Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD: scheda madre con SSD

Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD: scheda madre con SSD

Una soluzione socket 1155 LGA basata su chipset Intel Z68 che integra al proprio interno un'unità SSD da 20 Gbytes, da utilizzare con tecnologia Smart Response: ecco in sintesi quello che è la scheda madre Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD

di pubblicata il , alle 10:06 nel canale Schede Madri e chipset
IntelGigabyte
 

Nel corso del mese di Maggio 2011 Intel ha reso disponibile il chipset Z68, proposta che si è affiancata a quelle P67 e H67 nel segmento delle schede madri socket 1155 LGA pensate per l'abbinamento con processori Core i7, i5 e i3 basati su architettura Sandy Bridge. Presentato alcuni mesi dopo il debutto delle CPU Sandy Bridge e dei due altri chipset della serie 6 sopra menzionati, Z68 ha implementato alcune specifiche funzionalità che lo posizionano di diritto quale piattaforma di fascia più alta tra quelle per processori socket 1155 LGA attualmente disponibili sul mercato. Segnaliamo in particolare:

  • Switchable graphics: via software di terze parti permette di utilizzare alternativamente GPU integrata nel processore e GPU discreta presente nel sistema in funzione del tipo di carico di lavoro;
  • Intel Smart Response Technology: utilizza un SSD quale memoria cache che velocizza gli accessi all'hard disk tradizionale presente nel sistema;
  • Overclock di CPU e GPU: questo è l'unico chipset per processori Sandy Bridge che permette di variare le frequenze di clock di CPU e GPU contemporaneamente.

Di tutte la più interessante è la tecnologia Smart Response, con la quale un'unità SSD viene affiancata ad un tradizionale hard disk meccanico in funzione di memoria cache, così da incrementare le prestazioni velocistiche complessive. La risultante non è ovviamente quella di avere la stessa velocità che si potrebbe ottenere con un'unità SSD di grandi dimensioni a disposizione, ma il beneficio prestazionale rispetto all'utilizzo del solo hard disk meccanico è evidente.

E' questo un approccio ibrido che quantomeno in chiave teorica sembra essere il miglior punto d'incontro tra le prestazioni delle unità SSD e la elevata capacità di archiviazione a costi ridotti propria dei tradizionali hard disk meccanici., ottenuto in modo trasparente per l'utente. Una volta che l'unità SSD viene collegata al sistema e la tecnologia abilitata da sistema operativo, attraverso l'apposito pannello di amministrazione, all'utente appare disponibile solo l'hard disk meccanico (o la catena RAID di hard disk meccanici presenti nel sistema) senza possibilità di aver accesso all'unità SSD. L'unica eccezione è data dall'utilizzo di un SSD con capienza maggiore del quantitativo di memoria destinato all'utilizzo quale cache, valore che in ogni caso non può superare i 64 Gbytes: in questo caso la capacità eccedente può essere utilizzata come si trattasse di una tradizionale unità SSD.

Z68XP-UD3-iSSD.jpg (122101 bytes)

La scheda madre Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD, analizzata in questa pagina, integra sia chipset Z68 sia una unità SSD da 20 Gbytes: questo permette di implementare direttamente la tecnologia Smart Response in modo nativo, senza dover installare una unità SSD supplementare accanto ad uno o più hard disk tradizionali. La tabella seguente ne riassume le principali caratteristiche tecniche:

Modello

Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD
Form Factor ATX
Chipset Intel Z68
Socket 1155 LGA
slot memoria 4, DDR3
slot PCI Express 16x 2
slot PCI Express 4x -
slot PCI Express 1x 3
slot PCI 2
Connettore VGA no
Connettore DVI no
Connettore HDMI si
Connettore Display Port no
Compatibilità SLI si
Compatibilità CrossFire si
porte USB onboard 8
porte USB 3.0 onboard 2
Connettori alimentazione 24 + 8 pin
Firewire si
SATA 8
eSATA no
Lan Realtek RTL8111E
Audio Realtek ALC889
EIDE no
Floppy no
Connettori ventole 4

Notiamo come le principali caratteristiche tecniche di questa proposta siano quelle delle schede madri basate su chipset Z68 di fascia più alta: non manca ad esempio il supporto alle configurazioni multi GPU sia AMD CrossFire sia NVIDIA SLI, oltre a controller Firewire e controller SATA 6 Gbps supplementare, per 2 canali, a quello integrato nel chipset Z68 (6 canali in totale, 4 SATA 3 Gbps e 2 SATA 6 Gbps)

La tecnologia Smart Response è indubbiamente una delle più interessanti novità che sono state implementate nel settore delle schede madri negli ultimi anni. Poter beneficiare, quantomeno in parte, delle eccellenti prestazioni velocistiche delle unità SSD abbinando a questo la capienza complessiva degli hard disk meccanici è una funzionalità unica del modello Z68, elemento che rende questo chipset la piattaforma di riferimento per le soluzioni Sandy Bridge. Nell'implementazione della scheda madre Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD la risultante è un prodotto molto particolare, per certi versi unico nel panorama attuale, che grazie all'integrazione di un'unità SSD da 20 Gbytes mette a disposizione da subito la tecnologia Smart Response.

