Volumi del mercato PC ancora in calo per il 2015

Volumi del mercato PC ancora in calo per il 2015

Riviste al ribasso le previsioni per il 2015, rispetto a stime precedenti di crescità già negativa. Ma anche per i prossimi cinque anni il mercato PC è destinato ad un lento ed inesorabile declino in volumi e valore

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Sistemi
 

La società di analisi di mercato IDC prevede che consegne globali di sistemi PC possano andare incontro ad una contrazione del 4,9% nel 2015, rivedendo quindi al ribasso le precedenti previsioni di un calo del 3,3%. Allo stesso tempo però sono state ritoccate leggermente verso l'alto le previsioni di crescita per il 2016 e il 2017.

Sebbene i risultati del quarto trimestre 2014 fossero superiori dell'1,7% rispetto alle previsioni e possano lasciar intendere ad una piccola ripresa, le condizioni dell'economica globale e le variazioni di prodotto creeranno in realtà qualche resistenza nel breve termine. Per l'intero 2015 il volume di consegne è previsto essere di 293,1 milioni di pezzi, per scivolare ancora leggermente verso i 291,4 milioni del 2019. In termini di valore il mercato PC ha raggiunto i 201 miliardi di dollari nel 2014, con una flessione dello 0,8% rispetto all'anno precedente, e ci si aspetta un ulteriore calo del 6,9% nel 2015, con flessioni inferiori negi anni seguenti, portando il totale a 175 miliardi di dollari nel 2019.

Alcune porzioni di mercato hanno potuto assistere ad una buona crescita della domanda nel corso della seconda metà del 2014, anche se una parte del volume del quarto trimestre dello scorso anno è stata gonfiata da una crescita degli inventari dei sistemi "Windows 8.1 + Bing" prima della riduzione dei sussidi da parte di Microsoft nella prima parte del 2015. IDC si aspetta che l'impatto nel breve termine colpisca i canali consumer dal momento che questi lavoreranno per cercare di esaurire le scorte. In aggiunta i prezzi medi andranno a crescere nel futuro immediato per via della riduzione dei sussidi di Bing, del dollaro forte (che rende i sistemi più costosi al di fuori degli usa) e del continuo passaggio verso sistemi sottili, convertibili e touch-based. Inoltre aggiornamenti più significativi da parte di Intel (Skylake) e Microsoft (Windows 10) saranno rilasciati nel corso dell'anno, spostando l'interesse degli utenti verso l'ultima parte del 2015.

I mercati emergenti continuano ad avere difficoltà, concludendo il 2014 con una flessione del 9,5% nelle consegne PC e con proiezioni di crescita per il 2015 che sono state abbassate al -4,7%. Le continue instabilità politiche, la pressione dei prezzi sulle commodity e le svalutazioni delle monete in queste regioni hanno ridotto la spesa su un vasto numero di settori, inclusi i progetti pubblici che negli anni recenti hanno offerto un po' di spinta al mercato. La competizione che deriva da altri dispositivi come telefoni, tablet e tecnologia indossabile pone ulteriori sfide alla spesa PC. Sebbene le regioni emergenti dovrebbero ancora vedere una crescita positiva per il 2017, le proeizioni di consegne restano al di sotto dei 160 milioni di pezzi per il 2019, in calo dai 163,7 milioni del 2014.

Le regioni mature continuano invece a comportarsi meglio, concludendo il 2014 con una crescita positiva dell'8,4% per l'intero anno, la prima sin dal 2010. Crescita supportata dalle sostituzioni dovute alla EOL di Windows XP, al rallentamento dei tablet e a prezzi piuttosto aggressivi. Nondimeno i volumi PC nelle regioni mature andranno incontro ad una flessione del 5,1% nel 2015 con ulteriori contrazioni a seguire. Tuttavia, in virtù di una serie di condizioni favorevoli, tra cui la presenza di prodotti interessanti nei segmenti premium e a basso prezzo, le proiezioni per i volumi PC nelle regioni mature sono in crescita a 134 milioni nel 2019 rispetto alle precedenti previsioni di 130 milioni.

