Problemi di scorte per i915 e i865

Problemi di scorte per i915 e i865

I produttori di schede madri accusano problemi di scorte per alcuni chipset Intel. Il problema dell'approvigionamento tuttavia riguarda anche le schede PCB

di pubblicata il , alle 14:24 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

I produttori di schede madri si trovano a dover fronteggiare un piccolo problema di scorte sia per i chipset Intel delle serie 915 e 865, sia per le schede PCB a causa di un programma di risparmio energetico avviato nel sud della Cina, dove si trova la maggior parte degli stabilimenti che producono le schede a circuito stampato.

Secondo le dichiarazioni dei produttori di schede madri, la leggera flessione nelle consegne del primo trimestre è dovuta in parte alla carenza dei chipset Intel. Sempre secondo i produttori, tale situazione non si risolverà almeno fino al lancio della nuova serie Intel 945 nel mese di Maggio.

I produttori taiwanesi di chipset, tuttavia, non hanno beneficiato dei questa situazione, con VIA Technologies che ha visto una flessione dell'11% rispetto allo scorso anno, mentre SiS ha registrato un calo del 13%.

Il programma di risparmio energetico, recentemente imposto al sud della Cina, viene solitamente adottato solamente nei mesi estivi; la situazione è destinara a peggiorare nella seconda metà dell'anno. I produttori di schede madri sono ora al lavoro per commissionare in anticipo ordini agli stabilimenti di PCB cinesi.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Carpix22 Marzo 2005, 15:01 #1
Ragazzi scusate la mia ignoranza ma perchè in cina è stat applicato questo risparmio?E poi solo per i mesi estivi?
massimomarc22 Marzo 2005, 15:07 #2
perchè la cina deve affrontare il primo grande problema di una industrializzazione veloce e costante, la mancanza di energia per muovere gli impianti.

già l'anno scorso hanno avuto qualcosa come un centinaio di black out per incapacità di creare energia sufficiente, stanno affrontando il problema in maniera strutturare ( non so se avete visto che razza di diga vogliono fare per sfruttare l'energia idroelettrica in una valle cinese, roba da 7° meraviglia del mondo...) , ma per ora devo tagliare l'energia a macchia di leopardo in tutta la cina per mandare avanti il paese..
Max Power22 Marzo 2005, 15:36 #3
Questa è la grade Cina....Son messi peggio di noiii!!!!

---

Ho sentito ankio della diga....però sono usciti poi problemi x l'irrigazione delle coltivazioni.....(ricordiamo ke lo stato cinese OBBLIGA i contadini a stare nelle campagne a lavorare la terra).

Bo....Non è escluso ke ricadano sul nucleare.....

Cmq se la situazione peggiorerà, probabilmente, le aziende si trasferiranno nell'europa dell'est, come ha fatto l'ASUS, aprendo uno stabilimento mesi fa.
giallapinna22 Marzo 2005, 17:09 #4
@massimomarc
ma non erano gia' sette le meraviglie?!!?!?
enjoymarco22 Marzo 2005, 17:37 #5
"Bo....Non è escluso ke ricadano sul nucleare....."
infatti in cina sono in fase di realizzazione parecchie nuove centrali nucleari, così come in Korea (nord e sud) India e un po' in tutti quei Paesi con un forte sviluppo industriale... insomma, le Tigri asiatiche hanno scelto il nucleo come prossima fonte di energia.
zephyr8322 Marzo 2005, 19:41 #6
Bhe trovatemi un'alternativa valida al nucleare!!!!
Carpix22 Marzo 2005, 22:19 #7
Grazie mille per l'informazioni non la sapevo questa cosa, comunque io spero solamente che anche noi ricadiamo nella nucleare perchè anche noi siamo destinati ad affrontarli.
khael23 Marzo 2005, 00:24 #8
@ giallapinna
Dipende se si esclude il Colosso di Rodi visto ke ormai nn c'e' piu'
per qst notizia...
assurdo!
Free Gordon23 Marzo 2005, 01:24 #9
Fusione fredda. Che non esiste solo perchè non deve esistere..
E' impossibile per i paradigmi scentifici attuali, ergo non esiste.
MaxArt23 Marzo 2005, 02:20 #10
La Cina non avrà scupoli ad affrontare il problema, a costo di spazzare via intere città per far posto alle dighe, e non certo si farà problemi ad avviare un intenso programma nucleare. E questo mi preoccupa, perché ho il sentore che non lo faranno nella maniera pulita e sicura tipica degli standard occidentali. I miei timori sono sia in tema ambientale che politico-militare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^