Le novità Intel di Settembre: vPro e Xeon 7300

Le novità Intel di Settembre: vPro e Xeon 7300

Intel ha presentato nei giorni scorsi la nuova piattaforma vPro, per sistemi desktop business, e le cpu Xeon 7300, quad core per sistemi a 4 Socket

di pubblicata il , alle 10:50 nel canale Sistemi
Intel
 

Con un evento stampa ambientato nella cornice delle campagne attorno a Modena, Intel ha ufficialmente presentato due nuove tecnologie destinate a rappresentare importanti pilastri in ambito business nei piani del produttore americano. Parliamo di vPro 2007 e di Xeon 7300, rispettivamente piattaforma per sistemi business e nuova serie di processori per sistemi server con 4 o più Socket di processore basati su architettura Core.

Iniziamo la nostra analisi dalla piattaforma vPro 2007, evoluzione dell'originaria piattaforma vPro presentata al mercato nel mese di Settembre 2006; con questo restyling Intel mira di poter fornire nuove funzionalità di gestione remota dei PC, assieme ad una riduzione dei consumi e un più elevato livello di sicurezza dei sistemi nel loro complesso.

Iniziamo l'analisi della nuova piattaforma dai componenti hardware per essa scelti: l'incremento di prestazioni dei sistemi vPro è dato dall'integrazione delle cpu Core 2 Duo E6550, E6750 e E6850 all'interno di questa piattaforma; questi 3 processori sono basati sulla nuova frequenza di bus Quad Pumped di 1.333 MHz, presentati dal produttore americano nel corso del mese di Luglio e caratterizzati dalle frequenze di clock di 2,33 GHz, 2,67 GHz e 3 GHz.

Assieme ai processori Intel introduce nel pacchetto di componenti vPro anche il chipset Q35 Express, primo della famiglia Bearlake ad essere specificamente sviluppato per la piattaforma business; abbinato al chipset troviamo il south bridge ICH9, dotato di controller di rete 82566DM di tipo Gigabit che integra al proprio interno funzionalità di gestione remota avanzate.

Il sottosistema di rete riveste un ruolo molto importante nelle piattaforme vPro: tramite la Lan, infatti, diventa possibile accedere da remoto ad un computer con piattaforma vPro anche nel momento in cui questo fosse spento, o con l'installazione del sistema operativo corrotta. Un amministratore di sistema, grazie alle tecnologie implementate in questa piattaforma, può eseguire un ripristino di sistema senza dover accedere fisicamente al server ma semplicemente sfruttando la presenza di una connessione Lan. In questo senso le innovazioni integrate nella piattaforma vPro 2007 permettono una superiore flessibilità d'intervento da remoto rispetto a quanto non fosse possibile con i sistemi vPro sino ad ora in commercio.

intel_vpro_2.jpg (41193 bytes)

Intel ha reso disponibili nuove versioni delle tecnologie AMT, Active Management Technology, e VT, Virtualizazion Technology, assieme a quella TXT, Trusted Execution Technology: oltre a questo Intel ha introdotto supporto alle prossime generazioni di standard per la gestione remota, quali WS-MAN e Dash (per le specifiche 1.0 draft), oltre a integrare supporto alle specifiche 1.2 del TPM, Trusted Platform Module.

La virtualizzazione è uno degli elementi base di vPro: questa opera permettendo di effettuare operazioni di aggiornamento e manutenzione del sistema, comandandone in automatico sia l'accensione che lo spegnimento in orari prestabiliti così che l'amministratore di sistema possa eseguire operazioni di manutenzione senza impattare sulla produttività dell'utente. La tecnologia di virtualizzazione permette inoltre di restringere l'utilizzo di una virtual machine ad un preciso ambito di memoria, limitando quindi i rischi che software non verificati possano accedere a partizioni della memoria esterne a quanto dato alla virtual machine.

