M'illumino di meno 2009 e Giornata del Risparmio Energetico

M'illumino di meno 2009 e Giornata del Risparmio Energetico

Oggi, 13 febbraio 2009, è la giornata del risparmio energetico, nella quale viene riproposta per il quinto anno consecutivo l'iniziativa "M'illumino di meno" ideata dallo staff di Caterpillar

di pubblicata il , alle 15:17 nel canale Sistemi
 

Il 13 febbraio è la giornata del Risparmio Energetico e per il quinto anno consecutivo Caterpillar, trasmissione in onda su Rai  Radio 2, ripropone l'iniziativa  M'illumino di meno, con la quale si invita a riflettere sull'importanza di ottimizzare l'utilizzo dell'energia elettrica. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere luci e dispositivi elettrici non indispensabili il 13 febbraio 2009 dalle ore 18, invito accolto anche da Hardware Upgrade.

Nelle precedenti edizioni M’illumino di meno è riuscita a coinvolgere milioni di persone in una sorta di gara al risparmio,  includendo ad ogni edizione sempre più scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, società sportive, istituzioni, associazioni di volontariato, università, commercianti e artigiani. Di particolare successo l'ultima edizione dell'iniziativa, che ha coinvolto le piazze principali di Italia e Europa: a Roma il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l’Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a Bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala ma anche Parigi, Londra, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo, Sofia, Palma de Mallorca ,come altre decine di città in Germania, in Spagna, in Inghilterra, in Romania.

I più scettici potranno chiedersi a cosa servirà mai spegnere tutto per un'oretta, per poi tornare alla normalità. Una domanda anche legittima, che trova in ogni caso diverse risposte. La prima è che un'iniziativa di questa portata ha l'innegabile pregio di portare all'attenzione delle masse il problema energetico nel suo insieme, troppo spesso trascurato o minimizzato. Vi è poi anche una questione pratica, che permette alle aziende erogatrici di energia di fare qualche stima in una situazione sì particolare, ma che potrebbe avvicinarsi a quella di un mondo più attento e con maggiore senso civico.

Nei prossimi giorni avremo modo di tornare sull'argomento, analizzando con cura i dati che verranno resi noti al pubblico da parte delle aziende fornitrici di energia. Estendiamo quindi l'invito ai lettori di Hardware Upgrade a partecipare a M'illumino di meno. Per maggiori informazioni rimandiamo alla lettura della pagina ufficiale di M'illumino di meno 2009.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

81 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lio9013 Febbraio 2009, 15:19 #1
il valore simbolico di questa iniziativa è sicuramente apprezzabile...
diabolik198113 Febbraio 2009, 15:22 #2
peccato che poi l'attuale governo col recente decreto Milleproroghe (approvato con l'ennesimo voto di fiducia qualche giorno fa) abbia deciso di eliminare l'obbligo per le nuove costruzioni di prevedere che una % di energia necessaria al fabbricato sia di origine rinnovabile. Come al solito siamo in Italia.
Notturnia13 Febbraio 2009, 15:30 #3
diabolik.. ognuno è libero di fare quello che vuole.. non serve un decreto per farlo.. a casa mia sto costruendo tutto in funzione dei minori consumi possibili.. dall'illuminazione a led alla caldaia a condensazione alla pompa di calore all'isolamento nei muri, nel tetto, ai vetri a bassa emissione etc..

e non c'è un decreto che mi ha detto di farlo..

basta farlo noi.. mi pare stupido che sia un decreto a farlo.. o tu lo fai solo se sei obbligato a farlo ?..

circa l'iniziativa è carina.. ma non molto utile.. se non come dato statistico fino a che la gente vorrà che sia un decreto ad obbligarla a consumare di meno e non la propria volontà a farlo..

Alessandro Bordin13 Febbraio 2009, 15:34 #4
Niente flame almeno qui, per favore.. :P
diabolik198113 Febbraio 2009, 15:35 #5
Originariamente inviato da: Notturnia
diabolik.. ognuno è libero di fare quello che vuole.. non serve un decreto per farlo.. a casa mia sto costruendo tutto in funzione dei minori consumi possibili.. dall'illuminazione a led alla caldaia a condensazione alla pompa di calore all'isolamento nei muri, nel tetto, ai vetri a bassa emissione etc..

e non c'è un decreto che mi ha detto di farlo..

basta farlo noi.. mi pare stupido che sia un decreto a farlo.. o tu lo fai solo se sei obbligato a farlo ?..

circa l'iniziativa è carina.. ma non molto utile.. se non come dato statistico fino a che la gente vorrà che sia un decreto ad obbligarla a consumare di meno e non la propria volontà a farlo..


se lo imponi sulle nuove costruzioni di certo dai un bel segnale. Altra cosa eliminata è stata la certificazione energetica per le compravendite.

Insomma, porcate su porcate.
SwatMaster13 Febbraio 2009, 15:35 #6
Originariamente inviato da: lio90
il valore simbolico di questa iniziativa è sicuramente apprezzabile...


Quoto. Però dovrebbe essere una cosa di "tutti i giorni".
Non è che ti devi ricordare della Shoah solo nel Giorno della Memoria.
diabolik198113 Febbraio 2009, 15:36 #7
Originariamente inviato da: Alessandro Bordin
Niente flame almeno qui, per favore.. :P


non avevo visto il richiamo, sono comunque d'accordo sull'evitare i flame.
alegallo13 Febbraio 2009, 15:46 #8
Seguo questa iniziativa da alcuni anni, e per me è invece molto utile, anche solo perché ti fa riflettere su quanto puoi fare (e risparmiare) se usi l'energia in modo intelligente.

Quando la gente capirà che lo spreco energetico non è solo quello dell'enel, e che ci costa molto più di quanto pesi sulle bollette, allora avremo meno problemi, sia a livello nazionale che mondiale.

Considera che quest'anno ha aderito anche il Vaticano, che spengerà le luci della cupola di San Pietro.
Ai fini del risparmio magari non serve a niente, ma stai tranquillo che diversa gente si chiederà che cavolo stia succedendo, e un po' di questi si informeranno.

Aggiungi a questo circolo virtuoso il fatto che tra qualche anno non si potranno più vendere lampadine a incadescenza, un aumento dell'interesse sulle case a basso impatto energetico, e vedrai che piano piano le cose camberanno sul serio.
diabolik198113 Febbraio 2009, 16:03 #9
Che siano utili non saprei esprimermi (dati in materia, a parte il lieve risparmio dovuto alla luce spenta, non se ne hanno). Però c'è da dire che molto andrebbe fatto a livello legislativo/governativo. E quel poco che è stato fatto nei recenti anni è stato raso al suolo con decreti. Se fossimo l'Arabia Saudita, che è ricca di petrolio lo avrei anche capito (eppure li si stanno facendo enormi investimenti in energie rinnovabili) ma siamo tra i paesi più penalizzati sotto il profilo energetico e invece di spingere le fonti rinnovabili si sta facendo di tutto per ostacolarle. Hanno ridotto all'osso gli incentivi per i pannelli solari, hanno tolto l'obbligo di certificazione energetica, hanno tolto l'obbligo per le nuove case di provvedere in parte al proprio fabbisogno energetico.

Sul Vaticano...meglio stendere un velo, c'è innanzitutto da chiedersi se pagano la corrente che usano, o fanno come con l'acqua che è a carico di Comune e Provincia di Roma.
Severnaya13 Febbraio 2009, 16:06 #10
se questi politici nn vanno bene basta nn votarli :V


sec me se prendi 1000 persone a caso lavorano meglio dei parlamentari che abbiamo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^