Microtech e-cube in prova: primo contatto con il Mini-PC italiano

Microtech e-cube in prova: primo contatto con il Mini-PC italiano

Mictotech e-cube è un Mini-PC dal costo base di 319€ che viene proposto con Android, Ubuntu e Windows 10. Abbiamo provato le prime due versioni e nell'articolo vi riportiamo le nostre prime impressioni

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Sistemi
 

Microtech non si è affacciata da molto tempo nel mercato dei dispositivi elettronici, e sin dai primi tempi ha cercato di coinvolgere il pubblico con soluzioni particolari e ricercate. Si tratta di un brand italiano che delega la produzione fisica dei propri terminali ai fornitori cinesi, mettendo però alcuni ingredienti propri. Nel 2015 parlavamo del brand per la prima volta con Microtech e-tab, un tablet proposto anche in dual-boot con Windows 8.1 e Android; un anno dopo è arrivato poi Microtech e-tab Pro, anche in questo caso con Windows 10 e Android in dual-boot per il top di gamma; e infine è arrivato anche Microtech e-book Pro, ultrabook che abbiamo definito super leggero.


Clicca per ingrandire

Microtech e-cube è invece un (nuovo) piccolo cubo che racchiude al suo interno un computer completo. La società scrive di questo prodotto che è "potente quanto basta per non farti sentire la mancanza del tuo vecchio ed ingombrante PC" e lo abbiamo provato per voi per confermare o smentire quanto detto. È ovvio che quando ci si trova di fronte ad un computer di dimensioni così compatte balzano subito all'occhio i compromessi sul fronte della connettività, e affiora qualche dubbio sull'efficacia della dissipazione termica. Anche in questo caso, tuttavia, troviamo alcune chicche particolari: e-cube può essere acquistato con Android e Ubuntu, oltre che con Windows.

Abbiamo provato due versioni del dispositivo, quella con Ubuntu, già aggiornato sin dal primo avvio alla ultima 18.04 disponibile online, e quella con Android, e dobbiamo dire sin da subito che ci è sembrata decisamente più equilibrata la prima. Durante le nostre prove il nostro e-cube con Ubuntu (con unità SSD da 240 GB installata al primo avvio) si è comportato molto bene, anche se in alcuni casi l'apertura delle applicazioni non è stata proprio fulminea. Decisamente meno interessante, a nostro avviso, la versione con Android: la personalizzazione proprietaria non si sposa bene con l'uso "desktop" attraverso mouse e tastiera, e le app non possono essere visualizzate in finestra.


Clicca per ingrandire

Microtech e-cube ha inoltre una ventolina al suo interno, necessaria per dissipare il calore prodotto dalla CPU: con la versione con Ubuntu la ventolina si attiva il giusto, mentre con quella basata su Android capita spesso, specie quando ci sono operazioni in background, che la ventolina - mai eccessivamente rumorosa - si attivi a velocità massima. Avremmo preferito un'ottimizzazione migliore con il robottino verde, che non ci sentiamo di consigliare anche perché il costo dei due prodotti è identico, mentre per la versione con Windows 10 bisogna spendere 30€ in più.

  • Con Ubuntu: a partire da 319€
  • Con Android: a partire da 319€
  • Con Windows 10: a partire da 349€

Ma cosa c'è dentro il piccolo e-cube? Tutti i modelli hanno lo stesso hardware, ad eccezione del sistema di storage che può essere una memoria flash eMMC da 32 GB o un SSD aggiuntivo da 140 o 240 GB. L'unica CPU disponibile è l'Intel Pentium J4205 capace di operare fino a 2,6 GHz con GPU Intel Graphics HD 505 e 4 GB di RAM. Il computer può inoltre collegarsi a periferiche esterne via Bluetooth, reti Wi-Fi 802.11ac Dual Band 2x2, con l'SSD interno (o un HDD da 2,5") che può essere aggiunto senza invalidare la garanzia. La piccola scatoletta implementa al suo interno tutto il necessario per ottenere una macchina completa per i lavori di tutti i giorni.


