Chipset per processori Nehalem anche da NVIDIA

Chipset per processori Nehalem anche da NVIDIA

NVIDIA non presenterà propri chipset per piattaforme Socket 1366, preferendo dedicarsi a quelle Socket 1160 dal costo più contenuto

di pubblicata il , alle 07:59 nel canale Schede Madri e chipset
NVIDIA
 

Intel presenterà, nel corso del quarto trimestre dell'anno, le prime soluzioni della famiglia Nehalem per sistemi desktop, nuove generazioni di processore che andranno progressivamente a prendere il posto dei sistemi Core 2 Duo e Core 2 Quad grazie al debutto di un'architettura completamente nuova.

L'adozione delle nuove cpu implicherà l'utilizzo di una nuova serie di Socket di connessione, indispensabili vista l'introduzione del memory controller all'interno dei processori e l'adozione di una nuova interfaccia di connessione con scheda madre e memoria.

Anche NVIDIA presenterà proprie piattaforme chipset per processori Nehalem, stando alle informazioni pubblicate a questo indirizzo, ma questo non avverrà con la prima serie di processori per piattaforme Socket 1366. Questo Socket verrà utilizzato solo dalle cpu della famiglia Bloomfield, destinate al segmento top di gamma del mercato e rese disponibili al debutto a partire dal quarto trimestre 2008.

NVIDIA non presenterà piattaforme chipset per queste cpu in quanto il debutto è troppo ravvicinato per poter completare lo sviluppo di un proprio chipset. NVIDIA avrebbe ottenuto una licenza d'uso del bus QuickPath Interconnect, utilizzato dai processori Nehalem, ma la particolare architettura delle cpu Bloomfield richiederebbe un tempo di sviluppo del nuovo chipset troppo lungo, con costi che potrebbero non venir ripagati considerando che si tratterebbe di una piattaforma per una nicchia di mercato.

NVDIA pertanto si dedicherà allo sviluppo di chipset per processori Nehalem Socket LGA 1160, indicati con il nome in codice di Lynfield. Le architetture chipset per queste cpu saranno più semplici da sviluppare rispetto a quelle per processori Bloomfield, potendo inoltre contare su una base potenziale ben più ampia in termini di numero di processori commercializzati: il collegamento tra processore e chipset non avverà infatti con bus QPI ma via tradizionale connessione DMI. Il lancio di queste cpu, tuttavia, non è atteso prima del terzo trimestre 2009: questo implicherà per NVIDIA, e in generale per tutti i produttori di schede madri, un buon lasso di tempo per poter sviluppare e perfezionare le proprie piattaforme.

Quetso implica che non vedremo supporto alla tecnologia SLI con i primi sistemi per processori Nehalem Socket 1366? NVIDIA sarà in ogni caso presente con proprie soluzioni per la prima generazione di processori Intel Nehalem: alcuni produttori di schede madri, infatti, potrebbero scegliere di sviluppare modelli basati su chipset X58 dotati anche di chip nForce 200, bridge PCI Express già utilizzato nelle schede madri per sistemi Skulltrail così da poter fornire il supporto alla tecnologia SLI. In questo modo le schede madri basate su chipset X58 potrebbero gestire sia configurazioni CrossfireX con schede video ATI Radeon che quelle SLI con soluzioni NVIDIA GeForce.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kuarl12 Luglio 2008, 08:15 #1
a me quello che interesserebbe da un chipset nvidia sarebbe l'hybrid sli, non tanto l'sli in se...
Mercuri012 Luglio 2008, 08:42 #2
Cioé hanno ottenuto la licenza per il QPI ma non possono usarla? O_o

Boh, magari l'hanno ottenuta "troppo tardi" (ovviamente di proposito, da parte di lntel) o magari non l'hanno ottenuta.
zanardi8412 Luglio 2008, 08:58 #3
In tutto questo valzer di socket vedo solo una gran confusione. Secondo me c'è il forte rischio di una convergenza comune o a uno dei due socket o a un terzo in modo che su una scheda madre si possano montare le cpu che si vogliono.
E' già successo in passato (Leggasi AMD) e la storia si ripeterà.