Loren Loverde, Vice President, Worldwide PC Trackers, ha commentato: "I risultati nelle regioni mature per il 2014 hanno aiutato a stabilizzare il mercato ma qualsiasi opportunità i crescita a lungo termine dipende dal rivitalizzare la crescita nelle regioni emergenti e questo sembra inverosimile con il passaggio verso i dispositivi mobile. Anche includendo i sistemi 2-in-1 si andrebbe a spingere il CAGR per le consegne fino al 2016 dal -1,1% allo 0,5%. I vendor possono focalizzarsi su segmenti in crescita del mercato PC come AIO, PC sottili e convertibili, o cercare di consolidare il market share, ma la pressione sui prezzi e dai dispositivi concorrenti continuerà a disegnare uno scenario di particolare sfida".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bestio13 Marzo 2015, 16:07 #1
Più che altro è anche un po di anni che mancano sostanziose novità HW.
Oramai chi ha un i3/i5/i7 di prima generazione (ma anche solo un Celeron o un "vecchio" Core2 per utilizzo office) che motivo dovrebbe avere di cambiare/aggiornare il PC?
ComputArte14 Marzo 2015, 15:04 #2

Una tempesta ...in un bicchiere!

Ok che il tasso di crescita sia negativo indica il rallentamento del ciclo di rinnovo alias allungamento del ciclo di vita del prodotto.
Lo strumento pc fisso ha una logica ben precisa: produttività e collegamento NON in mobilità.
Elementi per i quali non si può parlare di sostituzione con tablet, phablet o smartphone.
....lunga vita al pc e se intel deciderà MAI ( e non penso ciò avverrà!) di lasciare il mercato delle architetture desktop, entrerà qualcun altro!
roccia123414 Marzo 2015, 15:37 #3
Originariamente inviato da: Bestio
Più che altro è anche un po di anni che mancano sostanziose novità HW.
Oramai chi ha un i3/i5/i7 di prima generazione (ma anche solo un Celeron o un "vecchio" Core2 per utilizzo office) che motivo dovrebbe avere di cambiare/aggiornare il PC?


Concordo, più che altro perchè abbiamo potenza in abbondanza.

Per il gaming anche un vecchio i7 920 fa ancora la sua porca figura, basta aggiornare la vga con una moderna (magari dargli un leggero OC) e fa ancora girare TUTTO e pure bene.
Ma anche core2quad un po' carrozzati non sono poi così antichi da questo punto di vista.
8gb di ram e via andare ancora per parecchio tempo.

Per utilizzo non gaming, anche un core2duo con 2 gb di ram e un disco meccanico qualunque basta e avanza, anche della primissima serie con quasi 9 anni su groppone.


Ovviamente esigenze lavorative o particolari fanno casistica a parte. Ad esempio per enconding video qualunque aumento di potenza è più che benvenuto.
rockroll14 Marzo 2015, 17:49 #4
Originariamente inviato da: roccia1234
Concordo, più che altro perchè abbiamo potenza in abbondanza.

Per il gaming anche un vecchio i7 920 fa ancora la sua porca figura, basta aggiornare la vga con una moderna (magari dargli un leggero OC) e fa ancora girare TUTTO e pure bene.
Ma anche core2quad un po' carrozzati non sono poi così antichi da questo punto di vista.
8gb di ram e via andare ancora per parecchio tempo.

Per utilizzo non gaming, anche un core2duo con 2 gb di ram e un disco meccanico qualunque basta e avanza, anche della primissima serie con quasi 9 anni su groppone.


Ovviamente esigenze lavorative o particolari fanno casistica a parte. Ad esempio per enconding video qualunque aumento di potenza è più che benvenuto.


Tutto giusto quel che dici.

Io fortunatamente non ho il brutto vizio del gioco, e vado alla grande anche con macchine datate; solo per encoding video ci do dentro con una macchina più adeguata: film catturati dal DTT li edito con Vdub e li trasformo in XviD in 10 minuti, e ciò mi basta.
Mia figlia aveva una ciofeca portatile marchiata HP "vista certified", di quelle epiche che peggio non poteva tirar fuori la combutta Wintel con connivenza HP. Portandolo a Win7 per la disperazione, finalmente faceva il suo sporco lavoro. Col tempo il sistema si è sputtanato, ci ho piazzato sopra un onestissimo XP pro sp3 limato come Dio comanda, ed è rinato letteralmente; ultimamente ho acchiappato d'occasione per 4 soldi un SSD da 120 GB, ce l'ho piazzato sopra (14 GB part.XP e 100 GB part.dati, l'HD meccanico viene usato come HD esterno con interfaccia USB). Il laptop vola letteralmente malgrado i suoi anni, e mia figlia proprio non sente il bisogno di altro, e se l'è portato in Olanda dove risiede da qualche mese per lavoro . La part.sistema è ripristinabile da USB pen di 4GB mezza vuota (il BkUp Acronis occupa 2.6GB); qualunque casino possa succedere con XP non più aggiornato (e pare proprio non ne succedano), in 10 minuti il sistema è ripristinato.

