Supercomputer IBM fino a tre petaflop

Supercomputer IBM fino a tre petaflop

IBM annuncia la prossima disponibilità di un nuovo supercomputer in grado di arrivare fino a tre petaflop di capacità computazionale

di pubblicata il , alle 14:12 nel canale Sistemi
IBM
 

Il sistema Blue Gene /P, l'ultimo nato della famiglia di supercomputer di IBM, ha segnato un nuovo record per ciò che concerne la velocità computazionale, superando il predecessore Blue Gene /L e infrangendo la barriera del petaflop. IBM è stata in grado di porsi ai vertici della classifica Top 500 Supercomputing proprio con il sistema Blue Gene /L, accreditato di una velocità di 280 teraflop.

Blue Gene /P verrà impiegato per la prima volta più avanti nel corso dell'anno presso il Dipartimento dell'Energia dell'Argonne National Laboratory. In futuro sono previsti impieghi presso la Max Planck Society e il Forschungszentrum Julich in Germania, presso la Stony Brook University e il Brookhaven National Labs, negli Stati Uniti, e presso il Science and Technology Facilites Council in Inghilterra.

Blue Gene /P rappresenta una evoluzione ed un affinamento dei principi che hanno portato alla costruzione di Blue Gene /L. Il nuovo supesistema è caratterizzato da un design particolarmente integrato che prevede l'accorpamento di quattro core PowerPC 450 a 850MHz in un singolo package. In una scheda quadrata con lato di due piedi possono essere installati 32 processori, i quali sono in grado di "macinare" 435 miliardi di operazioni al secondo.

Il sistema in grado di superare il petaflop di capacità computazionale richiede quai 295 mila processori, per un ingombro complessivo di ben 72 rack. E' prevista inoltre la realizzazione di un supercomputer in grado di arrivare a tre petaflop che richiederà la presenza di 884 mila processori e un cluster di ben 216 rack.

Ma IBM non si vuole fermare qui. Big Blue ha infatti già avviato i lavori attorno allo sviluppo di Blue Gene /Q, il supercomputer di prossima generazione che, sebbene non siano disponibili particolari dettagli, sembra essere accreditato di una potenza in grado di arrivare a 10 petaflop.

La barriera del petaflop, in realtà, è già stata abbattuta lo scorso anno, proprio in questo periodo, con il supercomputer MDGRAPE-3. Come abbiamo avuto modo di sottolineare già allora, il sistema, in quanto altamente specializzato solo per determinati impieghi, non può però entrare all'interno della classifica Top 500 per l'impossibilità di eseguire il benchmark LINPACK, ovvero l'unico utilizzato per stilare la prestigiosa classifica.

Fonte: News.Com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AlexXP27 Giugno 2007, 14:21 #1
Petaflop... questa cosa puzza
Puddus27 Giugno 2007, 14:21 #2
napass27 Giugno 2007, 14:22 #3


ma è mooooolto rapida!!
dottorpalmito27 Giugno 2007, 14:23 #4
wow!
demon7727 Giugno 2007, 14:32 #5
Gran bel bestione ma alla luce di quanto dimostrato dalle piattaforme tesla posso dire che è decisamente poco ottimizzato..

Il "mattone" che compone questo colosso non ha un potere di calcolo molto elevato: se utilizzassero le normali cpu come controller e le GPGPU come macina calcoli otterrebbero la stessa potenza con consumi e mole mooolto ridotti..
ShadowX8427 Giugno 2007, 14:40 #6
Originariamente inviato da: demon77
Gran bel bestione ma alla luce di quanto dimostrato dalle piattaforme tesla posso dire che è decisamente poco ottimizzato..

Il "mattone" che compone questo colosso non ha un potere di calcolo molto elevato: se utilizzassero le normali cpu come controller e le GPGPU come macina calcoli otterrebbero la stessa potenza con consumi e mole mooolto ridotti..


Vero se e solo se i dati processati da questo super computer saranno estremamente parallelizzabili, il che, non è automatico col fatto che suddetti dati vengano elaborati da un supercomputer.
Crux_MM27 Giugno 2007, 14:40 #7
Chissà come ci gira Crysis
flisi7127 Giugno 2007, 14:40 #8
Vorrei far notare che in questi giorni, durante la conferenza sul tema in svolgimento a Dresda, è stata rilasciata la 29esima lista dei top500 supercomputer: in essa compare UN SOLO sistema installato in Italia FRA I PRIMI 100, precisamente al Cineca, e solo al 67esimo posto.
In tutta la classifica ve ne solo in totale solo 5 in Italia (quello del Cineca, 1 del SCS group di Faenza, 2 di Telecome 1 di Esprinet).



Ciao

Federico
Xadhoomx27 Giugno 2007, 14:45 #9
Beh la somma totale mondiale di ops non raggiunge quella installata in USA.
gabi.243727 Giugno 2007, 14:52 #10
E così IBM si riprende il primo posto come potenza di calcolo, dopo esser stata superata dal progetto Folding@Home

Almeno, finchè suddetto progetto non arriverà ai 3 petaflop

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^