Pertanto ritengo che sia prudente all'inizio aspettare un po' prima di buttarsi a capo fitto nell'acquisto di una piattaforma Nehalem.
goldorak12 Luglio 2008, 09:39 #4
Originariamente inviato da: zanardi84
In tutto questo valzer di socket vedo solo una gran confusione. Secondo me c'è il forte rischio di una convergenza comune o a uno dei due socket o a un terzo in modo che su una scheda madre si possano montare le cpu che si vogliono.
E' già successo in passato (Leggasi AMD) e la storia si ripeterà.

Pertanto ritengo che sia prudente all'inizio aspettare un po' prima di buttarsi a capo fitto nell'acquisto di una piattaforma Nehalem.




Nessuna convergenza questa volta, le cpu Nehalem sono state progettate apposta per essere modulari e quindi consentire alla Intel di scegliere la configurazione interna della cpu in funzione dei diversi segmenti di mercato.
Questo significhera' che la cpu nehalem di fascia alta (non extreme) non potranno andare su schede madri "consumer" non solo perche' il socket e' diverso ma anche perche' il collegamento tra memoria e cpu e' diverso.
Alcuni useranno il QPI altri il DMI e non sono certo compatibili.
A questo giro la Intel gioca sporco, niente piu' cpu da 60 € che si possono overclockare a livelli di cpu di 200-300 €.
Jackari12 Luglio 2008, 09:43 #5
Originariamente inviato da: goldorak
Nessuna convergenza questa volta, le cpu Nehalem sono state progettate apposta per essere modulari e quindi consentire alla Intel di scegliere la configurazione interna della cpu in funzione dei diversi segmenti di mercato.
Questo significhera' che la cpu nehalem di fascia alta (non extreme) non potranno andare su schede madri "consumer" non solo perche' il socket e' diverso ma anche perche' il collegamento tra memoria e cpu e' diverso.
Alcuni useranno il QPI altri il DMI e non sono certo compatibili.
A questo giro la Intel gioca sporco, niente piu' cpu da 60 € che si possono overclockare a livelli di cpu di 200-300 €.


mi sa che a sto giro mi prendo un bel sistemino amd
se i phenom 45 nm riusciranno a colmare, anche solo di poco, il gap.
MiKeLezZ12 Luglio 2008, 09:46 #6
Originariamente inviato da: zanardi84
In tutto questo valzer di socket vedo solo una gran confusione. Secondo me c'è il forte rischio di una convergenza comune o a uno dei due socket o a un terzo in modo che su una scheda madre si possano montare le cpu che si vogliono.
E' già successo in passato (Leggasi AMD) e la storia si ripeterà.

Pertanto ritengo che sia prudente all'inizio aspettare un po' prima di buttarsi a capo fitto nell'acquisto di una piattaforma Nehalem.
Al cambio di socket, il primo anno è sempre un macello, fra compatibilità promesse e non mantenute, prodotti non disponibili, e funzionalità mancanti o buggate.
In realtà ora fino a fine dell'anno è il momento giusto per prendersi un P45, DDR2 (banchi da 2GB l'uno), e Quad-Core, aspettando poi eventualmente la risposta a 45nm di AMD.
MenageZero12 Luglio 2008, 10:41 #7
Originariamente inviato da: goldorak
Nessuna convergenza questa volta, le cpu Nehalem sono state progettate apposta per essere modulari e quindi consentire alla Intel di scegliere la configurazione interna della cpu in funzione dei diversi segmenti di mercato.
Questo significhera' che la cpu nehalem di fascia alta (non extreme) non potranno andare su schede madri "consumer" non solo perche' il socket e' diverso ma anche perche' il collegamento tra memoria e cpu e' diverso.
Alcuni useranno il QPI altri il DMI e non sono certo compatibili.
A questo giro la Intel gioca sporco, niente piu' cpu da 60 € che si possono overclockare a livelli di cpu di 200-300 €.


sì ok la progettazione "modulare" dei nehalem, ma non facciamo troppa confusione:
io non ti so dire come sarà esattamente la gamma nehalem, ma se guardi le news vecchie su questa architettura ti rendi conto che la differenza tra i modelli con connessione cpu<->chipset QPI e quelli con DMI di cui si parla in questa nulla c'entra con:
- il collegamente tra memoria e cpu