Clicca per ingrandire

L'estetica non è premium, con la scocca che utilizza principalmente la plastica per i suoi pannelli esteriori con un grosso logo Microtech su quello superiore. Estraendo quest'ultimo (la procedura è estremamente semplice) si accede alle componenti interne e svitando alcune viti è possibile installare un'unità di archiviazione da 2,5", o sostituire quella presente. Lungo la scocca troviamo un LED di stato che si accende di blu quando il computer è acceso e diverse porte:

  • 2 x USB 3.0
  • 2 x USB 2.0
  • 1 x Card Reader microSD
  • 1 x Ethernet
  • 1 x HDMI
  • 1 x Audio 3,5mm combo

Abbiamo eseguito alcuni test di consumo, che è una delle caratteristiche principali per cui scegliere un sistema di questo tipo. Abbiamo ottenuto valori molto interessanti, quasi sempre inferiori a 10W e senza particolari picchi evidenti. Di seguito i risultati:

  • Consumo in idle: 2Whr, misurazione minima con computer a riposo;
  • Consumo in full load: 12Whr, misurazione massima durante l'esecuzione del benchmark Geekbench che sfrutta la CPU. Abbiamo ottenuto dei picchi di 14Whr, ma solo per qualche istante.
  • Consumo su YouTube: 8Whr, misurazione massima durante la riproduzione di un video in Full HD sulla piattaforma YouTube. In questo caso la riproduzione si stabilizza ad una media di circa 6Whr.

Microtech e-cube è in definitiva un buon sistema, capace di assolvere in maniera dignitosa a tutte le funzioni essenziali di un personal computer. Non fa della potenza bruta il suo punto di forza, ma è sufficientemente affidabile e reattivo per chi non ha esigenze estreme. Nella versione con Ubuntu (e tendiamo a pensare che sia lo stesso anche per quella con Windows 10) si presenta come una soluzione ottimale per l'utente che cerca una macchina multimediale senza troppe pretese, mentre sconsigliamo la variante con Android perché scarsamente ottimizzata. In ogni caso, però, riteniamo che il prezzo richiesto da Microtech sia fin troppo elevato in relazione ai contenuti tecnici.



Clicca per ingrandire

A circa 300-350€ sono presenti sul mercato soluzioni già pronte per l'uso molto simili, anche in dimensioni, di qualità superiore (ad esempio i modelli MSI Cubi delle ultime generazioni) e capaci di offrire prestazioni più elevate. Inoltre, per le destinazioni d'uso a cui si rivolge l'e-cube, sono già presenti sul mercato diversi dispositivi che offrono una qualità solo leggermente più bassa ad un costo sensibilmente inferiore. Il nuovo e-cube è sicuramente una buona macchina, ma non possiamo sentirci di consigliarla al prezzo a cui si trova attualmente. Potete effettuare l'acquisto o trovare ulteriori informazioni sul sito ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
plunderstorm02 Luglio 2018, 19:23 #1
Il prezzo mi sembra elevato per questo tipo di dispositivo, un annetto fa ho preso un mini pc, non faccio nomi, 190€ n3450 non molto distante dal pentiumj, 8GB ram e 64GB eMMC con win10.
giuliop02 Luglio 2018, 22:10 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Microtech e-cube in prova: primo contatto con il Mini-PC italiano


Scrivete sempre "italiano" ma è evidente che non è possibile che ci sia alcuna progettazione in Italia, sono i soliti prodotti cinesi rimarchiati.

Originariamente inviato da: plunderstorm
Il prezzo mi sembra elevato per questo tipo di dispositivo, un annetto fa ho preso un mini pc, non faccio nomi, 190€ n3450 non molto distante dal pentiumj, 8GB ram e 64GB eMMC con win10.


Infatti in Cina costa 172€: https://www.gearbest.com/mini-pc/pp_009943501392.html?wid=1433363#goodsDetail (e ha anche 2 HDMI).

Adesso mi aspetto il tizio altamente non professionale della società che si iscrive per fare un po' di attacchi personali e negare l'evidenza, come ha fatto l'altra volta, per poi farsi bannare
G0r3f3s702 Luglio 2018, 22:48 #3
Di tanto in tanto arriva quello che dice "io sono furbissimo", prende una cagata cinese e la spaccia in italia rimarchiata e con un prezzo fuori dalla grazia degli dei.

Ma non se vergognano proprio eh?
floc03 Luglio 2018, 02:16 #4
provo imbarazzo per loro.
gianluca.f03 Luglio 2018, 08:36 #5
quindi il servizio aggiunto è l'installazione del SO la garanzia e il software per il backup?
Arioch03 Luglio 2018, 09:21 #6
Originariamente inviato da: giuliop
Scrivete sempre "italiano" ma è evidente che non è possibile che ci sia alcuna progettazione in Italia, sono i soliti prodotti cinesi rimarchiati.



Infatti in Cina costa 172€: https://www.gearbest.com/mini-pc/pp_009943501392.html?wid=1433363#goodsDetail (e ha anche 2 HDMI).

