SATA III su P55, seri problemi per il chip Marvell

SATA III su P55, seri problemi per il chip Marvell

Il chip che dovrebbe essere utilizzato dai produttori di schede madri per affiancare P55 sembrerebbe avere seri problemi di funzionamento, tanto da obbligare i produttori a non considerarlo utilizzabile

di pubblicata il , alle 11:18 nel canale Schede Madri e chipset
 

L'arrivo delle schede madri sviluppate su chipset Intel P55 porteranno sul mercato una ridda di novità: oltre ad un rinnovato socket e una struttura del chipset a singolo chip, le nuove schede madri dovrebbero essere anche le prime a presentare le connessioni SATA III a 6 Gb.

Il condizionale, per il momento è un obbligo: Asus ha infatti deciso di non impiegare il chip Marvelll 88SE9123 per lo sviluppo delle proprie soluzioni basate su P55. Alla base di questa decisione, nonostante nulla sia ancora stato confermato, sembrerebbero esserci motivi legati al funzionamento e alla stabilità della soluzione sviluppata da Marvell.

Immagine scheda madre gigabyte

Un ulteriore indizio, seppur indiretto, arriva anche da Gigabyte: non solo il modello di P55 che vi avevamo mostrato in anteprima non era dotato di tale chip, ma vi erano chiari segni di un alloggio per chip completamente vuoto.

I problemi potrebbero comunque essere risolti in breve tempo, ma ancora, stando alle prime indiscrezioni, non è chiara la gravità della situazione: potrebbe quindi rivelarsi necessario un completo lavoro di rifacimento da parte di Marvell, il che renderebbe impossibile sperare di vedere il supporto SATA III almeno sui primi modelli di P55 che arriveranno a Settembre/Ottobre.

Lo scenario potrebbe quindi vedere Intel senza supporto SATA III e dover cedere quindi il passo alla concorrenza: i prossimi chipset sviluppati da AMD e NVIDIA sembrerebbero infatti avere integrato il supporto per il nuovo standard di connessione, non avrebbero quindi necessità di avere un chip di terze parti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mikeb9015 Luglio 2009, 11:25 #1
bè che dire... non tutte le ciambelle riescono col buco, un errore di progettazione è comprensibile...e cmq: W LA CONCORRENZA!!!!
SergiusITA15 Luglio 2009, 11:25 #2
questo video vi chiarià un po' le idee:

http://www.youtube.com/watch?v=t2PBgqJClPA
Eulogy15 Luglio 2009, 11:32 #3
Originariamente inviato da: SergiusITA
questo video vi chiarià un po' le idee:

http://www.youtube.com/watch?v=t2PBgqJClPA



Perchè devi deriderti da solo?

Tornando IT si spera che risolvano in fretta altrimenti devo posticipare cambio pc.
int main ()15 Luglio 2009, 11:33 #4
non sapevo fossero gia pronte
GByTe8715 Luglio 2009, 11:38 #5
Beh, la cosa non credo che danneggi molto il consumatore, almeno fino a quando gli SSD "seri" non si saranno diffusi in modo capillare
mikeb9015 Luglio 2009, 11:45 #6
ehhhmmmm link rimosso epr violazione dei dirittiXD
CaFFeiNe15 Luglio 2009, 11:48 #7
il protocollo sata3 è importante anche per la sua controparte Esata che dovrebbe aggiungere l'alimentazione tramite lo stesso spinotto sata
atomo3715 Luglio 2009, 12:11 #8
ormai il beta testing si fa sempre più sui clienti :|
sfoneloki15 Luglio 2009, 12:18 #9
Ma Intel non integra già nel suo chipset il controller SATA III ?
Sinceramente io i controller "duplicati" di terze parti li disabilito.
Anzi, a piacerebbe che tutto l'hardware fosse marchiato Intel come l'ethernet, l'EIDE PATA. Compatibilità, prestazioni elevati e pieno supporto assicurato.
Capellone15 Luglio 2009, 12:20 #10
non riesco a spiegarmi l'utilità di una notizia completamente scritta al condizionale...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^