Chipset integrati per P4-M: c'è ancora da attendere

Chipset integrati per P4-M: c'è ancora da attendere

Il primo chipset integrato di casa Intel per sistemi P4 Mobile arriverà sul mercato solo a partire dall'inizio del prossimo anno

di pubblicata il , alle 12:02 nel canale Schede Madri e chipset
Intel
 

Per il mercato dei sistemi desktop, Intel ha recentemente lanciato il chipset integrato i845G. Pare che il lancio della versione mobile di questo chipset sia slittato a data da destinarsi. Intel però ha intenzione di spingere la diffusione della CPU P4M nel mercato dei notebook "Thin&Light" nel quale la maggior parte dei produttori preferisce, appunto, utilizzare chipset integrati.

Questa situazione situazione può essere ancora più grave per Intel soprattutto nel mercato dei notebook economici. Intel sta infatti programmando di convertire l'architettura costruttiva della famiglia dei Celeron Mobile, basando questi ultimi sul core a 0.13 micron. Intel, tuttavia, non dispone ancora di un chipset integrato in grado di supportare questa nuova versione di Celeron.

Il primo chipset integrato mobile sarà lanciato solamente nel primo trimestre del prossimo anno e, sostanzialmente, sarà una soluzione equivalente al chipset i845G con supporto fino a 1GB DDR266/DDR200 SDRAM e architettura UMA.

L'unica speranza per Intel resta ATi, che ha intenzione di avviare la produzione di massa della sua soluzione mobile integrata per P4-M già in estate.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^