Chi mai sente il bisogno di cambiare PC (e di cambiare sistema)?
cdimauro14 Marzo 2015, 18:00 #5
Originariamente inviato da: rockroll
Mia figlia aveva una ciofeca portatile marchiata HP "vista certified", di quelle epiche che peggio non poteva tirar fuori la combutta Wintel con connivenza HP.

Fammi capire: HP decide di produrre "motu proprio", come normalmente capita, un portatile con determinate caratteristiche, è la colpa della ciofeca è di Microsoft e Intel? Non so, le hanno puntato una pistola per costringerla a realizzare quel portatile?

O, più semplicemente, il tuo è il solito attacco agli odiati nemici che ti sei costituito?
Bestio14 Marzo 2015, 21:23 #6
Originariamente inviato da: roccia1234
Concordo, più che altro perchè abbiamo potenza in abbondanza.

Per il gaming anche un vecchio i7 920 fa ancora la sua porca figura, basta aggiornare la vga con una moderna (magari dargli un leggero OC) e fa ancora girare TUTTO e pure bene.
Ma anche core2quad un po' carrozzati non sono poi così antichi da questo punto di vista.
8gb di ram e via andare ancora per parecchio tempo.

Per utilizzo non gaming, anche un core2duo con 2 gb di ram e un disco meccanico qualunque basta e avanza, anche della primissima serie con quasi 9 anni su groppone.


Ovviamente esigenze lavorative o particolari fanno casistica a parte. Ad esempio per enconding video qualunque aumento di potenza è più che benvenuto.


Per utilizzo non gaming un core2duo con 4 gb di ram e SSD letteralmente vola, non serve altro...
Ma l'SSD quello si, tutto il sistema guadagna una velocità ed una reattività tale da rendere superfluo tutto il resto.
E infatti tutti i conoscenti che volevano cambiare PC perchè il loro c2 era diventato troppo lento, ho montanto un economico SSD da 128gb lasciando il meccanico come secondario, portato a 4gb se ne avevano solo 1 o 2, e tutti felici come pasque dato che con pochi soldi si sono ritrovati un PC che era una scheggia.
rockroll15 Marzo 2015, 05:36 #7
Originariamente inviato da: cdimauro
Fammi capire: HP decide di produrre "motu proprio", come normalmente capita, un portatile con determinate caratteristiche, è la colpa della ciofeca è di Microsoft e Intel? Non so, le hanno puntato una pistola per costringerla a realizzare quel portatile?

O, più semplicemente, il tuo è il solito attacco agli odiati nemici che ti sei costituito?


Hai capito bene, ai miei occhi (e non solo) sono gli "odiati nemici", ed il mio (e non solo) disprezzo se lo sono meritato con loro comportamento non proprio cristallino...l

A parte ciò, circa il laptop in questione (HP NX7300), che mia figlia si era procurato di testa sua, il favoloso Vista l'ha ben tirato fuori M$, e il modesto (ma non nel prezzo) HW squisitamente tutto Intel l'ha ben tirato fuori I$ (fino a prova contraria HP$ al massimo assembla oltre a mettere il marchio e lucrarci), e tutte e tre queste signore sapevano benissimo quanto inadeguata fosse tale macchina in accoppiata con tale software, che inevitabilmente l'avrebbe infestata senza possibili alternative; ciò nonostante il ridicolo marchio "Vista certified" è stato sfacciatamente piazzato in bella mosta, senza che nessuna delle tre conniventi abbia trovato nulla da ridire.