Adesso mi aspetto il tizio altamente non professionale della società che si iscrive per fare un po' di attacchi personali e negare l'evidenza, come ha fatto l'altra volta, per poi farsi bannare


Infatti a tal proposito ho già avuto modo di intavolare su Facebook una discussione alquanto vivace con il suddetto responsabile, il loro prodotto è più migliore assai perchè si e basta, e poi è italiano, mica cinese!!!
giuliop03 Luglio 2018, 14:03 #7
Originariamente inviato da: gianluca.f
quindi il servizio aggiunto è l'installazione del SO la garanzia e il software per il backup?


Sostanzialmente sì.
Poi il tizio parla di certificazioni; il discorso è che o i prodotti sono già certificati (come del resto era per altri prodotti che ha rimarchiato, nonostante lui lo negasse e cercasse di evidentizare differenze inesistenti), o sono certificabili così come sono e allora ha speso qualcosa per certificarli (ma non certo un patrimonio, perché realisticamente, quanti ne può vendere?), ma il prodotto non cambia.
Ovviamente esiste una terza possibilità, ovvero che il prodotto fosse fuori norma(e) e abbia chiesto una modifica del progetto perché sia certificabile: ma a questo punto o erano facilmente modificabili per ottenere la certificazione, e quindi non cambiano di molto, oppure ha dovuto spendere dei bei soldoni per modificarli e certificarli, cosa che reputo altamente improbabile perché, ancora, non credo proprio che ne venderà molti, e lo dico perché una persona un minimo smaliziata trova l'originale cinese in 2 minuti (come ho fatto io) e probabilmente se ne frega delle certificazioni (ammesso che non ci siano già sull'originale).
Tutto ciò detto con il buon senso, poi se ha speso 100.000€ per certificarli sono fatti suoi, così come sono fatti nostri se ci sta bene il prodotto cinese, che "sembra" perfettamente identico, anzi migliore, e costa la metà.

Originariamente inviato da: Arioch
Infatti a tal proposito ho già avuto modo di intavolare su Facebook una discussione alquanto vivace con il suddetto responsabile, il loro prodotto è più migliore assai perchè si e basta, e poi è italiano, mica cinese!!!


Più o meno stessa cosa che aveva fatto qui, con il solito atteggiamento passivo-aggressivo che a lui sembrerà che porti qualcosa alla sua causa ma alla fine è solo deleterio nei suoi confronti: immagina averci a che fare per un problema in garanzia.
giuliop03 Luglio 2018, 17:01 #8
Originariamente inviato da: Arioch
Infatti a tal proposito ho già avuto modo di intavolare su Facebook una discussione alquanto vivace con il suddetto responsabile, il loro prodotto è più migliore assai perchè si e basta, e poi è italiano, mica cinese!!!


Sono andato a vedermi la pagina facebook ed è ridicolo: continuano a parlare di "prodotto italiano", quando ammesso (e neanche lontanamente concesso) che ci sia qualcosa di italiano - che poi si tradurrebbe in richieste da parti da italiani, non certo progettazione/sviluppo/produzione etc., implementate senza il benché minimo dubbio da cinesi, in fabbriche cinesi), può esserlo solo in quantità risibile e soprattutto irrilevante.
Tutto ciò premesso che dire "italiano" non vuol dire assolutamente niente - come ovviamente "cinese".
maxy0403 Luglio 2018, 22:36 #9
Originariamente inviato da: Arioch
Infatti a tal proposito ho già avuto modo di intavolare su Facebook una discussione alquanto vivace con il suddetto responsabile, il loro prodotto è più migliore assai perchè si e basta, e poi è italiano, mica cinese!!!


puoi darmi il link.che non lo trovo?
gianluca.f04 Luglio 2018, 09:36 #10
Comunque onestamente a parte il bluff dell'italianità il resto è in linea,
c'è l'iva e la garanzia che forniscono, le certificazioni, l'installazione del SO e la configurazione base.
Ovvio che se uno lo sa fare da se risparmia, ma non è una cosa che vale 0€.
Sul guadagno sappiamo che ci sono tasse e cose varie quindi se uno vuole fare un po' di profitto non può vendertelo a 30€ in più di gearbest.
Comunque mi fanno ridere i fenomeni che vanno a contestare/confrontare il prodotto sulla pagina FB, davvero ridicoli.
Per quanto riguarda le licenze del SO ... beh ... ma di che stiamo parlando?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^