Due schede Asus basate su chipset nForce 4 SLI 16x

Due schede Asus basate su chipset nForce 4 SLI 16x

Asus è tra i primi produttori a presentare schede madri, per processori Intel e AMD, basate sul nuovo chipset NVIDIA nForce 4 SLI 16x

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:32 nel canale Schede Madri e chipset
NVIDIAIntelASUSAMD
 

Con il comunicato stampa disponibile a questo indirizzo, la taiwanese Asus ha ufficialmente presentato due nuove schede madri, rispettivamente per processori AMD Socket 939 e Intel Socket 775LGA, basate su chipset NVIDIA nForce 4 SLI 16x.
Con questo nome viene indicata la nuova evoluzione del chipset NVIDIA top di gamma per sistemi desktop, in grado di supportare due canali PCI Express 16x elettrici per configurazioni SLI.

asus_mobo_16x_pcie_6.jpg
Asus A8N32-SLI Deluxe

asus_mobo_16x_pcie_5.jpg
Asus P5N32-SLI Deluxe

Queste schede adottano un particolare sistema di raffreddamento, che prevede due heatpipe a collegare i bridge del chipset con due radiatori, posizionati a diretto contatto con la circuiteria di alimentazione del processore.

asus_mobo_16x_pcie_2.jpg

asus_mobo_16x_pcie_3.jpg

Per migliorare il raffreddamento dei due dissipatori di calore, Asus ha montato due ventole di raffreddamento a turbina che soffiano aria direttamente sulle alette dei radiatori. Rispetto alla soluzione A8N-SLI Premium, quindi, il sistema prevede l'utilizzo di ventole, anche se non dovrebbero generare una rumorosità di funzionamento elevata.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dumah Brazorf23 Settembre 2005, 09:41 #1
"Rispetto alla soluzione A8N-SLI Premium, quindi, il sistema prevede l'utilizzo di ventole, anche se non dovrebbero generare una rumorosità di funzionamento elevata."

Scetticismo... Più che altro quegli affari potrebbero impedire il montaggio di alcuni voluminosi dissipatori e soprattutto il flusso d'aria uscente da essi.
Ciao.
::::Dani83::::23 Settembre 2005, 09:47 #2
Ot

Ah ehmm..nel titolo c'è nFroce
Mr.Spazzaneve23 Settembre 2005, 09:47 #3
Sul titolo:"Due schede Asus basate su chipset nFroce 4 SLI" 16x
mstella23 Settembre 2005, 09:52 #4

A vedere 'ste cose...

Un'idea per un sistema a raffreddamento "passivo" potrebbe essere montare tutti i componenti che richiedono raffreddamento, dalla parte opposta a quella usuale.
Proc, Bridge, varie tutte dall'altra parte e usare il "fondo" d'appoggio, adeguatamente alettato, come grande dissipatore passivo.
VEKTOR23 Settembre 2005, 09:52 #5
Schede NFroce 4? Spero non si trucchino
Fra_cool23 Settembre 2005, 09:52 #6
Ma le due immagini mostrano la stessa scheda (la socket 939), o sbaglio?

l'unica differenza sembra essere la presenza della schedina WiFi...
meridio23 Settembre 2005, 10:00 #7
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Scetticismo... Più che altro quegli affari potrebbero impedire il montaggio di alcuni voluminosi dissipatori e soprattutto il flusso d'aria uscente da essi.
Ciao.

Quoto!

La vedo dura per lo Zalman CNPS 7700 entrare in quelle motherboard.
Ma anche il 7000 mi sa!
MrOZ23 Settembre 2005, 10:09 #8
nFroce x' supporta schede in SLI solo di sesso maschile
Gello23 Settembre 2005, 10:13 #9
Lol vektor

Cmq brava asus bell'acrocchio intorno al socket c'e' un mercatino di chippettini resistenze e condensatori che fa rabbrividire.
JOT23 Settembre 2005, 10:17 #10
Quelle ventoline secondo me andranno a contrastare il flusso della ventola del processore; per non parlare dello spazio rubato ad un eventuale dissipatore più voluminoso. Gli attacchi pci-e sono molto distanti fra loro, e questo è bene, ma non vedo molto spazio per altre periferiche pci..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^