Nano-filamenti di silicio per gli anodi delle batterie Li-Ion

Nano-filamenti di silicio per gli anodi delle batterie Li-Ion

Un gruppo di ricercatori presso la Stanford University ha trovato un metodo per realizzare batterie agli ioni di litio con anodo costituito da filamenti di silicio

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Sistemi
 

Presso l'università di Standford un gruppo di ricercatori guidati dal professore Yi Cui è riuscito a realizzare una batteria agli ioni di litio impiegando nanofilamenti di silicio per la costruzione dell'anodo. In questo modo, secondo quanto si apprende, la batteria è in grado di conservare dieci volte la carica elettrica rispetto a quella di batterie simili di pari dimensioni.

L'anodo è stato realizzato facendo crescere dei filamenti di silicio su un substrato di acciaio inossidabile. "Si tratta di uno sviluppo rivoluzionario" ha dichiarato Cui, spiegando che la quantità di energia che può essere stoccata dipende dal quantitativo di litio che può essere conservato nell'anodo. L'anodo di queste batterie è normalmente realizzato in carbonio, che ha una capacità di stoccaggio inferiore rispetto a quella del silicio.

Il silicio presente nella batteria, rigonfiandosi, assorbe gli atomi di litio con carica positiva e si assottigliano quando li rilasciano, ovvero quando la corrente deve essere utilizzata. Questo ciclo di espansione-contrazione causano di norma una rapida degradazione del silicio, compromettendo così il ciclo della batteria.

L'impiego di silicio per la realizzazione dell'anodo nelle batterie agli ioni di litio è già stato sperimentato in occasione di altri progetti che tuttavia non hanno raggiunto il successo sperato: secondo i ricercatori della Stanford University la soluzione dell'empasse è rappresentata dalla forma impiegata per la realizzazione della struttura in silicio.

I nanofilamenti di silicio utilizzati per la realizzazione di queste batterie sono delle dimensioni di un millesimo dello spessore di un foglio di carta e, gonfiandosi fino a quattro volte tanto rispetto le loro dimensioni standard possono inglobare litio e rilasciarlo senza compromettere il ciclo della batteria.

Secondo i ricercatori si tratta di una tecnica che può rapidamente arrivare in fase di produzione per essere immessa altrettanto rapidamente sul mercato. Lo stesso Cui sta inoltre valutando la possibilità di mettere in piedi un'azienda che si occupi della produzione di questo tipo di batterie.

Fonte: Stanford News

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

60 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giaballante21 Dicembre 2007, 12:29 #1
Interessante, batterie che durano fino a 10 volte di più o fino a 10 volte più piccole...
elevul21 Dicembre 2007, 12:30 #2
Speriamo che arrivi in fretta sui lettori mp3 e sulle console portatili, oltre che sui computer portatili. Avere una durata maggiore di 10 volte permetterebbe di rivoluzionare il modo nel quale utilizziamo i nostri dispositivi portatili.
T_M_P21 Dicembre 2007, 12:33 #3
La rivoluzione potrebbe esserci anche per le auto elettriche...
rezinomed21 Dicembre 2007, 12:41 #4
L'anodo è stato realizzato facendo crescere dei filamenti di silicio


Con annaffiatoio??
Trokji21 Dicembre 2007, 12:49 #5
basta che questo non si traduca in batterie che durano uguale perché il quad core e il triple crossfire diventano lo standard dei portatili
angel11021 Dicembre 2007, 12:50 #6
ho solo paura che in futuro questi nanofilamenti facciano male alla salute..
e se per qualche motivo vengono inalati?
Wilfrick21 Dicembre 2007, 12:54 #7
Ma dai! con tutto il benzene che ti respiri ogni secondo ti preoccupi di un paio di nanofilamenti che forse un giorno nel futuro se una batteria si romperà tu li respirerai.

Di tanto in tanto saltano fuori invenzioni rivoluzionarie, ma non vorrei che anche questa come la "quasi" totalità delle altre venisse eliminata per mantenere il commercio di prodotti che fanno guadagnare a qualcuno molto di più.
HyperText21 Dicembre 2007, 12:54 #8
Muori
blackshard21 Dicembre 2007, 13:10 #9
Originariamente inviato da: angel110
ho solo paura che in futuro questi nanofilamenti facciano male alla salute..
e se per qualche motivo vengono inalati?


Quoto il discorso del benzene di Wilfrick. E comunque se oggi ti mangi una batteria agli ioni di litio di sicuro bene non ti fa.
Poi pensa a quante batterie stanno a prendere acqua e perdere piombo che poi finisce nelle terre e nelle falde acquifere, quello si che fa male alla salute nostra e della terra!
Xadhoomx21 Dicembre 2007, 13:11 #10
Beh effetivamente anche l'amianto non è cancerogeno per il suoi elementi(silicati). È cancerogeno perché si frammenta in fibre finissime che inalate, poi forse fagocitate dai macrofagi mobili dei polmoni che poi sclerano e danno la neoplasia. Sti nanofilamenti potrebbero essere cancerogeni eh.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^