offerte prime day amazon

Asustek: separazione delle attività OEM e own-brand?

Asustek: separazione delle attività OEM e own-brand?

Il colosso taiwanese considera la possibilità di separare le due attività. Disappunto tra i clienti, sebbene non vi sia ancora una decisione definitiva

di pubblicata il , alle 10:29 nel canale Schede Madri e chipset
 

Secondo quanto riportato dal sito Digitimes, il colosso taiwanese Asustek Computer sta prendendo in considerazione la possibilità di separare le attività OEM/ODM da quelle relative al business dei prodotti a proprio marchio, a seguito dei significativi progressi nella commercializzazione di questi ultimi.

La compagnia ha inoltre allargato la propria proposta dalle schede madri, schede video, notebook e server ai cellulari e LCD TV. Nel caso dei portatili, inoltre, il fatturato generato dai prodotti own-brand è cresciuto a livelli tali da risultare confrontabile a quello generato dai prodotti OEM/ODM.

I clienti di Asustek hanno comunque espresso disappunto in merito all'eventuale divisione delle due attività in quanto temono che la divisione OEM/ODM possa passare in secondo piano rispetto a quelle che potrebbero essere le esigenze della divisione che si andrebbe ad occupare dei prodotti a proprio marchio.

Asustek non ha ancora preso una decisione in merito, ma potrebbe delineare i primi aspetti dell'eventuale separazione nel corso dei prossimi tre anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SydHeep19 Gennaio 2007, 10:57 #1
Beh potrebbe essere la volta buona che ASUS ritorni a fare componentistica OEM di prima qualità come era un tempo...
Dahlar19 Gennaio 2007, 11:22 #2
OEM=Original Equipment Manufacturer
non credo che in questo caso si riferiscano all'OEM che talvolta si usa per indicare quei prodotti rivenduti senza imballi e accessori contrariamente al Retail.
Se non ho capito male, vi prego di correggermi, qui si parla di creare una struttura indipendente, che non rechi più marchio Asus (e totalmente differenziata da Asus), che avrà sue linee produttive per creare componentistica che utilizzeranno terze parti (altri brand) per assemblare le loro apparecchiature o da rivendere direttamente rimarchiati. Lo scopo di ciò, sempre se non ho capito male, è di utilizzare tutta la linea produttiva asus attuale solo per componentistica asus da montare solo sui prodotti a marchio ASUS, il che potrebbe pure portare a diminuzioni dei prezzi di questi ultimi.
A lungo termine di solito ci rimette la qualità dei prodotti delle terze parti che non vengono più servite dalle stesse catene produttive del brand originale.
Non sono un esperto di economia ne di queste strategie, quindi se ho capito male qualcosa vi prego di delucidarmi.
dado200519 Gennaio 2007, 14:03 #3
Originariamente inviato da: Dahlar
...A lungo termine di solito ci rimette la qualità dei prodotti delle terze parti che non vengono più servite dalle stesse catene produttive del brand originale.
Il produttore OEM fabbrca oggetti sulla base di un contratto concordato con il cliente(committente).

Mette a disposizione del committente tutti quei servizi(progettazione, prototipazione, testing, fabbricazione del prodotto, ecc) necessari per realizzare quanto richiesto.

E' il committente che decide/concorda la qualità dei componenti(specifiche di prodotto), metodologie di testing e quant'altro.

Scelte che hanno un impatto sul prezzo e qualità del prodotto finale ovviamente.

Puo' capitare che dalla fabbrica di un produttore OEM fuoriescano prodotti simili ma di qualità( e il buonn senso suggerisce anche prezzi End-User) molto differenti.

Dipende tutto da cosa hanno ordinato i committenti.

Non dipende sempre dal produttore.
Pitagora19 Gennaio 2007, 16:35 #4
Si comunque qui si parla della differenza tra componentistica per pc (le mainboard, le schede video) e prodotti finiti (come portatili o router wireless ecc)

Ci sono differenze sensibili di canali tra le due categorie merceologiche, di sicuro l'organizzazione è già diversificata, si tratterebbe quindi di riorganizzare i comparti in modo da renderli indipendenti (da non tralasciare anche eventuali benefici fiscali) e anche più caratterizzati.

