterà, a partire dall'anno 2003, i moduli memoria DDRI-400 come base per i propri moduli Quad Band Memory; questi moduli permetteranno di ottenere bandwidth massime teoriche di 6,4 Gbytes al secondo (single channel) e 12,8 Gbytes al secondo (dual channel).

La tecnologia Quad Band Memory (QBM) permette un di raddoppiare la bandwidth della memoria di sistema, utilizzando moduli DDR, grazie ad uno schema che, in estrema sintesi, applica un raddoppio di frequenza ai moduli memoria. Questo permetterà di ottenere bandwidth complessive pari a 3,2 Gbytes al secondo utilizzando moduli memoria PC1600 (frequenza effettiva pari a 400 Mhz), oppure di 4,2 Gbytes al secondo utilizzando memorie PC2100 (frequenza effettiva pari a 533 Mhz).

Kentron introdurrà i primi moduli memoria QBM533, con bandwidth massima teorica di 4,2 Gbytes al secondo, nel primo trimestre dell'anno 2003, in abbinamento a schede madri Pentium 4 basate su chipset VIA P4X800. Questi moduli saranno basati su memoria DDRI-266.

Ulteriori informazioni sulla tecnologia Quad Band memory sono disponibili nelle seguenti notizie

QBM Alliance, accolti due nuovi membri
ATP Electronics e Tanisys Technology entrano a far parte dell'alleanza Quad Band Memory

VIA supporta le Quad Band Memory
VIA annuncia ufficialmente il proprio supporto allo standard Quad Band Memory, capace di raddoppiare la bandwidth delle memorie DDR

Quad Band Memory (QBM)
L'introduzione di sistemi basati sulla nuova tecnologia Quad Band Memory (QBM) si fa più vicina rispetto alle iniziali previsioni

Per approfondire tecnicamente la tecnologia Quad Band Memory si rimanda a una serie di domande e risposte pubblicate sul sito kentron, disponibili on line a questo indirizzo.

L'intera press release può essere letta sul sito Kentron a questo indirizzo.

Kentron Technologies Inc. Announces the Adoption of DDRI-400 DRAM Devices to Support Quad Band Memory (QBM) 800MHz Modules For Single and Dual Memory Channel systems.

The combination of DDRI-400 devices and the QBM module based technology provides systems with memory solutions in 2003 that deliver the highest system performance (6.4 GB/sec and 12.8 GB/sec) in the industry.

Wilmington, MA - Dec 4, 2002 Kentron Technologies, a leading provider of next generation memory technologies has announced that its family of high performance QBM memory modules will support the DDRI-400 DRAM devices expected to become mainstream in the 2nd half of 2003. While the DRAM manufacturers such as Samsung, Micron, Hynix and Elpida focus their resources on improving bandwidth at the device level, Kentron s technology improves speed and density on the module or platform level using standard, off-the-shelf DRAM devices.

The QBM technology doubles the bandwidth of current, low cost DDR memory devices by using innovative switching technology to deliver the highest memory bandwidth in the industry. By combining the low cost, QBM switch component and DDRI-400 devices, Kentron and its partners will deliver QBM800 modules that match the 800MHz front side bus of new system processors (CPUs) expected to be available in the 2nd half of 2003. The QBM800 modules will operate up to 6.4 GB/sec (single-channel) and 12.8 GB/sec (dual-channel) and will be positioned as the lowest cost and highest performance memory modules in the industry.

Kentron and its channel partners will be introducing QBM533 (4.2 GB/sec) modules using DDRI-266 memory devices in Q1 of 2003 for use with new motherboards being introduced with the new P4X800 chipsets from VIA Technologies, Inc. The QBM533 modules combined with the VIA P4X800 memory controllers will match the fast 533MHz front side bus of CPUs and provide the highest performance single channel solution in the system marketplace. As the CPUs move to the faster 667MHz and 800MHz front side bus, Kentron will be providing QBM based solutions to meet those speeds using available low cost DDRI-333 and DDRI-400 memory devices.

QBM, with the innovative module level switching technology, resolves the challenge of memory bandwidth keeping pace with the fastest microprocessors and minimizes the density restrictions exhibited by DDRI-400 modules due to capacitive load on the memory bus.

QBM solves both of these challenges with its patented switching technology. The switch component is the key in QBM s bit packing technique which provides twice the bandwidth of standard DDR devices. The QBM switch component also acts as an On / Off switch to turn off the QBM modules not in use in a system, thus reducing the capacitive load on the memory bus and allowing for greater system density.

While QBM modules are applicable for both single and dual memory channel motherboards, the technology allows system manufacturers to maintain their low cost single channel, 64-bit BUS architectures and match the bandwidth of the fastest CPUs available, said Bob Goodman, CEO of Kentron Technologies. This new DDRI-400 based QBM-800 module will provide the bandwidth not expected to be available at the device level (DDRII & DDRIII) for several years to come and at a much lower cost.

