Guai giudiziari per executives di VIA

Guai giudiziari per executives di VIA

Seri problemi per il produttore taiwanese di chipset a motivo di una questione legale con D-Link

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:56 nel canale Schede Madri e chipset
 
Pubblicata originariamente a questo indirizzo, la notizia del coinvolgimento di top executives di VIA in un procedimento legale ha movimentato il fine settimana, tipicamente povero di notizie.

Per Cher Wang e Wenchi Chen, rispettivamente Chairman of the Board e presidente di VIA, sarebbe stato richiesta una pena abbastanza seria quali parti in causa di una questione legale che contrappone VIA e D-Link.

Il Prosecutors Office del distretto di Taipei, quello che per la giustizia taiwanese equivarrebbe al nostro Pubblico Ministero, avrebbe richiesto per Cher Wang e Wenchi Chen una punizione sino a 4 anni di carcere.

D-Link ha chiamato in causa VIA in quanto del software proprietario sviluppato da D-Link è stato ritrovato su un server ftp di VIA, utilizzato da varie aziende partner di VIA (compresa la stessa D-Link). Mancando i log di accesso a quel server non è possibile risalire a chi abbia uploadato quei dati.

Ruolo cardine è svolto da Jeffrey Chang, senior consultant di VIA che ha lavorato per quest'azienda sino al 2000, per poi spostarsi proprio in D-Link dove ha lavorato per meno di 2 anni, facendo quindi ritorno di nuovo in VIA.

Un elemento abbastanza strano di tutta la vicenda è che Jeffrey Chang avrebbe ricevuto un salario da VIA per i 3 mesi successivi alle proprie dimissioni da VIA, periodo nel quale stava lavorando proprio presso D-Link. Jeffrey Chang ha giustificato questo dicendo di non curarsi personalmente del proprio patrimonio e di avere vari conti di credito, così da non aver realizzato di aver ricevuto per 3 mesi in più lo stipendio da VIA.

Nella giornata di ieri VIA ha rilasciato il seguente comunicato ufficiale:
On Saturday, 6th December 2003, the media in Taiwan reported on an indictment announced by the Prosecutor’s Office in Taiwan that appears to recommend punishment for senior VIA officers. Please note that this indictment did not arise from a court judgment, and any punishment suggested reflects only the views of the Prosecutor’s Office.

At the time of writing, VIA has not received the official notice of this indictment, so we cannot comment further on its contents or on the lawsuit brought by D-Link two years ago.

However, VIA would like to state that it does not believe that any wrongdoing has occurred, and that the case is based on misunderstandings. VIA will cooperate fully with the investigation to ensure that the truth is brought to bear.
VIA Technologies, Inc.
Monday 8th December 2003
Ulteriori dettagli sono disponibili sul sito Digitimes, a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bizzu09 Dicembre 2003, 12:20 #1
D-Link ha chiamato in causa VIA in quanto del software proprietario sviluppato da D-Link è stato ritrovato su un server ftp di VIA, utilizzato da varie aziende partner di VIA (compresa la stessa D-Link). Mancando i log di accesso a quel server non è possibile risalire a chi abbia uploadato quei dati.
Secondo me sono stati quelli della d-link ad uploadare il software... per fare un bello schezetto a VIA!
Dai ragazzi risolviamo il giallo... chi sarà l'assassino?
Diadora09 Dicembre 2003, 12:40 #2
Asd meglio di beautiful
emilz09 Dicembre 2003, 13:16 #3
Jeffrey Chang ha giustificato questo dicendo di non curarsi personalmente del proprio patrimonio e di avere vari conti di credito, così da non aver realizzato di aver ricevuto per 3 mesi in più lo stipendio da VIA.

beato lui.....
erCicci09 Dicembre 2003, 13:59 #4

...aver ricevuto per 3 mesi in più lo stipendio da VIA.

Esattamente come per noi comuni mortali, che se non stiamo attenti quando cambiamo lavoro rischiamo di non ricevere lo stipendio per tre mesi da nessuno dei due datori...

Alberello6909 Dicembre 2003, 14:07 #5

Re: ...aver ricevuto per 3 mesi in più lo stipendio da VIA.

Originariamente inviato da erCicci
Esattamente come per noi comuni mortali, che se non stiamo attenti quando cambiamo lavoro rischiamo di non ricevere lo stipendio per tre mesi da nessuno dei due datori...


io ne so qualcosa....
Chiara7009 Dicembre 2003, 14:54 #6
Bugia, li ho presi io quei 3 mesi di stipendio (mi ci sono fatto la Jacuzzi!!!).
spetro09 Dicembre 2003, 14:58 #7
Con 3 mesi di stipendio come quelli altro che Jacuzzi, ti puoi permettere una piscina con 20 modelle che ti fanno l'idromassaggio quando vuoi a suon di fagioli.
Italian Stallio09 Dicembre 2003, 15:31 #8
Non mi sembra che abbia poi rubato tanto....

Mi lo stipendio fosse sui 90k dollari taiwanesi al mese, ho letto da qualche parte che in totale fossero meno di 7k euro......
ufo109 Dicembre 2003, 21:24 #9

Sembrano le vicende politiche del nostro paese con altri nomi

Sarebbe ora di far pagare i diritti d'autore per plagio esteso e continuato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^