ATI e ULI: come cambierà dopo l'acquisizione di NVIDIA

ATI e ULI: come cambierà dopo l'acquisizione di NVIDIA

David Orton, CEO di ATI, interviene sulle conseguenze commerciali date dall'acquisizione, da parte di NVIDIA, della taiwanese ULI

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:22 nel canale Schede Madri e chipset
NVIDIAATI
 

Alcune settimane fa NVIDIA ha annunciato il piano di acquisizione della taiwanese ULI, azienda specializzata nella produzione di soluzioni chipset per varie famiglie di schede madri. Abbiamo analizzato questa notizia inizialmente con questo focus, al quale rimandiamo per tutti i dettagli.

David Orton, CEO di ATI, è intervenuto sulla questione nel corso di un'intervista, specificando come l'acquisizione di ULI da parte di NVIDIA non è destinata a cambiare il business di ATI nel mercato dei chipset. L'acquisizione diventerà operativa indicativamente nel corso del mese di Marzo.

Il rapporto commerciale tra ATI e ULI è stato, nell'ultimo anno, particolarmente intenso. Il produttore taiwanese, infatti, ha fornito ad ATI alcune proprie soluzioni south bridge, utilizzate in abbinamento ai north bridge ATI per processori Intel e AMD in quanto superiori rispetto alle corrispondenti soluzioni ATI.

Stando alle informazioni fornite da Orton, ULI ha contribuito nel complesso per circa il 10% della fornitura di south bridge per chipset ATI. Nel complesso, si tratta quindi di volumi che possono essere sostituiti dalle soluzioni proprietarie di ATI.
Il produttore inoltre sta preparando il debutto delle nuove soluzioni south bridge, note con il nome di SB600.

Ulteriori informazioni sono disponibili on line in questo articolo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gerardo Emanuele Giorgio14 Gennaio 2006, 08:36 #1
Sono curioso di vedere le potenzialità dei nuovi chipset ATI... Spero che passi un altro po di tempo sinceramente, ho appena comprato una mobo nforce4-u...
Comunque fanno bene a concentrarsi sulle produzioni proprietarie almeno non corrono il rischio di restare senza supplies perche nvidia assorbe la concorrenza come una spugna fa con l'acqua.
ThePunisher14 Gennaio 2006, 09:41 #2
Eh già... .
bartolino320014 Gennaio 2006, 10:18 #3
Ma il nuovo SB di ATI non è frutto di una collaborazione con ULI?

Preferirei cmq una scheda madre basata su un unico Chipset come le ormai prossime ULi M1697 based. Per AMD un SB, lo sanno tutti non è obbligatorio.
JohnPetrucci14 Gennaio 2006, 10:28 #4
Originariamente inviato da: bartolino3200
Ma il nuovo SB di ATI non è frutto di una collaborazione con ULI?

Preferirei cmq una scheda madre basata su un unico Chipset come le ormai prossime ULi M1697 based. Per AMD un SB, lo sanno tutti non è obbligatorio.

Quoto.
jpjcssource14 Gennaio 2006, 10:41 #5
Io spero solo che con tutti questi avvenimenti uli no si dimentichi di fare e mettere in commercio la schedina di espansione per socket M2 per la mia scheda madre....inoltre spero che mantenga i suoi prezzi bassi e la sua qualità alta
vincino14 Gennaio 2006, 11:05 #6
Il NB nn è obbligatorio per AMD xchè ha il controller della memoria integrato nel processore. Ma il SB quello si che è obbligatorio ammenochè nn vuoi avere un pc senza usb ecc...
LoneRunner14 Gennaio 2006, 11:21 #7
Ho *tanta* paura che i prossimi Chipset Uli saranno molto limitati: non dovranno fare concorrenza agli nForce. Chi ha preso la famosa Asrock Dual ha fatto davvero un affare.
Gerardo Emanuele Giorgio14 Gennaio 2006, 11:50 #8
Infatti Nvidia non si pesterà i piedi da sola... E temo che Uli servirà come nome per commercializzare prodotti di fascia entry-level con buon rapporto prezzo/prestazioni. Quanto allo sviluppo indipendente di chipset bah... credete sia conveniente per nvidia? Uli era un pericolo e andava eliminato prima che gli utenti si accorgessero delle sue potenzialità. Io cosi la penso... Poi quello che dicono nelle conferenze stampa è ipocrisia pura. Per soldi farebbero di tutto.
Dumah Brazorf14 Gennaio 2006, 11:52 #9
Progettare un nuovo SB per aggiungere il supporto a nuovi standard o periferiche (+ porte USB, S-ATA2, PCI-E 32X, LAN...) è + economico che riprogettare tutto un chippone unico...
Ciao.
MaxArt14 Gennaio 2006, 11:56 #10
E' il northbridge che non è più indispensabile per AMD. Anzi, pure questo non è corretto, perché nel northbridge c'è comunque il controller PCI-Express oppure il chipset video integrato (specialità proprio di ATi).
Quando anche il controller PCI-Express verrà integrato nel processore (come nei prossimi AMD) allorà se ne potrà fare a meno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^