La tecnologia TXT, Trusted Execution Technology, permette di rimuovere informazioni residue nel momento in cui una virtual machine venga spenta, facendo quindi in modo che il sistema possa essere protetto da snooping dei dati dalla memoria. Tra le novità di questo refresh di vPro segnaliamo anche la tecnologia Enhanced System Defense, un insieme di filtri che analizza ogni pacchetto di dati che transita sulla rete e ne registra un log, permettendo così di poter analizzare il traffico dei dati alla ricerca di pattern d'uso che possano essere riconducibili a programmi malware.

intel_vpro_1.jpg (70668 bytes)

Le nuove cpu Xeon MP della serie 7300 sono destinate all'utilizzo in sistemi da 4 Socket in poi; ogni processore è dotato di 4 Core al proprio interno, basati su architettura identica a quella degli altri processori della serie Core 2. A queste cpu si affiancano due modelli Xeon 7200, basati su architettura dual core con le restanti caratteristiche tecniche invariate.

L'architettura quad core è ottenuta in modo simile a quanto visto per i processori quad core Intel per sistemi desktop e Xeon DP, affiancando cioè due die dual core sul medesimo package, con un approccio quindi MCP, Multi Chip Package. Le coppie di processori dual core vengono collegati tra di loro attraverso front side bus. I nuovi processori fanno parte della famiglia di processori indicata internamente in Intel con il nome di Caneland; questa piattaforma è composta dalle cpu Xeon 7300 e dal chipset Clarksboro, con una connessione diretta via front side bus a 1.066 MHz tra ogni Socket di processore e il north bridge del chipset, così da incrementare la bandwidth complessivamente a disposizione del sistema e limitare possibili colli di bottiglia alle prestazioni. Con questa nuova architettura Intel ha quindi rimosso un collo di bottiglia precedentemente esistente nelle piattaforme Xeon MP, cioè quello di avere un unico bus di connessione condiviso tra il north bridge del chipset, e quindi il memory controller, e i differenti processori.

La tabella seguente riassume caratteristiche tecniche e prezzi delle cpu Xeon 7300:

Processore

Clock Core TDP Cache L2 Bus prezzo
Xeon MP X7350 2,93 GHz 4 130 Watt 8 Mbytes 1066 MHz 2.301 USD
Xeon MP E7340 2,4 GHz 4 80 Watt 8 Mbytes 1066 MHz 1.980 USD
Xeon MP E7330 2,4 GHz 4 80 Watt 6 Mbytes 1066 MHz 1.391 USD
Xeon MP E7320 2,13 GHz 4 80 Watt 4 Mbytes 1066 MHz 1.177 USD
Xeon MP E7310 1,6 GHz 4 80 Watt 4 Mbytes 1066 MHz 851 USD
Xeon MP L7345 1,86 GHz 4 50 Watt 8 Mbytes 1066 MHz 2.301 USD
Xeon MP E7220 2,93 GHz 2 80 Watt 8 Mbytes 1066 MHz 1.177 USD
Xeon MP E7210 2,4 GHz 2 80 Watt 8 Mbytes 1066 MHz 856 USD

I partner Intel hanno mostrato vari sistemi basati su questi nuovi processori, principalmente nella forma di sistemi rack o blade con configurazioni di memoria sino a 32 Slot per ogni scheda madre.

intel_xeonmp_1.jpg (73865 bytes)

intel_xeonmp_2.jpg (73058 bytes)

HP propone processori Xeon MP 7300 sia in sistemi rack a 4 unità che in server blade; questi ultimi accettano 4 cpu con 16 Slot memoria, con la possibilitò di installare sino a 8 lame in un blade e sino a 4 blade in un armadio rack tradizionale.

intel_xeonmp_3.jpg (73150 bytes)

intel_xeonmp_5.jpg (90786 bytes)