Sarò anche prevenuto, l'ho già amesso, ma questo è quanto sinceramente ho pensato per non dire constatato. Tutti sappiamo che a pensar male si fa peccato, ma ci si coglie....
cdimauro15 Marzo 2015, 08:27 #8
Originariamente inviato da: rockroll
Hai capito bene, ai miei occhi (e non solo) sono gli "odiati nemici", ed il mio (e non solo) disprezzo se lo sono meritato con loro comportamento non proprio cristallino...l

Quindi per te uno che commette un errore (SE lo è realmente), rimane colpevole all'infinito.

Immagino che inferno sarà la vita dei tuoi figli, a cui rinfaccerai sempre tutti gli errori che hanno commesso...
A parte ciò, circa il laptop in questione (HP NX7300), che mia figlia si era procurato di testa sua,

Quindi dovresti essere consapevole che l'errore è soltanto suo.
il favoloso Vista l'ha ben tirato fuori M$,

A parte il fatto che è stato un buon s.o. (e fondamenta di tutte le successive versioni), la cui pecca è rappresentata dalle prestazioni su computer con meno di 1GB di RAM, quale sarebbe il problema qui?
e il modesto (ma non nel prezzo) HW squisitamente tutto Intel l'ha ben tirato fuori I$

E quindi? L'hardware fornito da Intel e che è stato impiegato per quel portatile risulta per caso inadeguato?
(fino a prova contraria HP$ al massimo assembla oltre a mettere il marchio e lucrarci),

Fino a prova contraria è soltanto HP che decide come realizzare i suoi prodotti, e a immetterli sul mercato.

Se hai notizie diverse, riportale pure.
e tutte e tre queste signore sapevano benissimo quanto inadeguata fosse tale macchina in accoppiata con tale software,

Posto che Microsoft e Intel abbiano dello colpe, e non è questo il caso, in che modo avrebbero "saputo benissimo" quello che HP stava facendo? Microsoft e Intel hanno accordi di vendite per volumi: tot milioni di pezzi a un certo prezzo, che i produttori di hardware impiegano come vogliono per i propri prodotti.

Se hai informazioni diverse, come già detto, riportale pure.
che inevitabilmente l'avrebbe infestata senza possibili alternative;

Queste sono soltanto menzogne. Direttamente dal documento QuickSpecs di HP per l'NX7300:

[INDENT]Genuine Windows Vista Business 32,
Genuine Windows Vista Home Basic 32,
Genuine Windows XP Professional,
Genuine Windows XP Home Edition,
FreeDOS
[/INDENT]
Per il portatile in questione era possibile scegliere fra ben 5 (CINQUE) diversi s.o..
ciò nonostante il ridicolo marchio "Vista certified" è stato sfacciatamente piazzato in bella mosta, senza che nessuna delle tre conniventi abbia trovato nulla da ridire.

Vuol dire che per le specifiche in questione andava bene: esistono dei requisiti minimi da soddisfare.

E, ancora una volta, dovresti dirmi che c'entra Intel in tutto ciò, visto che vende i suoi processori (e chipset) in volumi.
Sarò anche prevenuto, l'ho già amesso, ma questo è quanto sinceramente ho pensato per non dire constatato. Tutti sappiamo che a pensar male si fa peccato, ma ci si coglie....

Non è che sarai prevenuto: SEI prevenuto, e questo è soltanto l'ultimo di una lunga serie di commenti che lo dimostra ampiamente.

1) Tua figlia poteva scegliere qualunque altra cosa, ma ha scelto QUEL PRECISO MODELLO. E l'ha fatto DI TESTA SUA, come TU STESSO hai riportato. Lei, e solo lei, è la principale responsabile della SUA SCELTA.

2) Il portatile in questione è disponibile in diverse versioni sia di hardware sia di software.

Se Vista a tuo dire non fosse stato adeguato, avrebbe potuto scegliere altro, o al limite effettuare un downgrade a XP se fosse stato possibile, o ancora comprare una licenza di XP e installarci questo in mancanza.

Se la memoria non fosse stata adeguata (per la mia esperienza Vista richiede almeno 1GB di RAM; con 512MB arranca troppo), sarebbe sempre stato possibile aggiungerne altra o sostituirla, visto che il portatile supporta fino a 4 (QUATTRO) GB di memoria.

