ASRock supera i limiti di overclock delle piattaforme Intel

ASRock supera i limiti di overclock delle piattaforme Intel

Grazie ad una nuova serie di bios ASRock implementa supporto all'overclock con le CPU Intel Haswell della serie K anche in abbinamento a schede madri non basate su chipset Intel Z87

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 15:31 nel canale Schede Madri e chipset
IntelASRock
 

I processori Intel Core basati su architettura Haswell hanno debuttato ufficialmente da circa un mese, con una presentazione ufficiale dei primi modelli Core i7 e Core i5 avvenuta in concomitanza con il Computex 2013 di Taipei. Al pari di quanto visto con le precedenti versioni di processore Core per sistemi desktop, basati su architettura Ivy Bridge, le soluzioni Haswell vengono proposte anche con suffisso K a identificare le versioni dotate di moltiplicatore di frequenza sbloccato.

Per le versioni non K dei processori basati su architettura Haswell non è possibile intervenire con un overclock agendo sul moltiplicatore di frequenza, a differenza di quanto messo a disposizione con le CPU della famiglia Ivy Bridge che consentivano un ridotto ma comunque interessante margine di intervento da parte dell'utente.

Intel avrebbe inoltre circoscritto l'overclock con processori della serie K alle sole schede madri basate su chipset Z87, il modello top di gamma rivolto al pubblico dei più appassionati. In questo modo l'overclock delle CPU Haswell rimarrebbe circoscritto solo all'abbinamento tra questo chipset e i processori della serie K.

Se per questi ultimi non sembrano esserci alternative, la taiwanese ASRock avrebbe trovato una via di uscita alla limitazione lato chipset permettendo l'overclock via moltiplicatore di frequenza con alcune proprie schede madri basate su chipset Intel B85 e H87 in abbinamento a processori della famiglia K

Questa funzionalità è implementata a livello attuale ancora in forma sperimentale: l'incremento è possibile a passi di 200 MHz per volta partendo da un livello di 4 GHz, con un picco raggiunto nel caso del video qui sopra inserito che tocca i 4,8 GHz con una CPU Core i7-4770K. ASRock utilizza il nome di non-Z OC per indicare questa nuova caratteristica, ottenuta dall'azienda taiwanese con un aggiornamento del bios delle proprie schede madri, modello Fatal1ty H87 Performance su tutti. E' possibile che, dipendendo da un intervento software da parte della scheda madre, in futuro Intel possa in qualche modo intervenire a bloccare l'overclock delle CPU della serie K in abbinamento a questi chipset rendendolo disponibile solo con i modelli basati su chipset Z87.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kino8702 Luglio 2013, 17:18 #1
Più che altro se spendi 240-300€ per un processore serie Z faresti bene a non voler andare a risparmiare 15€ sulla scheda madre
Thunder-7402 Luglio 2013, 17:46 #2
Hai detto bene, chi prende in "k" , non risparmia 15 euro hahahahah
rockroll03 Luglio 2013, 06:40 #3

Intel non si smentisce

nel fare carognate verso i suoi affezionatissimi clienti...
calabar03 Luglio 2013, 11:19 #4
Io invece la considererei una possibilità piuttosto interessante, se solo non fosse a rischio di venir disabilitata se Intel dovesse richiederlo.

Per chi si accontenta di un overclock non estremo può risparmiare diverse decine di euro sulla scheda madre (tranquillamente una cinquantina), per chi ha un budget in cui rientrare può essere una soluzione da prendere in considerazione.
Mi è capitata giusto di recente una situazione in cui mi avrebbe fatto molto comodo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^