VIA is launching its first QBM enabled chipset, the P4X800 in Q1 of 2003 which is targeted at the High Performance Desktop segment of the marketplace, said Richard Brown, Director of Marketing at VIA Technologies, Inc. As a Licensee of the QBM technology and member of the QBM Alliance, VIA will continue to work with Kentron to bring out additional QBM based platform solutions that provide the industry with the best performance at the lowest prices.

QBM-800 Modules based on DDRI-400 devices will be available in the second half of 2003.

ABOUT KENTRON TECHNOLOGIES

Founded in 1998, Kentron Technologies, Inc. specializes in the design, manufacture, sales, support and licensing of present and next-generation memory platforms to meet the speed and density requirements of high performance computing systems. With a portfolio of patented memory solutions, Kentron is pioneering new technologies that solve the memory density and speed issues faced by the PC, workstation, server and telecom marketplace. These standard memory platforms achieve the highest per socket densities and bandwidths in the world without the premium costs that might be expected of such leading edge technology. Kentron manufactures its products in multiple locations in the United States and maintains a world-class engineering and R&D facility at its corporate headquarters based in Wilmington, Massachusetts.
Additional information is available at the official Quad Band Memory (QBM) website www.QuadBandMemory.com or at the Company s website at www.kentrontech.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cacchione05 Dicembre 2002, 17:07 #1
una cosa curiosa del modulo: i chip di memoria sono 9 ! ovvero un numero diverso da una potenza di due. o forse l' enigma si risolve semplicemnete voltando il modulo e scoprendo che dall' altra parte i chip sono 7 per un totale di 16? che comunque rimane una soluzione anomala. (qualcuno può rispondere? anche se la cosa è futile sarei abastanza curioso)
atomo3705 Dicembre 2002, 17:16 #2
I I I I I I I I I lato a
I I I I I I I lato b
forse i chip sono messi così
atomo3705 Dicembre 2002, 17:17 #3
O O O O O O O O O
O O O O O O O
riprovo, non è venuto prima
atomo3705 Dicembre 2002, 17:19 #4
O_O_O_O_O__O_O_O_O
_O_O_O_O_O__O_O_O
niente riprovo
cacchione05 Dicembre 2002, 17:31 #5
spero che risponda qualcun' altro oltre atomo!
nei commenti delle news a riguardo dello stesso argomento si era detto che questa tecnologia non sarà diffusa in quanto non ancora adottata dai grandi produttori. a me sembra che abbia davvero tutte le carte in regola per essere il prossimo standard dopo le ddr, sicuramente, in un anno, altri produttori si interesseranno.
ErPazzo7405 Dicembre 2002, 17:36 #6
Originariamente inviato da cacchione
[B]una cosa curiosa del modulo: i chip di memoria sono 9 ! ovvero un numero diverso da una potenza di due. o forse l' enigma si risolve semplicemnete voltando il modulo e scoprendo che dall' altra parte i chip sono 7 per un totale di 16? che comunque rimane una soluzione anomala. (qualcuno può rispondere? anche se la cosa è futile sarei abastanza curioso)

Le memorie ECC hanno un chip in + x la correzione di eventuali errori, probabilmente quelle che si vedono sono ECC, x cui dovrebbero essere 18.
fuztec2505 Dicembre 2002, 17:58 #7

Secondo me....

Uno dei chip viene usato come controller di parità, alla stessa stregua di quanto si utilizzavano le prime SIMM per 486. In pratica, fungeva da "buffer" qualora venissero saturati i chip di memoria "vera".

...Poi può anche darsi che abbia scritto una boiata colossale. Sorry... Voleva solo essere una supposizione.

CheerZ , Fuz!
lucasantu05 Dicembre 2002, 17:59 #8
chi sa cosa tira fuori la corsair )))
atomo3705 Dicembre 2002, 18:30 #9
Corsair assembla moduli di memoria, non credo proprio che abbia il potere di creare nuovi standard tecnologici
cionci05 Dicembre 2002, 19:12 #10

Re: Secondo me....

Originariamente inviato da fuztec25
[B]Uno dei chip viene usato come controller di parità, alla stessa stregua di quanto si utilizzavano le prime SIMM per 486. In pratica, fungeva da "buffer" qualora venissero saturati i chip di memoria "vera".

...Poi può anche darsi che abbia scritto una boiata colossale. Sorry... Voleva solo essere una supposizione.
Fuz!

Il chip di parità serviva per verificare la correttezza dei byte memorizzati in memoria...
Per ogni byte (8 bit) c'era un bit di parità... Che veniva calcolato in base al numero di uno contenuto nel byte da memorizzare...
L'unico problema è che era un controllo di errore un po' troppo semplice perchè se variavano due bit la parità era sempre verificata...
Poi sono venute le ECC (che hanno un algoritmo capace di recuperare dall'errore) e quelle altre che non mi ricordo come si chiamano (ChipKiller...o qulcosa del genere)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^