Presto chipset a 90 nanometri da Intel

Presto chipset a 90 nanometri da Intel

La compagnia di Santa Clara è pronta ad avviare la produzione di chipset a 90 nanometri che, tra le altre cose, dovrebbe assicurare volumi più elevati

di pubblicata il , alle 08:45 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

Intel Corporation pare essere prossima all'impiego del processo produttivo a 90 nanometri per la realizzazione dei chipset. La decisione potrebbe rappresentare un ulteriore tentativo di risolvere i problemi di fornitura, dal momento che gli stabilimenti adibiti a questo tipo di produzione sono in grado di assicurare un più ampio volume di prodotti.

Le stime da parte di alcuni analisti prevedono che già la prossima famiglia di chipset Broadwater saranno prodotti con processo a 90 nanometri che attualmente è utilizzata solamente per la realizzazione dei processori della compagnia. Intel è comunque prossima a passare alla tecnologia a 65 nanometri per la produzione dei processori: in questo modo i macchinari per la produzione a 90 nanometri potranno essere dedicati alla realizzazione dei chipset.

Attualmente la maggior parte dei chipset Intel sono realizzati con processo produttivo a 130 nanometri e con wafer da 200 millimetri di diametro. Tutti gli stabilimenti Intel in grado di realizzare prodotti a 90 nanometri fanno invece uso di wafer da 300 millimetri di diametro.

Entro la fine dell'anno Intel prevede di portare a pieno regime operativo cinque stabilimenti che faranno uso dei wafer da 300 millimetri. Si tratta delle fabbriche Fab 11X in New Mexico, D1D e D1C in Oregon, Fab 24 in Irlanda e Fab 12X in Arizona. Due di queste, D1D e Fab 12X, sono in grado di realizzare prodotti a 65 nanometri, mentre le altre tre fanno uso della tecnologia a 90 nanometri.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Yokoshima26 Novembre 2005, 09:32 #1
Due di queste, D1D e Fab 12X, sono in grado di realizzare prodotti a 65 nanometri, mentre le altre tre fanno uso della tecnologia a 90 nanometri.


Ma contano di utilizzarne solo 2 per produrre CPU?
Se così fosse è un segno che, per Intel, il mercato non tirerà più.
Sig. Stroboscopico26 Novembre 2005, 09:32 #2
wow!

Accidenti, quando si muove intel il mondo trema!
MaxArt26 Novembre 2005, 10:28 #3
Mi chiedo che processo usino NVidia, VIA, SiS, ATi e ULI per i propri chipset.
sirus26 Novembre 2005, 11:03 #4
credo che i chipset siano attualmente stampati (quasi tutti) con processo 130nm, forse qualcuno a 110nm ma a 90nm intel dovrebbe essere la prima...

speriamo che risolvano i problemi di disponibilità di chipset perché per le piattaforme intel based non c'è paragone, i chip intel sono i migliori in assoluto
May8126 Novembre 2005, 11:22 #5
Immagino che con un chipset a 90nm i centrino consumerano e scalderanno ancora meno...
overclock8026 Novembre 2005, 12:47 #6
Originariamente inviato da: sirus
credo che i chipset siano attualmente stampati (quasi tutti) con processo 130nm, forse qualcuno a 110nm ma a 90nm intel dovrebbe essere la prima...

speriamo che risolvano i problemi di disponibilità di chipset perché per le piattaforme intel based non c'è paragone, i chip intel sono i migliori in assoluto


EH come no....magari se vivi nel mondo alla rovescia è vero, di tutti i problemi che ha avuto con i suoi chipset Intel non hai mai sentito parlare??

Aggiungiamoci che poi i chipset Intel vanno abbinati alle cpu Intel, che arrancano a dir poco contro la concorrenza degli AMD Athlon 64 e il cerchio si chiude.

Che invece si diano una mossa a portare il Pentium-M sui desktop, ma magari credono che il marketing possa sopperire alle mancanze sotto il profilo tecnico a tempo indefinito.....
MiKeLezZ26 Novembre 2005, 13:35 #7
Originariamente inviato da: MaxArt]Mi chiedo che processo usino NVidia, VIA, SiS, ATi e ULI per i propri chipset.[/QUOTE]
nvidia usa .15 per nforce4 e .11 per C51 (nforce4 con video integrato)
ati usa .13 e a breve dovrebbe passare a .11
via, sis, uli, credo a .13 o .15 di preciso non so, ma sicuramente non meno

dovrebbero metter una legge per almeno farli a .11 ..
Originariamente inviato da: sirus
90nm intel dovrebbe essere la prima...
già
speriamo che risolvano i problemi di disponibilità di chipset perché per le piattaforme intel based non c'è paragone, i chip intel sono i migliori in assoluto

quoto
Dreadnought26 Novembre 2005, 13:45 #8
Consiredando quanto scalda l'nf4 ed il suo voltaggio direi 0.15 anche io.
Cque dovrebbero farli a 0.9, sicuramente alla lunga risparmi.
HyperOverclock26 Novembre 2005, 15:19 #9

x overclock80

Credo che sei tu l'unico a vivere nel mondo alla rovescia....
MaxArt26 Novembre 2005, 16:05 #10
Overclock80 credo si riferisca al chipset i820, il Camino. Ma non era neanche il chipset in sé a non andare, era la piattaforma.
Per il resto la Intel ha fatto sempre buoni chipset, su misura per i suoi processori. Alcuni di questi furono pure leggendari (il 440BX, ad esempio), per stabilità e prestazioni.
Attualmente i chipset Intel sono ai vertici. Forse gli NVidia la spuntano (sempre nell'ordine di massimo 4-5 punti percentuali) ma gli Intel non sfigurano affatto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^