Scythe presenta il dissipatore Kotetsu Mark II: ASUS TUF Gaming Alliance Edition

Scythe presenta il dissipatore Kotetsu Mark II: ASUS TUF Gaming Alliance Edition

ASUS ha in essere un programma di "reclutamento" di dispositivi ed accessori da produttori terzi al fine di andare a comporre un catalogo di prodotti che si distinguano per alta qualità ed alte prestazioni, il tutto personalizzato e rimarchiato ASUS TUF Gaming Alliance

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Sistemi
ScytheASUSTUF
 

ASUS ha in essere un programma di "reclutamento" di dispositivi ed accessori da produttori terzi al fine di andare a comporre un catalogo di prodotti che si distinguano per alta qualità ed alte prestazioni, il tutto personalizzato e rimarchiato ASUS TUF Gaming Alliance.

Il dissipatore di cui vi parliamo oggi è prodotto dalla nota marca Scythe, precisamente si tratta di una versione aggiornata del già noto modello Kotetsu Mark II.

Le modifiche apportate al dissipatore in oggetto riguardano principalmente il solo comparto estetico: coperchio personalizzato con grafica dedicata basata sul marchio TUF, ventola Kaze Flex da 120 mm, dotata di tecnologia PWM ed equipaggiata di girante bianca opaca, supporti in gomma gialli ed illuminazione a LED RGB gestibile tramite il software proprietario di ASUS Aura Sync RGB.

Invariata la parte tecnica, ovvero dimensioni pari a 130x154x83 mm, peso di 645 g, regime di rotazione della ventola compreso tra 300 e 1.200 RPM e rumore generato compreso tra 4 e 24.9 dBA.

Come per la versione base, anche questa originale versione Kotetsu Mark II ASUS TUF risulta compatibile con socket Intel LGA 775, 1150, 1151, 1155, 1156, 1366, 2066, 2011, 2011-v3 e AMD AM2, AM2+, AM3, AM3+, AM4, FM1, FM2 e FM2+.

Per il momento nessuna informazione circa disponibilità e prezzo; per maggiori immagini e dettagli sui prodotto marchiati ASUS TUF Gaming Alliance vi invitiamo a visitare la pagina dedicata a questa serie oppure alla pagina riservata alla versione standard di questo dissipatore.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bancodeipugni16 Ottobre 2018, 12:52 #1
e dai co sto alluminio

ma perchè non cominciano a mettere alette di rame che sono un po' migliori e non si spaccano al primo urto ?
maxy0416 Ottobre 2018, 19:22 #2
Originariamente inviato da: bancodeipugni
e dai co sto alluminio

ma perchè non cominciano a mettere alette di rame che sono un po' migliori e non si spaccano al primo urto ?


costano molto di piu', poi la differenza di conduttivita' termica non e' cosi' estrema (mi sembra un 20/25%) da giustificare il costo in piu'.
bancodeipugni16 Ottobre 2018, 21:21 #3
se fanno le cordine unipolari in rame ricotto e le portanti dei coassiali al posto dell'alluminio c'e' una ragione: oltre che condurre meno si spaccano con niente

inoltre basta guardare le specifiche di diametro dei cavi per vedere la differenza in termini di resistività

per fare un picchetto di terra in rame del 16 bisogna passare almeno al 35 in alluminio (sempre che non lo lasci metà per strada e l'altra quando chiudi il morsetto...)

negli anni 70 80 mettevano i cavi d'antenna nelle case con anima in alluminio: non si riuscivano a fare gli spinotti (quei cancheri da 13 che non stavano neanche negli alloggiamenti delle prese): si spaccavano tutti mentre chiudevi la cazzo di vite centrale piccolissima

poi non parliamo della schermatura: rai 1 sui 177mhz (ch 5) VHF le interferenze erano di ogni genere: motorini, trapani, anche se uno accendeva un qualsiasi reattore neon

quando poi veniva natale allora li cascava l'asino, con le intermittenze non isolate delle lucine...

col cavo in rame ce n'erano molte meno di rogne

e per la resa conduttiva, data la geometria, ci sarà meno differenza

ma l'alluminio resta più duttile e malleabile e con le dilatazioni termiche inevitabilmente i fattori di forma delle alette si modificano
maxsy16 Ottobre 2018, 21:34 #4
Originariamente inviato da: bancodeipugni
e dai co sto alluminio

ma perchè non cominciano a mettere alette di rame che sono un po' migliori e non si spaccano al primo urto ?


https://www.google.it/search?q=copp...440&bih=808

detto questo, penso sia una questione di peso/costi.

secondo me l'ideale è avere la base e le heatpipe in rame e le alette in alluminio

secondo il sistema internazionale delle unita di misura riguardo la conducibilità termica il rame è al terzo posto mentre l'alluminio è al quinto. riprendendo il discorso peso/costi credo possa andar bene anche l'alluminio.
bancodeipugni16 Ottobre 2018, 21:37 #5
questa si che è vita
maxsy16 Ottobre 2018, 21:49 #6
Originariamente inviato da: bancodeipugni
questa si che è vita


ho modificato il post precedente aggiungendo mie considerazioni.

cpu cooler in rame ci sono, anche se in via di ''estinzione''. ma la domanda è: vale la pena?
bancodeipugni17 Ottobre 2018, 12:40 #8
Originariamente inviato da: maxsy
ho modificato il post precedente aggiungendo mie considerazioni.

cpu cooler in rame ci sono, anche se in via di ''estinzione''. ma la domanda è: vale la pena?


certo !

pensa quando non ti serve più per cambio socket o quant'altro

puoi sempre riciclarlo a prezzi modici

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^