Sun ha optato per una raiser card per ospitare i 32 Slot memoria del proprio server Xeon MP: nonostante lo chassis sia del tipo Rack a 2 unità Sun permette di utilizzare sino a 128 Gbytes di memoria FB-Dimm, oltre a 6 schede di espansione con connessione PCI Express.

intel_xeonmp_6.jpg (79902 bytes)

intel_xeonmp_7.jpg (62957 bytes)

IBM e Nec hanno adottato design con chassis Rack a 4 unità per i propri sistemi Xeon MP 7300; IBM in particolare ha montato i 4 Socket del processore nella parte frontale del case, così che l'aria di raffreddamento investa prima i dissipatori di calore dei processori e solo in seguito i restanti componenti. La memoria è montata su 4 raiser card, ciascuna dotata di 8 Slot per moduli FB-Dimm.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demikiller14 Settembre 2007, 13:53 #1
4x Xeon MP E7340 davvero niente male ^_^
killer97814 Settembre 2007, 17:19 #2
Sarà ma a me i server Intel non sono mai piaciuti li vedo sempre troppo incasinati guardate la news sui Barcellona si vede subito la differenza , sembra tutto + ordinato e pulito, anche xche il north passa in secondo piano quindi e sempre in una posizione + defilata rispetto ai rack x Xeon!!!

x la serie anche l'occhio vuole la sua parte anche se dobbiamo dare atto ad Intel x aver migliorato la connessione tra 4 o + CPU massimizzando le prestazioni, sono sempre bei giocattoloni i Core 2 e derivati pur non avendo MCH integrato hanno un ottima gestione della RAM

bYz!!
gigi8814 Settembre 2007, 22:54 #3
Divini i nuovi processori Xeon MP!!
alexcold17 Settembre 2007, 13:25 #4

Ma le prestazioni aumentano?

Quando escono novità del genere l'incremento prestativo è sempre quasi uguale a 0. Quanti programmi/so ad oggi utilizzano 4 core fisici (con all'interno ognuno 4 core)? Nessuno.
0 incremento di prestazioni. L'unica cosa che mi viene pensata è che se si fonde una cpu, cosa rarissima in questi server brandizzati, ci sono le altre che la rimpiazziano e neanche ci si accorge.
MenageZero18 Settembre 2007, 11:12 #5
Originariamente inviato da: alexcold
Quando escono novità del genere l'incremento prestativo è sempre quasi uguale a 0. Quanti programmi/so ad oggi utilizzano 4 core fisici (con all'interno ognuno 4 core)? Nessuno.
0 incremento di prestazioni. L'unica cosa che mi viene pensata è che se si fonde una cpu, cosa rarissima in questi server brandizzati, ci sono le altre che la rimpiazziano e neanche ci si accorge.



tanto per fare un esempio, pensi che i dbms siano app single-threaded ?
oppure, mai sentito parlare delle sempre più spiccata tendenza d implementare servers dedicati virtiuali su una singola macchian fisica ?

cmq esempi apparte, i server multi-cpu esistono praticamente da una vita, che la singola cpu sia single o multi-core non cambia nulla dal pdv del sw, sempre di smp si tratta... e senza contare che nel mondo server c'erano già pure le cpu multi-core (di ibm e sun per esempio) anche prima che le facessero amd ed intel

... ci sarà pure una utilità per tutto ciò, non credi ?
rockroll06 Ottobre 2007, 00:11 #6

Ci sarà utilità in questa abbuffata di cores?


Il produttore di HW, che una volta avviata la produzione (la cosidetta fonderia) sforna chip ed intere CPU in quantità industriale a costo irrisorio, ci mette poco a fare il "figo" introducendo n cores a destra e a manca, nel caso servissero, e può pure vantarsi di essere pronto per future esigenze.
Ma da qui a dire che servono proprio tutti e siano la soluzione di tutti i problemi di efficienza, ci passa un mare...

Non è la prima volta che il SW e l'HW sono disallineati, è sopratutto non è la prima volta che il disallineamento è a svantaggio del SW.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^