Microsoft, è tempo di parlare di hardware

Microsoft, è tempo di parlare di hardware

Microsoft avrebbe allo studio un chip creato all'interno delle proprie strutture per equipaggiare le Xbox delle future generazioni, anche se non a breve termine

di pubblicata il , alle 14:29 nel canale Sistemi
MicrosoftXbox
 

Per molti parlare di Microsoft corrisponde a discutere quasi esclusivamente di software e più precisamente di Windows nella varie versioni, anche se la realtà è molto differente. E' innegabile infatti che vi siano diversi ambiti in cui il colosso di Redmond può dire la propria anche in campo hardware, come per esempio per le periferiche tipo tastiere, mouse e altri strumenti puramente hardware che costituiscono di fatto dei best seller.

Se ciò non bastasse Microsoft può essere considerata anche una delle aziende leader nella vendita di PC, se sotto questa denominazione si fa passare la console Xbox nelle differenti versioni, venduta in più di 30 milioni di pezzi in totale. Questa premessa serve a comprendere meglio la mossa che si intravede all'orizzonte da parte di Microsoft, che avrebbe in programma di realizzarsi in casa i chip per le proprie console.

Se ne parla già da qualche giorno, con fonti del calibro di New York Times (articolo a pagamento, ma il cui contenuto è riassunto in questo focus) e di uno degli ingegneri veterani dell'azienda Charles P. Thacker: Microsoft ha istituito un nuovo "Computer Architecture Group" proprio per sviluppare questi nuovi progetti. Dopo essersi appoggiata ad aziende come Intel e NVIDIA rispettivamente per il Celeron 733 e la GeForce 3.5 della prima versione di Xbox, IBM e ATI per la Xbox 360, Microsoft avrebbe quindi intenzione di farsi buona parte dell'hardware in casa.

Pur mancando indicazioni precise sul cosa di preciso realizzerà, Microsoft trarrebbe indubbi vantaggi a livello di sviluppo hardware-software, avendo la possibilità di far crescere questi due scenari in contemporanea e sotto lo stesso tetto. Il progetto in ogni caso è di quelli a medio termine, per cui difficilmente vedremo i frutti di questo lavoro di gruppo entro 4 o 5 anni. La prossima console marchiata Microsoft insomma non verrà certo equipaggiata con hardware fatto in casa, in quanto la tecnologia da integrare non si può certo improvvisare da un giorno all'altro, pur essendo Microsoft non certo una neofita in fatto di tecnologia.

Sono state poste le basi per qualcosa che David A. Patterson, uno stimato scienziato dell'Università di Berkeley, considera “...this is a historic time in the computer industry,” ovvero un momento storico per il settore. Staremo a vedere: quello che emerge è in ogni caso un sempre maggiore interesse a sviluppare hardware e software il più possibile integrati fra loro, come testimoniano sia questa mossa da parte di Microsoft, sia l'acquisizione di ATI da parte di AMD, che potrà contare su uno sviluppo driver molto ottimizzato per le proprie piattaforme.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Special30 Ottobre 2006, 14:35 #1
Vabè dal canto loro cosa possono volere di più?
La progettano e la fanno funzionare con il SO.

In un potenziale scenario dove lo stesso fritz chip sbianca di fronte a quello che da sola la MS potrebbe fare..
Blackmag30 Ottobre 2006, 14:38 #2

Apple

La casa della mela fa questa operazione da una vita!Nulla di nuovo!
zanardi8430 Ottobre 2006, 14:40 #3
Sono state poste le basi per qualcosa che David A. Patterson, uno stimato scienziato dell'Università di Berkeley, considera “...this is a historic time in the computer industry,” ovvero un momento storico per il settore.


Il Prof. Patterson: un vero guru del calcolatore, anzi, è il papà del RISC!
JohnPetrucci30 Ottobre 2006, 14:42 #4
Originariamente inviato da: Blackmag
La casa della mela fa questa operazione da una vita!Nulla di nuovo!

Mi sa che non hai letto bene la news.
Qui si parla di hardware prodotto in proprio, anche Apple a quanto mi risulta assembla componenti fatti da altri produttori, tantè che le sue cpu(prima Ibm) sono realizzate da intel, e tutto il resto del suo hardware da Asus, Ati etc.
nyonik30 Ottobre 2006, 14:42 #5
Eh? Ma cosa stai dicendo?
Apple che si produce i chip in casa?
dwfgerw30 Ottobre 2006, 14:43 #6
apple non fa hardware si appoggia a ati/nvidia inte e ibm
JohnPetrucci30 Ottobre 2006, 14:44 #7
Ad ogni modo tornando alla news, visto quanto ci perde Ms con le x-box 360 vendute sottocosto, con una soluzione fatta tutta in casa avrebbe margini di guadagno molto più elevati, rispetto ad appoggiarsi a Ibm e Ati comprando prodotti all'esterno.
PaoloBarolo30 Ottobre 2006, 14:45 #8

IBM e SUN

La casa della mela NON fa questa operazione da una vita..... comprano i processori da una fonte esterna (Motrola, IBM e ora Intel) e realizzano il sistema operativo per i processori acquistati..... Le uniche che al momento attuale realizzano sistemi completi fabbricando in proprio sia l'hardware che il software sono IBM e SUN direi..... non me ne vengono in mente altre perlomeno
Criceto30 Ottobre 2006, 14:50 #9
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Ad ogni modo tornando alla news, visto quanto ci perde Ms con le x-box 360 vendute sottocosto, con una soluzione fatta tutta in casa avrebbe margini di guadagno molto più elevati, rispetto ad appoggiarsi a Ibm e Ati comprando prodotti all'esterno.


IBM e ATI hanno sviluppato i processori dell'Xbox partendo da basi ben consolidate create con ANNI di sviluppo ai massimi livelli.
M$ dovrebbe iniziare da zero. Non è nè facile nè economico.

Perfino Sony per la PS3 non ce l'ha fatta da sola a sviluppare il processore ma si è dovuta alleare con IBM e Toshiba creando un prodotto per un mercato potenzialmente ben più grande delle sole consolle per ridurre i costi.
JohnPetrucci30 Ottobre 2006, 14:56 #10
Originariamente inviato da: Criceto
IBM e ATI hanno sviluppato i processori dell'Xbox partendo da basi ben consolidate create con ANNI di sviluppo ai massimi livelli.
M$ dovrebbe iniziare da zero. Non è nè facile nè economico.

Perfino Sony per la PS3 non ce l'ha fatta da sola a sviluppare il processore ma si è dovuta alleare con IBM e Toshiba creando un prodotto per un mercato potenzialmente ben più grande delle sole consolle per ridurre i costi.

Indubbiamente, ma se hanno deciso di prendere questa strada, come si evince dalla news, vuol dire che hanno fatto i loro conticini, e magari fra 4-5 anni riusciranno ad inserire alcuni componenti fatti da loro dentro le proprie console, con un risparmio non indifferente.
Qua non si parla mica che tra l'oggi e domani Ms riesca a sviluppare e produrre Cpu e Gpu, ma con il dovuto tempo di ricerca e sviluppo tutto è possibile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^