Abit in procinto di uscire dal mercato delle schede madri?

Abit in procinto di uscire dal mercato delle schede madri?

Secondo quanto riportato dal sito DigiTimes, Abit starebbe valutando la possibilità di uscire dal mercato delle schede madri

di pubblicata il , alle 08:28 nel canale Schede Madri e chipset
 

Il sito Web DigiTimes riporta che la compagnia taiwanese Abit potrebbe essere in procinto di uscire dal mercato delle schede madri. Secondo le indiscrezioni, Abit deciderà sul da farsi solamente dopo aver valutato l'andamento delle vendite delle proprie motherboard basate sui chipset Intel della serie 4.

Il produttore taiwanese pare che non sia stato in grado di rispettare le aspettative di Universal Scientific Industrial (USI) - società che nel 2006 acquisì Abit - non riuscendo a competere in modo significativo con i principali competitor del mercato.

Nel corso del 2007, Abit ha venduto circa 2 - 3 milioni di schede madri e l'obiettivo fissato per il 2008 è di raggiungere quota 6 milioni. Attualmente pare però che la compagnia stia registrando un calo nelle vendite e non si sa se riuscirà a rispettare il traguardo che si era prefissata.

A determinare da che parte penderà l'ago della bilancia saranno principalmente le vendite delle nuove schede madri basate sul chipset P45 di Intel. Qualora USI decida di ritirarsi dal mercato delle motherboard, il marchio Abit verrà riutilizzato per la produzione di altre tipologie di prodotti non meglio specificate.

Riteniamo tuttavia doveroso avvertire che tali informazioni vanno prese con dovuta cautela: al momento infatti non ci sono conferme a sostegno di queste speculazioni e la stessa Abit ha dichiarato che proseguirà nello sviluppo di nuovi modelli. Il sito ocworkbench ha pubblicato, a questo indirizzo, una dichiarazione di Thore Welling, Universal ABIT Global Marketing Director, che dichiara una crescita di mercato per Abit negli ultimi 12 mesi per smentire, senza tuttavia dare una indicazione precisa, le indiscrezioni riportate da Digitimes.

“abit is a well established and strong brand within the enthusiast and high-end motherboard and components industry. In fact, particularly over the past 12 months we have been able to considerably increase market share not only in traditional markets such as Western Europe, but even stronger so in emerging markets such as East Asia as well as in the Middle East. Therefore, the broadening of our product lines into the Consumer Electronics (digital photo frames with integrated photo printer {FunFab} and MIDs) segment represents a stronger commitment to the overall brand and the continuation of our motherboard concept into other products. abit stays committed to motherboards and has a broad lineup of motherboards ready, as you will see in during Computex”

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ThePunisher28 Maggio 2008, 08:36 #1
Manca qualcosa a inizio news.
Rudyduca28 Maggio 2008, 08:40 #2
Noooooooooo!
La mitica Abit che abbandona.
IMHO, non hanno saputo pubblicizzare il marchio a dovere quando era in auge, quando contendeva il primato per la migliore Mb ad Asus.
demon7728 Maggio 2008, 08:59 #3
peccato.. non erano brutte schede!

speriamo resti a galla!
extreme1028 Maggio 2008, 09:00 #4
Nella mia vita solo Abit...non è possibile tutto questo...
A mio modesto parere anche nei momenti difficili erano sempre il Top del Top.
za8728 Maggio 2008, 09:03 #5
non possono chiudere così i battenti.
anche perchè un pò di concorrenza fa sempre bene e non erano schede per niente brutte.
REPERGOGIAN28 Maggio 2008, 09:03 #6
vogliamo dimenticarci la NF7???
più di 1 MLN di esemplari prodotti
Ratatosk28 Maggio 2008, 09:24 #7
Ormai era nell'aria da almeno un paio d'anni, motivo per cui sconsigliavo a chiunque di comprare mobo Abit per non incorrere nel pericolo supporto=0.

Nonostante questo qualcuno si è intestardito e ora rischia proprio quello.

Vabbè ne faremo a meno, bastano e avanzano gli attuali produttori, il nostro problema in Italia è che si trovano diffusamente solo ASUS e Gigabyte.
johnp198328 Maggio 2008, 09:39 #8
Originariamente inviato da: Rudyduca
Noooooooooo!
La mitica Abit che abbandona.
IMHO, non hanno saputo pubblicizzare il marchio a dovere quando era in auge, quando contendeva il primato per la migliore Mb ad Asus.


e quando avrebbe avuto tale primato asus?
astroimager28 Maggio 2008, 09:48 #9
Originariamente inviato da: Ratatosk
Ormai era nell'aria da almeno un paio d'anni, motivo per cui sconsigliavo a chiunque di comprare mobo Abit per non incorrere nel pericolo supporto=0.

Nonostante questo qualcuno si è intestardito e ora rischia proprio quello.

Vabbè ne faremo a meno, bastano e avanzano gli attuali produttori, il nostro problema in Italia è che si trovano diffusamente solo ASUS e Gigabyte.


Peccato, però, le schede non sono male a livello di dotazione, e sono fra le più belle esteticamente. Magari si può rischiare per 80 euro, ma prendere una top gamma di questo produttore, in questo momento - in effetti - è una mossa poco saggia...
Ratatosk28 Maggio 2008, 10:03 #10
Originariamente inviato da: astroimager
Peccato, però, le schede non sono male a livello di dotazione, e sono fra le più belle esteticamente. Magari si può rischiare per 80 euro, ma prendere una top gamma di questo produttore, in questo momento - in effetti - è una mossa poco saggia...


In tutta onestà credo che la standardizzazione dei componenti porti ad un generale appiattimento qualitativo sul low end e mid range, con i produttori che sparano tutte le cartucce sulla fascia alta (con alti margini). A quel punto la differenza la fanno il supporto e la qualità dei BIOS, cosa che in Abit da anni non è più ad alti livelli per i continui tagli di spesa, motivo per cui mi sembra sconsigliabile a prescindere, anche nella fascia bassa.

Volendo spendere poco ci sono tanti marchi con supporto più che all'altezza che pur non essendo reperibili in italia lo sono in cruccolandia con molta facilità.

L'ultimo acquisto Abit l'ho fatto ai tempi in cui ancora produceva le Siluro, poi mi sono disimpegnato visto il declino cui si avviava e mi sono orientato verso ASUS, che da questo punto di vista mi da una certa sicurezza (come Gigabyte e DFI e di rimbalzo Zotac/Sapphire sulle mobo)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^