Il dubbio che hanno è più che legittimo. Magari è la volta buona che silurano la gente che ha fatto proporre porcherie tali da infangare il nome di quello che era il marchio di maggior fiducia e affidabilità nel campo dell'hw 15 anni fa.
NoRemorse19 Gennaio 2007, 18:15 #5

quoto dado..

I clienti chiedono e il produttore produce, esempio Digicom e i vecchi modem ADSL Telecom.... facevano cosi schifo che digicom ha rinnegato il prodotto essendo costruito su pietosa specifica telecom...
Per quanto riguarda Asus la qualità è ancora superiore alla media... consideriamo il discorso prezzi, nel 1994-1998 i prezzi erano molto superiori e i margini pure, oggi tutti si lavora sul filo dei 2 euri...
Invece non capisco Pitagora... tutti i prodotti finiscono nell'oem/odm, pure le automobili, per cui idem per mainboards, dvd etc... I masterizzatori DVD sony (due sett fa?) erano fasulli nel senso che sono stati prodotti senza il consenso di sony dal produttore che produce per sony....quindi dei sony "discoli"
Pitagora19 Gennaio 2007, 19:10 #6
Io non capisco te invece abbi pazienza... cosa vuoi dire con "tutti i prodotti finiscono nell'oem/odm" ??

Quello che intendevo io, in soldoni, è che se produci una mainboard la vendi a syspack, se produci un portatile lo vendi a trony.

Sebbene ci siano molte realtà commerciali nelle quali trovi sia mainboard che portatili capisci che un conto è interfacciarsi con i distributori della componentistica e un conto è dialogare direttamente con Auchan (tanto per fare esempi). Ci sono realtà che si sovrappongono, ma i "problemi", se così vogliamo chiamarli, sono le partnership con aziende che trattano solo una parte dei tuoi prodotti. Il discorso è abbastanza complesso, ma il fatto che ci stiano pensando è palese dimostrazione che potrebbero tranquillamente trarre beneficio dalla separazione.

Per quanto riguarda asus poi, nel '93 la TX97 costava come 2 mainboard di qualsiasi altra marca ma valeva il quadruplo, nessuna riusciva nemmeno lontanamente a dare la stessa robustezza e affidabilità. Oggi la filosofia di asus è chiaramente allineata agli altri grandi produttori. Abit, Gigabyte e MSI fanno prodotti dello stesso livello di asus e spesso anche migliori. Così come sono allineati i prezzi.

Il fatto che le mie ultime 3 mainboard asus mi abbiano fatto ammattire mentre i prodotti della concorrenza non mi hanno mai dato noie, potrebbe essere una sfortunata coincidenza... Il problema è che, di norma, sono restio a credere alle coincidenze.
NoRemorse24 Gennaio 2007, 13:50 #7

mah...

ocio che mi pare che non ci capiamo..
Il problema direi che è
1 asus produce es. mainboard con marchio asus e se le vende.
2 Asus produce anche mainboard con marchio Asrock (sua azienda di costo inferiore).
3 Asus produce anche mainboard con marchio es Sony (concorrente) se ciò conviene alla sua filiera produttiva.
Non si tratta di distibuzione, ma di produzione diversificata.
Ora asus dice: io mi faccio le mie "OWNBRAND", le altre continuo a farle ma separo quegli stabilimenti dall'azienda Asus. I clienti di cui si parla non quelli che acquistano i prodotti Asrock, e es. Sony... che temono che le aziende esternalizzate non siano più all'altezza...
Ci vedo giusto?
Infine tutti i prod sono ODM, OEM: SICURO, 100 esempi, guarda i prodotti simili di marche diverse, e chiediti se si copiano o se sono fatti dallo stesso produttore e poi rimarcati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^