- i margini di overclock-bilità (quantomeno non a priori, poi potrà sempre capitare che alcuini modelli di cpu siano meno overclock-abili di altri)

tutti i nehalem avranno il mc on die, e questo chiarifica il primo punto

i Bloomfield (socket 1366) si connetteranno tramite QPI ad un north che avrà almeno 2 link pci-e x16, poi non so se/cosa altro

i Lynfield (socket 1160)integreranno anche un controller pci-e con almeno un link x16, quindi la cpu assolverà al 100% delle funzioni che ora sono tipiche di un attuale northbridge intel(quantomeno di quelli senza doppio link x16) e si connetterà ad un chipset che sostanzialmente sarà l'equivalente di un attuale southbridge intel ed a tale scopo verrà utilizzata la connessione DMI. infatti è con questa connessione che attualmente i north e south intel comunicano.

vado ora in modlaità imho : probabilmente una volta a regime, costa loro meno produrre per la fascia media cpu con un contr. pci-e integrato e chipset composto dal solo south, nonché "riciclare" la connessione DMI per connettere i due (probabilmente costa meno implementare questa rispetto ad QPI, anche xché così non devono riprogettare o devono "riprogettare meno" i south)

Originariamente inviato da: Jackari
mi sa che a sto giro mi prendo un bel sistemino amd
se i phenom 45 nm riusciranno a colmare, anche solo di poco, il gap.


ovviamente non ci sono certezze su quello che sarà, ma a meno che i core k10 a 45nm non integrino novità sostanziose
(tipo come è stato nel passaggio rv670->rv770, ma ovviamente non vole essere un paragone tecnico) al momento è difficile pronosticare un avvicinamento del k10 al nehalem
(per quello che ne so io almeno, cioè ben poco in assoluto )
kelendil12 Luglio 2008, 11:12 #8
Originariamente inviato da: Jackari
mi sa che a sto giro mi prendo un bel sistemino amd
se i phenom 45 nm riusciranno a colmare, anche solo di poco, il gap.


Quotone!! Ma son sicuro che quando manderò in pensione il mio e6300 la AMD avrà cambiato rotta e inserito nel mercato altri 10 zoccoli diversi
Cloud7612 Luglio 2008, 11:14 #9
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Al cambio di socket, il primo anno è sempre un macello, fra compatibilità promesse e non mantenute, prodotti non disponibili, e funzionalità mancanti o buggate.
In realtà ora fino a fine dell'anno è il momento giusto per prendersi un P45, DDR2 (banchi da 2GB l'uno), e Quad-Core, aspettando poi eventualmente la risposta a 45nm di AMD.


Quoto con la piccola rettifica che al momento io preferirei prendere un dual tipo E2xxx o il nuovo E5200 se siamo attorno ai 65&#8364;. Quando il Q9550 o il Q9650 avranno maturato almeno uno step evolutivo e soprattutto costeranno 150&#8364; (vedi uscita octacore Nehalem) allora sarà il momento per darsi ai quad (che al momento non ripagano della enorme differenza di prezzo rispetto ad un dual economico, ovvio che non parlo di usi professionali).
Fx12 Luglio 2008, 13:07 #10
1) AMD ha sempre speso molte parole per quanto concerne la longevità dei socket, tant'è che da quanto mi pare di leggere 9 su 10 sono effettivamente convinti che intel continua a cambiarne mentre AMD fa il possibile per mantenere sempre gli stessi: in realtà AMD oltre alle parole non è mai andata, mentre il 775 di intel mi è parso decisamente longevo. se poi adesso cambia, beh, tanto di cappello per averne fatto campare tanto a lungo uno solo
2) un sistemino AMD quando esce il nehalem? ma avete visto le performance dei sistemi nehalem rispetto ai core 2 attuali? i phenom sono imbarazzanti dal punto di vista delle performance (e delle performance per watt), non competono con i core 2 attuali, figurarsi con quei nehalem che fanno impallidire i loro (peraltro degni) predecessori.

ho sempre seguito con attenzione AMD ma dall'uscita del phenom mi sto sempre più convincendo che il suo breve periodo di predominio tecnologico su intel sia stato per l'80% merito delle enormi cappellate di quest'ultima, e per il 20% il saper giocare bene delle carte tipo il memory controller integrato o l'hypertransport... la mia domanda è: in tutti questi anni più che dormire sugli allori AMD cos'ha fatto? i phenom fanno cagare: a livello di performance per hz non sono niente di che rispetto agli ultimi athlon 64, solo che fanno una fatica boia a salire di frequenza e consumano watt a go go... ma hanno senso? certo, magari per risparmiare qualche euro, che poi paghi ad ogni bolletta...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^