Se il processore non fosse stato adeguato (ma ne dubito), per il portatile erano disponibili le seguenti scelte:
[INDENT]Intel Core 2 Duo Processor T5600 (1.83-GHz, 667-FSB, 2-MB L2 cache)*
Intel Core 2 Duo Processor T5500 (1.66-GHz, 667-FSB, 2-MB L2 cache)*
Intel Celeron M Processor 430* (1.73-GHz, 533-MHz FSB, 1-MB L2 cache)
Intel Celeron M Processor 440* (1.86-GHz, 533-MHz FSB, 1-MB L2 cache)
[/INDENT]
Per cui permettimi: sì, sei prevenuto, e direi anche in malafede visto che riporti informazioni false, chiaramente con l'unico obiettivo di spalare letame sui tuoi odiati nemici.

La cosa interessante è che, posto che vi fosse un effettivo problema, vorresti colpire Microsoft e Intel per le scelte "scellerate" di HP.

Con la stessa logica, direi che i responsabili della scelta scellerata di tua figlia siete tu e tua moglie che l'avete generata (è il risultato dell'assemblaggio dei vostri geni). E' un problema di DNA, insomma, il che, leggendo quello che scrivi e assumendo vera la tua "logica", non è certo lontano dalla verità...
Cooperdale15 Marzo 2015, 10:03 #9
Inutile catastrofismo, i tablet non possono sostituire i PC se non per chi legge solo la mail e si accontenta di navigare su siti zoppi. Ci saranno un po' meno pc in giro, ma continueranno a essercene una marea. Tra l'altro noto che un po' di miei clienti stanno anche percorrendo la strada inversa, da mobile only tornano al pc perché si rompono (giustamente) il belino.
roccia123415 Marzo 2015, 10:29 #10
Originariamente inviato da: rockroll
Tutto giusto quel che dici.

Io fortunatamente non ho il brutto vizio del gioco, e vado alla grande anche con macchine datate; solo per encoding video ci do dentro con una macchina più adeguata: film catturati dal DTT li edito con Vdub e li trasformo in XviD in 10 minuti, e ciò mi basta.


Esiste ancora xvid?
Boh, pensavo oramai che h.264 fosse lo standard

Mia figlia aveva una ciofeca portatile marchiata HP "vista certified", di quelle epiche che peggio non poteva tirar fuori la combutta Wintel con connivenza HP. Portandolo a Win7 per la disperazione, finalmente faceva il suo sporco lavoro. Col tempo il sistema si è sputtanato, ci ho piazzato sopra un onestissimo XP pro sp3 limato come Dio comanda, ed è rinato letteralmente; ultimamente ho acchiappato d'occasione per 4 soldi un SSD da 120 GB, ce l'ho piazzato sopra (14 GB part.XP e 100 GB part.dati, l'HD meccanico viene usato come HD esterno con interfaccia USB). Il laptop vola letteralmente malgrado i suoi anni, e mia figlia proprio non sente il bisogno di altro, e se l'è portato in Olanda dove risiede da qualche mese per lavoro . La part.sistema è ripristinabile da USB pen di 4GB mezza vuota (il BkUp Acronis occupa 2.6GB); qualunque casino possa succedere con XP non più aggiornato (e pare proprio non ne succedano), in 10 minuti il sistema è ripristinato.

Chi mai sente il bisogno di cambiare PC (e di cambiare sistema)?


Originariamente inviato da: Bestio
Per utilizzo non gaming un core2duo con 4 gb di ram e SSD letteralmente vola, non serve altro...
Ma l'SSD quello si, tutto il sistema guadagna una velocità ed una reattività tale da rendere superfluo tutto il resto.
E infatti tutti i conoscenti che volevano cambiare PC perchè il loro c2 era diventato troppo lento, ho montanto un economico SSD da 128gb lasciando il meccanico come secondario, portato a 4gb se ne avevano solo 1 o 2, e tutti felici come pasque dato che con pochi soldi si sono ritrovati un PC che era una scheggia.


Gli SSD sono "magici". Fanno resuscitare qualunque pc
(oddio, proprio qualunque no...)

Imho con 7 e tenendo il sistema pulito, anche 2 gb di ram vanno bene, anche se sono un po' stretti.
Certo, con quello che costa, 4 gb di ram sono la scelta migliore e che garantisce una certa longevità e un certo spazio di manovra...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^