La prima scheda madre per CPU Ryzen Threadripper 3000 in redazione

La prima scheda madre per CPU Ryzen Threadripper 3000 in redazione

E' il modello MSI Creator TRX40 la prima scheda madre compatibile con la nuova generazione di processori AMD Ryzen Threadripper a giungere in redazione: eccone le caratteristiche tecniche in una preview in video

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Schede Madri e chipset
AMDRyZenThreadripper
 

Giornata di importanti annunci per AMD, che quest'oggi presenta il processore Ryzen 9 3950X con architettura a 16 core, il modello Athlon 3000G destinato alla fascia entry level e le due CPU Ryzen Threadripper 3960X e 3970X basate su architettura Zen 2.

A questo indirizzo abbiamo raccolto tutte le informazioni condivise da AMD a riguardo, in attesa di provare queste CPU nella nostra redazione a confronto con gli altri modelli disponibili sul mercato. Una delle peculiarità di queste nuove CPU è quella di utilizzare un nuovo socket, in abbinamento al chipset AMD TRX40.

[HWUVIDEO="2836"]La prima scheda madre per Ryzen Threadripper 3000[/HWUVIDEO]

In questo video vi mostriamo la prima scheda madre per questi processori giunta in redazione: si tratta del modello MSI Creator TRX40, proposta di fascia alta che abbina una ricca dotazione accessoria onboard ad una elevata espandibilità complessiva. Stupisce la possibilità di installare sino a 7 SSD in formato M.2, grazie ad una scheda PCI Express 16x fornita in dotazione che può ospitare 4 SSD che si affiancano ai 3 installabili sulla scheda madre.

La scelta di adottare nuovi chipset e socket per i processori Ryzen Threadripper di terza generazione è legata alla volontà di sfruttare al meglio il controller PCI Express Gen 4.0 integrato in questi processori. AMD offre un totale di 72 linee PCI Express Gen 4.0 per la propria nuova piattaforma divise tra 56 nel processore e 16 dal chipset. Le comunicazioni tra questi due componenti avvengono ora con un canale PCI Express Gen 4.0 dedicato da 8 linee, con una banda passante che è quadruplicata rispetto a quella delle piattaforme di precedente generazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
inited07 Novembre 2019, 15:29 #1
Oh, 72 linee PCIEx 4, questo è il modo giusto di fare. Dovremmo farne il mainstream, di queste capacità. Sette SSD, bene, spero siano NVMe, così si fa, e non si rimane ancorati a SATA, che ormai è limitato. Sarebbe proprio bello se questa fosse la norma, io sulla mia configurazione ho solo 1 connettore NVMe, il secondo è SATA, e se lo attivo perdo pure la funzionalità 16x su PCIEx per le gpu, ho altri 4 SSD e stanno tutti su SATA, va anche bene ma sarebbe ora di fare il salto in maniera generalizzata.
giovanbattista07 Novembre 2019, 18:38 #2
bella Paolo, quando arriva in redazione un prodotto potresti fare sempre una "piccola" anteprima per snocciolare il prodotto e raccontarlo proprio come oggi lasciando test e risultati alla recensione completa.


Cmq poco da fare una macchina così fino a qualche anno fa era fantascienza, basterebbe solo il dato della banda passante del sottosistema "dischi" dati alla mano parliamo di 16Giga al secondo mettendo 4° 4generazione in raid0 pauraaaaaaaaaaaaa, lasciando perdere per un secondo la badilata di core/th e la banda passante lato ram che a naso arriva senza timore a 3600Mhz *4 (essendo 4channel) senza cercare nessun fastidio o instabilità.......ma la cosa più bella è che tra 4 anni tutto questo sarà considerato poco + che mainstream magari con tdp da 150/180W.

Ps non smetterò mai di dirlo

[B][U]Grazie Advanced Micro Device[/U][/B]

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^