Nuovi chipset e reference board: un connubio ideale

Nuovi chipset e reference board: un connubio ideale

Anche Galaxy presenta una scheda madre basata su chipset nForce 680i SLI: alla base la reference board NVIDIA

di pubblicata il , alle 14:07 nel canale Schede Madri e chipset
NVIDIAGalaxySamsung
 

Alla presentazione della nuova piattaforma chipset nForce 680i SLI, per processori Intel Socket 775 LGA, NVIDIA ha chiaramente lasciato intendere che la propria intenzione sia quella di sviluppare piattaforme chipset di fascia alta, alle quali affiancare anche lo sviluppo e il design di una reference board.

Così facendo NVIDIA può garantirsi immediata disponibilità sul mercato di proprie schede madri top di gamma, nel momento in cui una propria soluzione chipset viene presentata, senza dover incorrere in ritardi di varia durata che possono intercorrere tra la presentazione di una nuova tecnologia in campo schede madri e la sua effettiva disponibilità nelle mani dei utenti più appassionati.

Molti partner di NVIDIA hanno abbracciato questa filosofia, presentando proprie schede madri Socket 775 LGA basate su chipset nForce 680i SLI già dallo scorso mese di Novembre; tutti questi prodotti sono basati sul reference design sviluppato da NVIDIA, con differenze date da alcuni elementi estetici e dalla dotazione in bundle.

galaxy_nforce6_1_s.jpg (20958 bytes) galaxy_nforce6_2_s.jpg (47627 bytes)

Anche Galaxy, partner di Hong Kong di NVIDIA, ha deciso di seguire questa strada presentando una propria scheda madre basata sul reference design NVIDIA: come si nota dalle immagini è evidente come il lavoro svolto da Galaxy sia esclusivamente di tipo marketing, con una confezione originale abbinata alla reference board sviluppata e prodotta da NVIDIA.

Altri produttori hanno scelto di sviluppare internamente la propria scheda madre basata su chipset nForce 680i SLI: l'esempio lampante è quello della taiwanese DFI, che si appresta a presentare nel corso del mese di Gennaio 2007 la propria soluzione basata su questo chipset. Per ulteriori informazioni su questa piattaforma chipset si rimanda all'analisi pubblicata su Hardware Upgrade a questo indirizzo.

Fonte: VR-Zone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kintaro7014 Dicembre 2006, 14:18 #1
Molto interessante, speriamo contrasti le già ottime prestazioni del 975 Intel così si potrà schegliere liberamente Ati o nVidia senza limitazioni.
walter8914 Dicembre 2006, 14:28 #2
Originariamente inviato da: redazione]
disponibilità
dei [/B]utenti più appassionati

degli
Vodka14 Dicembre 2006, 14:46 #3
quasi quasi faccio anche io una reference board nvidia, basta che ci cambio il colore dei connettori ide , pcie e ram, e ci scrivo sul pcb qualcosa e una scatola con il mio adesivo sopra asd
Dexther14 Dicembre 2006, 14:56 #4
effettivamente oramai non fanno nulla, nemmeno gli adesivi cambiano più .
Kintaro7014 Dicembre 2006, 15:02 #5
I drivers unificati sono comodi ma hanno un prezzo da pagare, ci avete mai pensato?
uvz14 Dicembre 2006, 16:29 #6
A cosa ti riferisci? A dover scaricare tanti byte in più per niente o alla meno qualità visto che sono "driver generici"?

N.B.: è da alcuni anni che non smanetto più con il pc e uso solo un portatile. Anni fa c'erano driver di marca generici per vari modelli e "driver-oni" con dentro tante lingue e tanti driver diversi. Di doveva scaricare, per esempio, 8 megabyte per avere soltanto 1,5 mb di sw utile. Per questo ho fatto quella domanda generica.
Kintaro7014 Dicembre 2006, 16:47 #7
Pensa all'utonto che a malapena conosce la marca della sua scheda video, alla mia domanda ma che modello hai mi sento rispondere ho la "RADION" da 250 Mega, fai tu
Dumah Brazorf14 Dicembre 2006, 18:47 #8
Reference board = meno costi di sviluppo per i partner --> prezzo aggressivo.
uvz14 Dicembre 2006, 19:45 #9
Originariamente inviato da: Kintaro70
Pensa all'utonto che a malapena conosce la marca della sua scheda video, alla mia domanda ma che modello hai mi sento rispondere ho la "RADION" da 250 Mega, fai tu


Vanno bene le cose semplificate per gli utonti, ma non bisogna dimenticare le cose dedicate a chi se ne intende. Quindi driver unificati dovrebbero sempre convivere con tutti i driver scaricabili singolarmente.

Allora il prezzo da pagare quale sarebbe?
melopll16 Dicembre 2006, 15:31 #10
Certo che da un punto di vista commerciale l'idea e' ottima!

NVidia ha fatto bene a mandare a quel paese ASUS... e' stato sempre risaputo che INTEL e ASUS si son stretti accordi commerciali non ufficiali, infatti c'e' ne voluto per far produrre ad ASUS schede non destinate processori Intel.... ASrock.

Spero che questi nuovi chip di nVidia abbiano sfruttato le prestazioni di ULI se no a che e' servito a fare l'acquisto? In ogni caso il SATA controller di intel sara' credo sempre un osso duro!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^