[HWUVIDEO="1026"]Gigabyte X68XP-UD3-iSSD: motherboard con SSD integrato[/HWUVIDEO]

Produttore: Gigabyte
Pagina scheda Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
FA.Picard22 Novembre 2011, 10:08 #1
interessante
demon7722 Novembre 2011, 10:45 #2
Mah.. non è che mi faccia impazzire.
Se voglio la smart response ci attacco un SSD che scelgo io.
Rikardobari22 Novembre 2011, 10:46 #3
praticamente ti rende gli hdd meccanici hdd ibridi in automatico! se è davvero così è una figata pazzasca!
Uncle Scrooge22 Novembre 2011, 11:03 #4
Non mi sembra che i Seagate ibridi abbiano avuto gran successo fin'ora in termini prestazionali...
leddlazarus22 Novembre 2011, 11:10 #5
dipende poi dal prezzo.

on line si trova la Z68XP-UD3 sui 100€

un ssd msata da 32gb sta sui 60€

mi aspetto un street price dai 150€ in giu'
sniper_red22 Novembre 2011, 11:11 #6
guardate che sta cosa fa cache, quindi al primo avvio si usa solo il disco meccanico, poi man mano che si usa il pc si velocizza parecchio, sembra banale, ma molti pensano che hai in automatico un disco sdd con la capienza del disco meccanico e non e' cosi...
Mparlav22 Novembre 2011, 11:11 #7
Soluzione poco competitiva dal punto di vista prezzo/prestazioni: tra Gigabyte Z68XP-UD3-iSSD e Gigabyte Z68XP-UD3 ci sono circa 90 euro di differenza (195 vs 105 euro circa), con il quale comprare un ssd 64GB per SO + programmi, che è una soluzione più prestante di quella dello smart caching.

Piuttosto sarei curioso dei test con l'Asus ssd caching implementato sulle x79 che permette di utilizzare, oltre ad un ssd, anche un ramdisk per il caching (con 120-150 euro per 32GB di ddr3 1600, non è un grosso problema dedicarne 16 per il caching).
C'è un video qui:
http://www.youtube.com/watch?v=5cqfhZvyE80

leddlazarus22 Novembre 2011, 11:15 #8
Originariamente inviato da: Uncle Scrooge
Non mi sembra che i Seagate ibridi abbiano avuto gran successo fin'ora in termini prestazionali...


4 gb di ssd sono un po' pochini.

poi forse la gestione diretta del chipset è migliore.

poi qui hai proprio 2 dischi separati e 2 canali sata separati (sebbene 1 sia msata).

una domanda: ma lo smart response puo' usare anche una accoppiata ssd + hdd su canali sata normali o deve essere per forza presente un ssd su mSATA sulla mainboard?
Mparlav22 Novembre 2011, 11:38 #9
la tecnologia Intel richiede obbligatoriamnte:
 Intel® Z68 Express Chipset-based desktop board
 Intel® Core™ Processor in the LGA 1155 package
 System BIOS with SATA mode set to RAID
 Intel Rapid Storage Technology software 10.5 version release or later
 Single Hard Disk Drive (HDD) or multiple HDD’s in a single RAID volume
 Solid State Drive (SSD) with a minimum capacity of 18.6GB

quindi anche un qualsiasi ssd, ma occhio che è raccomandato che sia o con nand SLC oppure MLC con un corposo overprovisioning (alla stregua dell'OCZ Synapse cache).

OCZ fornisce in bundle col suo Synapse ssd, un sw proprietario per fare caching su qualsiasi PC.

Recensione qui:
http://www.techpowerup.com/reviews/OCZ/Synapse_60_GB/

il gioco non vale la candela, dal punto di vista prezzo/prestazioni.

Certo tutte queste soluzioni forse sono più "immediate e facili" rispetto alla gestione autonoma dell'utente di un ssd + hdd.
Space9922 Novembre 2011, 12:28 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Piuttosto sarei curioso dei test con l'Asus ssd caching implementato sulle x79 che permette di utilizzare, oltre ad un ssd, anche un ramdisk per il caching (con 120-150 euro per 32GB di ddr3 1600, non è un grosso problema dedicarne 16 per il caching).


E magari anche una comparazione con una versione "software" tipo quella della Romex , Fancycache(beta free 90gg).Soluzione che permette già da qualche anno di gestire ram e sdd come cache L1,L2 , impostare i vari algoritmi di scrittura/lettura ecc ...che sia mai che queste vesioni "chipset inside" siano finalmente competitive

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^