Compatibilità Prescott: ASUS ritorna sui suoi passi

Compatibilità Prescott: ASUS ritorna sui suoi passi

ASUS modifica la pagina delle specifiche della scheda P4P800, togliendo ogni menzione relativa alla compatibilità con processori Prescott

di pubblicata il , alle 18:15 nel canale Schede Madri e chipset
ASUS
 

Nei giorni scorsi, in questa news, abbiamo riportato le dichiarazioni di compatibilità rilasciate da ASUS in merito all'utilizzo della scheda madre P4P800 con processori Pentium4 con core Prescott. Secondo la casa, infatti, il sistema di gestione energetica della scheda sarebbe dovuto essere compatibile con le richieste del processore.

Il sito web The Inquirer pubblica oggi la notizia che la pagina ufficiale di ASUS nella quale viene garantita la compatibilità tra la scheda madre e la CPU è stata modificata e non reca più alcuna menzione circa la compatibilità con processori Prescott.

A questa pagina è possibile consultare le specifiche "aggiornate" della scheda ASUS P4P800.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
devis17 Luglio 2003, 18:23 #1
le comiche..
HyperOverclockII17 Luglio 2003, 18:32 #2
senza parole....
ekboz117 Luglio 2003, 18:33 #3
... e come al solito faranno uscire una rev. 2.0 (o come cavolo la vorranno chiamare) con il supporto più o meno dichiarato, ma sicuramente funzionante, a 'stò benedetto Prescott...

Quindi da qui si può dedurre che prima di comprare una mb (sia Amd che Intel) conviene aspettare come minimo la rev. 2.0, tanto nel caso di Asus la fa sempre uscire 2/3 mesi dopo che è stata messa in commercio la mb.
MaBru17 Luglio 2003, 18:36 #4
Non solo hanno modificato la pagina della P4P800, ma anche quelle della P4P800 Deluxe, P4C800 (liscia e Deluxe) e della P4C800-E Deluxe.

Le robe dei matti...
Ventu17 Luglio 2003, 18:46 #5
Si vede che adesso lo hanno provato (qualche sample) e si sono resi conto che tra le specifiche e le prove pratiche c'è qualche discrepanza. Certo questo non fa bene all'immagine...
Bardock17 Luglio 2003, 18:53 #6
Ho fatto bene a non comprarla,aspetto la Abit Max-3
enzo tana17 Luglio 2003, 19:08 #7
L'appiattimento tecnologico è sotto gli occhi di tutti, eppure in tanti si rendono cibo per alcuni responsabili marketing di aziende che sempre meno plus hanno da portare alle schede madri.
Credo che se i benchmark li facessimo sulle schede (stabilità generale, opzioni, possibilità di overclock, qualità dei componenti ecc.) invece che sui frame di Quake, le classifiche di vendita dei produttori di mainboard potrebbero, una volta tanto, vedere altre aziende sul podio.
(Ammazza che pistolotto.... e con questo caldo!)

Ciaux
sanitarium17 Luglio 2003, 19:27 #8
Veramente una situazione al limite della credibilità... Sinceramente non mi aspettavo un dietro-front simile visto quanto è stato sbandierato, sin dall'inizio della loro commercializzazione, il fatto che le schede basate su chipset springdale e canterwood erano già 100% compatibili col prescott...
nonikname17 Luglio 2003, 19:38 #9
Intanto Gigabyte ha la vista più lunga di tutti , già 10 mesi fa (o giù di lì ha messo in commercio le prime mobo con il DPS (Dual Power System) e ha garantito la compatibilità con le prossime CPU (prescott) .

Io comunque aspetterei la conferma / smentita di mamma Intel : nn si sà mai !!!
pon 8717 Luglio 2003, 20:14 #10
AMEN, tanto quando ci saranno i prescott cioè tra 8 -10 mesi ci saranno nuove mobo migliori e supporteranno il pci-express e non + l'agp 8x

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^