Mercato dei chipset: overview dei primi 3 mesi 2006

Mercato dei chipset: overview dei primi 3 mesi 2006

I dati rilasciati da Mercury Research mostrano una forte crescita delle soluzioni AMD, e una brillante performance per ATI

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 14:34 nel canale Schede Madri e chipset
ATIAMD
 

Gli ultimi dati forniti da Mercury Research mostrano come la canadese ATI sia stata capace, nel corso dell'ultimo trimestre 2005 e del primo 2006, di immettere sul mercato un elevato numero di proprie soluzioni chipset.

Alla base di questi risultati abbiamo l'accordo stretto con Intel. Il produttore americano, lo scorso autunno, ha inziato ad utilizzare piattaforme chipset ATI Radeon Xpress 200 all'interno delle proprie schede madri per processori Pentium 4 e Pentium D, su Socket 775 LGA, rimuovendo da queste motherboard le proprie soluzioni chipset.

Questo ha portato, quale conseguenza diretta, una diminuzione del volume di chipset Intel immessi sul mercato, e un contestuale incremento del numero di soluzioni chipset ATI.

In che misura ATI ha beneficiato di questa situazione? E' difficile dirlo nel complesso; se da una parte ATI ha guadagnato una importante quota di mercato, dall'altra il produttore canadese ha venduto soluzioni chipset di basso costo, per le quali ha presumibilmente beneficiato di margini molto ridotti.

A questo si aggiunga la considerazione che Intel ha scelto di abbandonare il segmento delle soluzioni chipset entry level, lasciando spazio ad ATI, sia per la necessità di spostare la propria capacità produttiva verso soluzioni più remunerative, che per i bassi margini di questa nicchia di mercato.

Analizzando in dettaglio le quote di mercato delle soluzioni chipset per processori Intel Pentium 4, Intel continua a detenere la quota di maggioranza con il 74% del mercato. A seguire troviamo VIA, con una quota di mercato del 12%, ATI con quella dell'8% e SIS con quella del 6%.

Osservando i dati del primo trimestre 2006 a confronto con quelli dell'ultimo trimestre 2005, emerge evidente una crescita nel numero di chipset prodotti da ATI, con un incremento di 1,2 milioni di chipset, e un parallelo calo del volume di chipset Intel pari a 5 milioni di pezzi.

La differenza risultate è data dal volume complessivo di chipset, inferiore nel primo trimestre 2006 rispetto agli ultimi 3 mesi del 2005: da 56,5 milioni di chipset per processori Intel Pentium 4 siamo passati a 52,1 milioni.

Nel corso del primo trimestre 2006 le quote di mercato delle soluzioni chipset, comprendente sistemi per processori Intel e AMD, è stata la seguente:

  • Intel: 38,6 milioni di chipset; 57% del mercato
  • VIA: 10,1 milioni di chipse;, 15% del mercato
  • ATI: 8,2 milioni di chipset; 12% del mercato
  • NVIDIA: 6,1 milioni di chipset; 9% del mercato
  • SiS: 4,3 milioni di chipset, 6% del mercato

Segnaliamo come la quota del 9% di mercato conquistata da NVIDIA sia di fatto legata alle sole soluzioni per processori AMD Athlon 64. La gamma di piattaforme chipset NVIDIA comprende anche soluzioni per processori Intel Socket 775 LGA, ma nel complesso la percentuale di queste soluzioni è molto ridotta.

Questo è confermato osservando in dettaglio le quote di mercato dei chipset per piattaforme AMD Athlon 64 e Opteron:

  • NVIDIA: 5,9 milioni di chipset; 42% del mercato
  • ATI: 3,9 milioni di chipset; 28% del mercato
  • VIA: 3 milioni di chipset; 21% del mercato
  • SiS: 1,3 milioni di chipset; 9% del mercato

In questo segmento, analizzando gli ultimi trimestri, si nota anche una buona crescita di ATI, con una quota che è arrivata al 28% nel primo trimestre 2006 partendo da un valore del 18% nel quarto trimestre 2005.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie26 Aprile 2006, 14:52 #1
ati, da zero è partita alla grande.

bene per lei e per i consumatori per i suoi prodotti.

Via mantiene nonostante non abbia sfornato novità eclatanti con un grosso marketing
Sawato Onizuka26 Aprile 2006, 14:53 #2
la quota di ATI totale è impressionante, si vede che piace in Asia & America come alternativa agli Intel
imayoda26 Aprile 2006, 15:00 #3
E la mitica Uli è inclusa nelle stime Nvidia?? Non credo...
MiKeLezZ26 Aprile 2006, 15:09 #4
Palate di soldi in arrivo per ATI.
Altro che VGA.
Rufus8626 Aprile 2006, 15:11 #5
Praticamente nVIDIA per i processori Intel vende solo 0,2 mln di chipset.
ronthalas26 Aprile 2006, 15:15 #6
Beh c'è da dire che l'ATI Xpress200 abbinato all'ULI 1575 funziona parecchio bene stando almeno alle mie prime impressioni...
capitan_crasy26 Aprile 2006, 16:29 #7
Originariamente inviato da: imayoda
E la mitica Uli è inclusa nelle stime Nvidia?? Non credo...


no, ULI ha una quota di mercato molto al disotto del 1%...
Chilea26 Aprile 2006, 16:43 #8
Pero'...
E poi tutti a parlar male dei chipset Via....
ronthalas26 Aprile 2006, 17:10 #9

KT133

Beh il KT133 della appena pensionata A7V si è sempre comportato molto bene... diciamo che non ha seguito l'onda delle innovazioni tecnologiche ed è rimasta un po' indietro su alcune cose... o almeno così sembra, diciamo che forse è qui in Italia che è un po' sparita dalla circolazione...
MiKeLezZ26 Aprile 2006, 18:03 #10
Originariamente inviato da: Chilea
Pero'...
E poi tutti a parlar male dei chipset Via....

VIA ha il nome e parecchi clienti affezionati.. ma non vale quanto vende.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^