Primo trimestre in calo per i produttori di schede madri

Primo trimestre in calo per i produttori di schede madri

Le previsioni per i primi 3 mesi del 2004 sono di un mercato che opera più al rilento rispetto a quanto abitualmente verificatosi negli anni precedenti

di pubblicata il , alle 14:47 nel canale Schede Madri e chipset
 
Stando a vari istituti finanziari internazionali, le previsioni di vendita per i produttori di schede madri nel corso del primo trimestre 2004 saranno leggermente inferiori alle aspettative, con volumi in calo tra il 10 e il 13% rispetto ai volumi del precedente trimestre.

Il primo trimestre dell'anno è un periodo tipicamente al ribasso per i produttori di schede madri, ma il calo preventivato è più imponente rispetto all'abituale riduzione del 5%-10% registrata negli ultimi anni.

La riduzione dei prezzi dei processori Intel, anticipata al 1 Febbraio rispetto alla data originaria del 15 Febbraio, è un chiaro segnale di come nel complesso il mercato stia operando a livelli inferiori rispetto a quanto originariamente pianificato.

Fonte: Digitimes.com.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
seccio10 Febbraio 2004, 15:47 #1
per forza...come potrebbero le cose stare diversamente?
ormai sia intel sia Amd sono al capolinea con le attuali schede madri , visto che tutti e due stanno cambiando socket....e anche se intel lo farà fra un anno abbondante, nessuno garantisce una completa compatibilità del prescott con il socket478.

insomma...questo calo di vendite con i nuovi standard alle porte era una cosa preannunciata..se il calo lo facevano prima probabilmente avrebbero risolto un po'...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^