ASRock dimostra la nuova cpu Intel a 6 core

ASRock dimostra la nuova cpu Intel a 6 core

E' della taiwanese ASRock il primo sistema demo basato su processpre Intel Core i7 980 Extreme, al debutto entro poche settimane

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:36 nel canale Schede Madri e chipset
IntelASRock
 

Intel presenterà la propria prima cpu per sistemi desktop dotata di architettura a 6 core nel corso delle prossime settimane; al CeBit 2010 ASRock ha scelto di mostrare un sistema demo basato proprio su questo processore,  modello Core i7 980X, all'interno del proprio stand. Scopo della dimostrazione è confermare come questa cpu possa venir utilizzata con schede madri Socket 1366 LGA già disponibili sul mercato da tempo.

asrock_cebit_2010_3.jpg (57633 bytes)

asrock_cebit_2010_2.jpg (66053 bytes)

Uno sguardo al task manager di Windows 7 conferma la principale caratteristica tecnica di questo processore: 6 core, ciascuno dotato di tecnologia HyperThreading per un totale di 12 threads che possono venir processati contemporaneamente dal sistema operativo. Le restanti caratteristiche tecniche di questa cpu sono note, benché non ancora ufficialmente confermate da Intel: tecnologia produttiva a 32 nanometri con cache L3 da 12 Mbytes unificata tra i 6 core. Il processore appartiene alla famiglia di cpu Westmere, riprendendo quindi le innovazioni architetturali introdotte da Intel con le prime soluzioni Core i5 e Core i3 presentate a Gennaio 2010 costruite con processo a 32 nanometri.

asrock_cebit_2010_1.jpg (97187 bytes)

La scheda madre ASRock X58 Extreme3 è stata utilizzata quale piattaforma di riferimento con questo nuovo processore. Ritroviamo le principali caratteristiche tecniche già incontrate con altre schede madri basate sullo stesso chipset: 6 slot memoria per moduli DDR3, 3 slot PCI Express 16x con i quali gestire configurazioni sia SLI sia CrossFireX sino ad un massimo di 3 schede distinte o 4 GPU in parallelo. ASRock ha implementato anche controller SATA 3.0 e USB 3.0, due funzionalità non inserite nel chipset X58 ma messe a disposizione attraverso l'utilizzo di chip di terze parti.

Cosa possiamo attenderci dal nuovo processore Intel Core i7 980X? Sicuramente nuovi livelli di riferimento in termini assoluti, ovviamente con quelle applicazioni che possono beneficiare della presenza di 12 threads in parallelo che possono venir elaborati contemporaneamente. In ambito desktop sono tuttavia poche quelle che possono realmente sfruttare questo tipo di caratteristica tecnica, se non forse i programmi di rendering; nell'ambito multimediale i software a disposizione sfruttano tipicamente la presenza di due core, ma già in passato è stato in molti casi difficile riuscire a occupare al 100% per un periodo di tempo adeguato gli 8 threads processabili con le altre cpu della serie Core i7 900.

Fortunatamente Intel ha scelto di non proporre questa cpu ad una frequenza di clock inferiore a quella massima delle altre soluzioni Core i7 serie 900; troveremo quindi un valore di default pari a 3,33 GHz, allineato a quello della cpu Core i7 975 che tuttavia può mettere a disposizione solo 4 core (8 threads) contro i 6 del modello atteso al debutto nelle prossime settimane.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
stefanogiron04 Marzo 2010, 09:51 #1
Microsoft dovrà rivedere per bene il layout del Task Manager, andando avanti così ci vorranno 4 monitor per visualizzare il grafico di tutte le CPU ahahah
demon7704 Marzo 2010, 10:03 #2
SBAV!
SBAAAVVV!
SBAAAAAAAAAAAAAVVVVVV!!!!!

S-B-A-A-A-V-V-V !!!
NEON_GENESIS04 Marzo 2010, 10:06 #3
Utile solo in funzione del prezzo.
fpg_8704 Marzo 2010, 10:06 #4
stavo pensando la stessa cosa... ahaha
cmq 12 (6+6) a 3,33GHz... mostro di potenza... chissà quanto consuma al 100%...
Motenai7804 Marzo 2010, 10:15 #5
Si dessero una mossa col software piuttosto xD (beh non i produttori hardware)
Abbiamo avuto proci a 64 bit per anni inutilizzati (escluso linux), multithread a singhiozzi, e chissà quant'altro che io non sò ^^

Poi, per carità, bene vengano le nuove evoluzioni hardware, è solo un peccato far girare una Ferrari nel traffico di Roma (o Milano) :V
g.luca86x04 Marzo 2010, 10:16 #6
io piuttosto sono rimasto sorpreso da quella ventolina sul dissipatore dei mosfet di alimentazione. E' la prima volta che vedo una soluzione del genere di default su una mobo!!!
h3lios04 Marzo 2010, 10:18 #7

OMG

bel sistemino... 6 core e 24GB di ram °___°
Stech198704 Marzo 2010, 10:18 #8
LOL, ma quanta ram gli hanno montato...?!?
Cmq davvero un MOSTRO, e come tale il prezzo sarà proibitivo per i più...
Folgore 10104 Marzo 2010, 10:19 #9
Originariamente inviato da: stefanogiron
Microsoft dovrà rivedere per bene il layout del Task Manager, andando avanti così ci vorranno 4 monitor per visualizzare il grafico di tutte le CPU ahahah

Finalmente i 16:9 hanno un senso.
Chissà che prezzi, l'unica cosa positiva è che i 4+4 in teoria dovrebbero scendere di prezzo.
Spec1alFx04 Marzo 2010, 10:20 #10
Originariamente inviato da: stefanogiron
Microsoft dovrà rivedere per bene il layout del Task Manager, andando avanti così ci vorranno 4 monitor per visualizzare il grafico di tutte le CPU ahahah


L'Eyefinity di ATI è stato fatto apposta (e basta la configurazione a 3 monitor affiancati)!

Ps: guarda che ci sono sistemi che hanno molte più cpu virtuali e fisiche a disposizione... basta pensare ai server bi e quadriprocessore, senza andare tanto lontano.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^