Da ASUS scheda madre con Radeon Xpress 200

Da ASUS scheda madre con Radeon Xpress 200

Il colosso taiwanese ha già avviato le consegne di una scheda madre con chipset ATI e supporto a processori Intel e tecnologia PCI Express

di pubblicata il , alle 14:24 nel canale Schede Madri e chipset
ATIIntelASUSRadeonAMD
 

ASUSTeK Computer avrebbe avviato le consegne commerciali della scheda madre P5RD1-V, un modello equipaggiato con il recente chipset ATI per processori Intel Pentium 4 e con supporto alla tecnologia PCI Express.

ATI Radeon Xpress 200 GMCH (graphics and memory controller hub) è destinato all'impiego con processori Intel Pentium 4 e Celeron D con 533MHz e 800MHz di frequenza operativa di bus e supporta memorie DDR o DDR2 (400MHz o 667MHz) anche in modalità dual-channel. Il chipset supporta uno slot PCI Express x16 ed è equipaggiato con sottosistema video di classe Radeon X300.

La scheda madre ASUSTeK P5RD1-V è la prima soluzione commerciale ad utilizzare questo chipset per processori Intel accoppiato al controller I/O M1573 di ULi. La scheda madre dovrebbe già essere disponibile sul mercato giapponese ad un prezzo di 132$-142$, e sul mercato statunitense ad un prezzo di 130 dollari.

La scheda madre è provvista, oltre ad uno slot PCI Express x16, di tre slot PCI Express x1, tre slot PCI tradizionali, quattro porte Serial ATA-150 con supporto alla modalità RAID, due canali Parallel ATA-33/66/100/133, connettore Gigabit Ethernet, porte USB e sistema audio a 8 canali.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Daytona22 Marzo 2005, 14:28 #1
Speriamo che ATI non faccia errori di giovinezza come fece l'Nvidia con Nforce1 ....

Non c'è cosa piu' odiosa di una sk madre instabile

1100000110100000
Carpix22 Marzo 2005, 14:58 #2
Sono curioso di vedere le prestazioni di questa scheda madre e soprattutto la sua stabilità.
chissà come andrà se bene o male?
Max Power22 Marzo 2005, 15:43 #3
Originariamente inviato da Daytona
Speriamo che ATI non faccia errori di giovinezza come fece l'Nvidia con Nforce1 ....

Non c'è cosa piu' odiosa di una sk madre instabile

1100000110100000



E' da anni ke l'ati produce MB...

Non te li ricordi i vecchi modelli IGP 3XX????

Di ste MB ne ho viste davvero poche, ma almeno andavano bene, soprattutto quello con il 9100 integrato, prestazioni molto vicine all'intel 865 .
capitan_crasy22 Marzo 2005, 16:22 #4
domanda:
le 4 porte SATA, sono Native Command Queuing?
frankie22 Marzo 2005, 19:31 #5
azz credevo per AMD...
DioBrando22 Marzo 2005, 19:41 #6
Originariamente inviato da Daytona
Speriamo che ATI non faccia errori di giovinezza come fece l'Nvidia con Nforce1 ....

Non c'è cosa piu' odiosa di una sk madre instabile

1100000110100000


IGP320, 9100 IGP...è da un pò che bazzica nel mercato dei chipset.

Cmq il nuovo 200Xpress sembra buono, non certo per chi vuole tirare il collo alla propria scheda madre ma buono, tant'è che svariate case stanno facendo uscire propri modelli con quella configurazione ( MSI prima dell'ASUS ad es...)
Free Gordon23 Marzo 2005, 01:18 #7
Io voglio un chipset ATI con supporto AMR, senza VGA integrata, su una mobo DFI!

Quella scheda sarebbe già mia!
DioBrando23 Marzo 2005, 01:22 #8
Originariamente inviato da Free Gordon
Io voglio un chipset ATI con supporto AMR, senza VGA integrata, su una mobo DFI!

Quella scheda sarebbe già mia!


per farsene cosa?
gil2802123 Marzo 2005, 15:11 #9
A che serve il supporto AMR?
DioBrando24 Marzo 2005, 02:56 #10
Originariamente inviato da gil28021
A che serve il supporto AMR?


è lo SLI by ATI ( non proprio ma è per rendere l'idea )

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^