Processori Intel Sandy Bridge: nuovi dettagli

Processori Intel Sandy Bridge: nuovi dettagli

Emergono nuove informazioni sulle future generazioni di processori Intel, attesi al debutto dai primi mesi del prossimo anno

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 17:15 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

Grazie alle informazioni pubblicate dal sito VR-Zone a questo indirizzo, emergono nuovi dettagli sulla futura piattaforma per processori Intel top di gamma basati su architettura nota con il nome in codice di Sandy Bridge. Questa soluzione verrà utilizzata quale sostituto delle piattaforme chipset X58 attualmente in commercio, destinate al mercato dei sistemi desktop top di gamma.

I futuri processori Sandy Bridge destinati a sistemi desktop enthusiast saranno indicati come Sandy Bridge EN, soluzioni che condivideranno lo stesso socket dei sistemi Sandy Bridge per piattaforme Xeon a singola CPU. Per questi processori verrà mantenuto, stando alle informazioni attualmente disponibili, il controller memoria DDR3 di tipo triple channel, in abbinamento a versioni di processore da 4 sino a 8 core.

E' previsto un incremento della memoria cache L3 di questi processori, che dovrebbe passare dagli attuali 12 Mbytes delle versioni a 6 core sino a 15 Mbytes: questo sembra quanto possibile con la tecnologia a 32 nanometri, con la quale verranno costruite le cpu Sandy Bridge.

Con il nome socket R viene indicata la piattaforma abbinata ai processori Sandy Bridge EP e Sandy Bridge EX, soluzioni della famiglia Xeon per sistemi da almeno 2 socket in poi. Queste soluzioni andranno a prendere il posto dei processori Intel Xeon 5600 e Xeon 7500 nell'attuale gamma di soluzioni Intel.

Il chipset Intel X58 verrà sostituito dal modello noto con il nome in codice di Patsburg, soluzione che potrebbe prendere il nome commerciale di X68. Per questa architettura viene indicato un numero massimo di 40 linee PCI Express, contro le 36 del modello X58, con pieno supporto alla implementazione PCI Express 3.0 che permetterà di ottenere un raddoppio della bandwidth massima teorica rispetto a quanto disponibile attualmente. Rispetto alla soluzione X58 questo chipset integrerà tutti i componenti in un singolo chip: verrà quindi abbandonato l'approccio a due bridge, north e south, che nella gamma di soluzioni Intel era del resto rimasto solo con il chipset X58.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Yrrah19 Aprile 2010, 17:19 #1
Ma alla fine x68 = USB3 native + Sata3 nativo + PCI ex 3.0?
Se si sarà la mia prossima piattaforma... peccato che dovrò attendere il 2011 per il socket 2011
Mparlav19 Aprile 2010, 17:34 #2
Il pci-e 3.0 ed il sata 6 GB/s ci sono.
L'USB 3.0 pare di no: alcuni ipotizzano che vogliano spingere per il Light Peak, ma in ogni caso, NEC ringrazia
Yrrah19 Aprile 2010, 17:39 #3
Mah.. sì NEC c'è, però se fanno come han fatto fin'ora con il P55a che ha solo 2 USB3 e millemila USB2...!
Micene.119 Aprile 2010, 17:40 #4
si ma a parte l'aumento dei core (e della cache) ci sono novità nell'architettura rispetto all'attuale?
Severnaya19 Aprile 2010, 17:43 #5
già al pci 3.0 siamo arrivati???
melpycar19 Aprile 2010, 18:23 #6
ok tra un anno pensiono il mio fido e6750 non mi pento di aver saltato l x58
xxxyyy19 Aprile 2010, 18:42 #7
Ma il quad channel per DDR3 (quello che mi interessava di piu') non c'e?
PESCEDIMARZO19 Aprile 2010, 18:47 #8
Speriamo che il PCI Express 3.0 non sia "utile" come i suoi predecessori!
Parny19 Aprile 2010, 19:18 #9
Ma il socket sarà sempre il 1366 o lo cambiano?
bollicina3119 Aprile 2010, 19:23 #10
Raga, un pò insipido questo articolo, lascia molti dubbi e molte domande.
Anzi nò, diciamo che non schiarisce molto le idee

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^