Risultati altalenanti a Gennaio per i produttori asiatici

Risultati altalenanti a Gennaio per i produttori asiatici

Risultati variabili tra i principali produttori asiatici di componenti e notebook; il trend comune è la ripresa rispetto a 12 mesi fa

di pubblicata il , alle 14:36 nel canale Schede Madri e chipset
 

Nel corso del mese di Gennaio 2010 i principali produttori taiwanesi di schede madri, notebook e schede video hanno registrato risultati variabili, nei quali tuttavia si intravede una buona crescita media rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Prendendo come riferimento il mese di Dicembre 2009, come segnala Digitimes con questa notizia, si registrano invece risultati in alcuni casi negativi, benché con contrazioni del fatturato complessivamente non elevate.

Asus ha annunciato una contrazione del fatturato mensile del 6% su base mensile, raggiungendo il valore di circa 708 milioni di dollari USA; a titolo di confronto questo risultato è molto positivo se confrontato a Gennaio 2009, con una crescita del 167%.

Le aspettative per il primo trimestre 2010 del produttore asiatico sono di una moderata contrazione dei volumi di vendita di sistemi netbook e notebook, pari a circa il 10%, con un totale di soluzioni PC commercializzate pari a circa 2,2-2,4 milioni di pezzi e tra 1,7 e 1,9 milioni di netbook Eee PC. Nel complesso le previsioni per i primi 3 mesi del 2010 prevedono una contrazione del fatturato tra il 10 e il 20%.

Andamento simile in termini di fatturato anche per Pegatron Technology, che ha registrato una contrazione del 20,5% su base mensile ma una crescita, rispetto al mese di Gennaio 2009, del 45,9%. Per quest'azienda i volumi di vendita parlano di 1,4 milioni di schede madri, 2,3 milioni di notebook e 450.000 schede video nel mese di Gennaio.

Crescita sia su base mensile, +55%, sia su quella annuale, +41,06%, per Gigabyte; nel primo mese del 2010 il produttore taiwanese ha venduto circa 1,8 milioni di schede madri, con un volume di schede video compreso tra 200.000 e 250.000 pezzi. Le stime per l'anno 2010 prevedono un incremento nel volume complessivo di schede madri, che dovrebbe raggiungere i 20 milioni di pezzi contro i 18,5 milioni del 2009; di questi 16 milioni circa saranno schede madri a brand Gigabyte, non per conto terzi quindi.

Crescita sia mensile sia annuale per MSI e ASRock; contrazione mensile di poco meno del 18% ma crescita annuale di quasi il 6% per ECS. Alla base di questo andamento discontinuo tra i produttori taiwanesi segnaliamo difficoltà nell'approvvigionamento di alcuni componenti oltre a problemi legati a una contrazione della forza lavoro presente nelle aziende.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Persio14 Febbraio 2010, 01:51 #1
non sono altalenanti... a grandi linee guadagnano tutti...
Marcus Scaurus14 Febbraio 2010, 02:35 #2
Contentissimo per Gigabyte, che sec. me sforna ottimi prodotti. Contento anche per MSI, benché in Italia ancora, ancora, ancora e ancora si vede poco.

Pegatron che marchi controlla???
Persio14 Febbraio 2010, 10:28 #3
Originariamente inviato da: Marcus Scaurus
Contentissimo per Gigabyte, che sec. me sforna ottimi prodotti. Contento anche per MSI, benché in Italia ancora, ancora, ancora e ancora si vede poco.

Pegatron che marchi controlla???


Pegatron mai sentita.... Io quando dovevo prendere la mia mobo volevo la P35 neo della MSI ma non si trovava alla fiera di forlì... -.-

almeno ora mi da soddisfazione questa ASUS per il supporto alle ddr3...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^