Intel: modifiche alle MoBo per supporto Prescott

Intel: modifiche alle MoBo per supporto Prescott

Intel ha annunciato una serie di modifiche alle proprie schede madri per rendere possibile l'operatività con processori Prescott

di pubblicata il , alle 12:10 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

Intel Corporation ha comunicato ai propri clienti alcuni cambiamenti nel design delle schede madri basate sui chipset i875P, i865G e i865PE. Il motivo principale di questi cambiamenti è l'introduzione del supporto alla CPU Prescott che dovrebbe apparire sul mercato entro la fine dell'anno.

L'elenco delle schede madri modificate include D875PBZ, D865PERL, D865GLC e D865GBF. Le modifiche consistono principalmente nel miglioramento del VREG della CPU per il supporto di processori futuri. In aggiunta Intel fornirà un nuovo BIOS per le proprie schede madri. A seguito delle modifiche, le schede madri supporteranno processori Prescott su Socket 478 alle frequenze di 3,60 o anche 3,80 GHz.

Altri produttori di schede madri stanno ora consegnando i propri prodotti Prescott-ready senza comunicare nulla agli utenti circa le modifiche apportate. Riassumendo: le schede madri acquistate nella prima parte dell'anno non potranno funzionare con i processori Prescott a 3,20 o 3,40 GHz, mentre le medesime schede acquistate a partire da Settembre avranno piena compatibilità con i Prescott. Vi è, tuttavia, la possibilità che le precedenti revision di board possano ugualmente funzionare con i processori Prescott da 2,80 e 3.00 GHz. Attualmente consigliamo, se possibile, di acquistare sempre l'ultima revision disponibile.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nonnovi19 Settembre 2003, 12:13 #1
io ho una asus p4p800...come faccio a sapere se va o meno?
leoneazzurro19 Settembre 2003, 12:17 #2
Prega
Gandalf 8219 Settembre 2003, 12:30 #3
ottimo consiglio...... ma se è ateo come fa?
JoJo19 Settembre 2003, 12:30 #4
Chiama ASUS e, parlando in TAIWANESE, chiediglielo direttamente

Apparte gli skerzi... come era ovvio supporre tutte le case avrebbe cmq aggiunto il supporto al PRESCOT T facendo solo una "nuova" revisione delle proprie schede...

Come al solito chi si fa prendere dalla fretta di comprare subito la "roba nuova" l'ha preso in quel posto
Alessoni19 Settembre 2003, 12:33 #5
ma a sto punto potrebbero fare i processori direttamente saldati sulla mobo, tanto il risultato è lo stesso, ti tocca cambiare mobo ogni volta che fanno un procio nuovo...
davidemetal19 Settembre 2003, 12:40 #6
Grande Intel, sempre la migliore!!!
devis19 Settembre 2003, 12:42 #7
Attualmente consigliamo, se possibile, di acquistare sempre l'ultima revision disponibile.


Come le p4p800 2.0 che hanno il PAT disabilitato via hardware?
ErminioF19 Settembre 2003, 12:45 #8
Beh praticamente
Cmq mi sembra l'ora che intel/amd si concentrino di più per migliorare l'architettura dei loro processori che la frequenza :|
Con un 3 ghz ci puoi far tutto o quasi (anche con un 2-2.5, forse l'unico campo in cui si sente bisogno ancora di prestazioni è l'editing video), peccato consumi ormai come un condizionatore
KAISERWOOD19 Settembre 2003, 12:45 #9
meno male che c'è gente che disprezza l'epia, perhcè ha la cpu saldata Ecs ha una mobo con 1800+ (da quello che ho capito in realtà è un duron) saldato e costa 69 euro senza iva .
marcopasin19 Settembre 2003, 12:49 #10
A quando la prossima "configurazione consigliada" da HWUPGRADE? Sono proprio curioso...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^