Realizzato il primo circuito ottico quantistico

Realizzato il primo circuito ottico quantistico

Presso l'università del Queensland viene realizzato il primo circuito ottico quantistico in grado di effettuare operazioni matematiche

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:02 nel canale Sistemi
 

Un gruppo di ricercatori dell'università del Queensland è riuscito a creare il primo circuito quantistico di tipo ottico, in grado di effettuare semplici operazioni matematiche. Si tratta di un importante passo avanti nella ricerca per la realizzazione del computer quantistico, un argomento del quale abbiamo più volte avuto modo di parlare anche su Hardware Upgrade.

Dal punto di vista teorico, i computer quantistici sono caratterizzati da una potenza elaborativa di diversi ordini di grandezza superiore a quella dei computer tradizionali. Spesso, quando si parla di computer quantistici, si porta l'esempio della loro possibilità di scomporre in fattori primi numeri molto grandi, ovvero il principio che sta alla base degli attuali sistemi di criptazione dei dati. I computer quantistici permetterebbero quindi sistemi di sicurezza più avanzati. Alla base dell'informatica quantistica vi è il concetto di qbit, o quantum bit, che può assumere i valori 1 e 0 oppure entrambi simultaneamente.

La scoperta rientra sotto il cappello del Centre for Quantum Computer Technology, una iniziativa australiana con sede nelle diverse università della terra dei canguri, che vede anche la partecipazione dell'unviersità del Queensland e l'impegno economico del DARPA, l'agenzia governativa facente parte del Dipartimento della Difesa USA.

Il circuito realizzato dai ricercatori dell'univeristà del Queensland, prevede l'impiego di un laser che emette fotoni soggetti ad entanglement quantistico (del quale abbiamo già avuto modo di parlare in questo focus) lungo un circuito lineare ottico. In un modo purtroppo non meglio precisato, è stato possibile realizzare un circuito composto da quattro qbit, che è risultato in grado di calcolare i fattori primi del numero quindici: tre e cinque. A livello teorico, incrementando il numero di qbits sarà possibile scomporre rapidamente in fattori primi anche numeri più grandi.

I computer quantistici restano comunque attualmente una tecnologia sperimentale, il cui effettivo potenziale non sarà fruibile pubblicamente almeno per i prossimi 20 anni. Ma il gruppo di ricercatori del Queensland, con questa scoperta, hanno dimostrato che non vi è alcuna ragione per la quale i principi alla base dell'informatica quantistica non debbano funzionare.

Fonte; ZDnet

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
magilvia18 Dicembre 2007, 12:17 #1
Spesso, quando si parla di computer quantistici, si porta l'esempio della loro possibilità di scomporre in fattori primi numeri molto grandi, ovvero il principio che sta alla base degli attuali sistemi di criptazione dei dati. I computer quantistici permetterebbero quindi sistemi di sicurezza più avanzati.

Si e contemporaneamente renderebbero i sistemi attuali totalmente insicuri e craccabili in pochi secondi... Sai che bello durante il periodo di passaggio
Ma finchè il pc quantistico rimane in mano alla difesa statunitense allora siamo a posto
Crux_MM18 Dicembre 2007, 12:26 #2
IHihihih..immagino, nel periodo di passaggio, le norme per ottenere una psw sicura: Immettere una psw di almeno 300000 caratteri..
COmunque davvero bella questa tecnologia..lessi su focus[] del qbit..non ci capii nulla!
DevilsAdvocate18 Dicembre 2007, 12:31 #3
Originariamente inviato da: Crux_MM
IHihihih..immagino, nel periodo di passaggio, le norme per ottenere una psw sicura: Immettere una psw di almeno 300000 caratteri..

Per la millesima volta, basta molto meno: concedere l'accesso al file delle
password solo a chi ha già i privilegi di amministratore, e inserire
il delay-on-failed-login. questo blocca chiunque, da remoto e da locale,
a patto che non sia già compromesso l'account dell'amministratore
(ma se è così finisce tutto a tarallucci e vino comunque...)

Tutta questa potenza elaborativa rende inutili invece altre cose,
quali le passwords dei file archivio, la crittatura degli hard disk e
soprattutto la protezione DRM dei contenuti multimediali....
yume the ronin18 Dicembre 2007, 12:32 #4
che sogno...

ma da ignorante bestiale (e in parte forse dalla fantascienza), ma i computer quantistici nn dovevano avere capacità di calcolo "illimitate"?

possono essere impiegati in simulazioni di intelligenza artificiale?
VashTheStampede8318 Dicembre 2007, 12:43 #5
Due esami fatti all'università, Informazione Quantistica e Computazione Quantistica, davvero interessanti.....chissà, quando sarò vecchio magari i miei nipoti giocheranno a crysis4 con computer quantistici....a non più di 30 fps!


Originariamente inviato da: DevilsAdvocate

Tutta questa potenza elaborativa rende inutili invece altre cose,
quali le passwords dei file archivio, la crittatura degli hard disk e
soprattutto la protezione DRM dei contenuti multimediali....


Vogliamo parlare di tutte le comunicazioni criptate che attualmenente usiamo tutit i giorni nella rete, da login per la post, a ebay, a l'home banking.....tutto verrebbe rimeso in discussione.
Magari non tutti sanno che insieme a questa "rottura" nel mondo della crittografia classica, la possibilita di utilizzare calcolatori quantistici permetterà anche di utilizzare la crittografia quantistica, che a differenza di quella attuale (che basa tutto su tempi molto lunghi per decriptare messaggi), è sicura in maniera assoluta.
palmy18 Dicembre 2007, 12:43 #6
star Trek è sempre più vicina...in fondo 20 anni sono pochi!

Però voglio vedere chi sarà il primo a realizzare un S.O. in base 4?!
Ei-Tim18 Dicembre 2007, 12:44 #7
Wow, i fattori primi di 3 e 5 (che sono numeri primi) devono essere difficilissimi da calcolare

Se non altro il 15 è la composizione dei due
Manwë18 Dicembre 2007, 12:46 #8
ohOhohoh
alla faccia del prof che diceva non è fisicamente possibile, è fantascienza per bambinoni.
LucaC8218 Dicembre 2007, 12:46 #9
Non vorrei deludervi ma i computer quantici possono teoricamente realizzare solo ALCUNI algoritmi specifici (sono in tutto 5 o 6 se non sbaglio, tra cui la scomposizione dei numeri primi). Non possono in alcun modo sostituire un processore. Inoltre avevano già realizzato un sistema che se non sbaglio scomponeva proprio il 15 (in 5x3... che guardacaso sono gli altri 2 numeri, PRIMI). Il problema è proprio aumentare il numero di qbits in modo che facciano qualcosa un minimo interessante! Secondo il mio modesto parere, nella nostra vista se mai vedremo un computer quantico con un minimo di funzionalità farà cose estremamente limitate, e molto probabilmente servirà solo in ambito di ricerca...
Coyote7418 Dicembre 2007, 13:08 #10
Originariamente inviato da: Manwë
ohOhohoh
alla faccia del prof che diceva non è fisicamente possibile, è fantascienza per bambinoni.


Figurati che al tempo del mio corso di informatica presso il Politecnico (tanti, tanti anni fa, per la verità ) il prof sosteneva che i processori non avrebbero mai potuto superare i 100Mhz per limiti fisici insormontabili... ora a quanto stiamo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^