Intelligenza Artificiale per la prevenzione dei suicidi

Intelligenza Artificiale per la prevenzione dei suicidi

Colin Walsh, ricercatore presso il Vanderbilt University Medical Center, ha intrapreso questo percorso con la speranza che il suo lavoro possa aiutare a fornire un quadro clinico affidabile e il più veritiero possibile a medici, amici e famigliari di soggetti che possono sviluppare tendenze autolesioniste e suicide

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Sistemi
 

Una delle cose più complicate, soprattutto al giorno d'oggi, è forse quella di capire esattamente cosa passa per la testa delle persone: alcuni ricercatori e sviluppatori di sistemi IA (Intelligenza Artificiale) hanno elaborato un algoritmo in grado di determinare, con una precisione veramente elevata, la probabilità che un individuo abbia o meno intenzione di tentare il suicidio.

Colin Walsh, ricercatore presso il Vanderbilt University Medical Center, ha intrapreso questo percorso con la speranza che il suo lavoro possa aiutare a fornire preventivamente a medici, amici e famigliari un quadro clinico affidabile e il più veritiero possibile di soggetti, che pur non manifestando comportamenti evidenti, possono sviluppare tendenze autolesioniste e suicide.

Walsh e il suo team hanno iniziato lo sviluppo dell'algoritmo raccogliendo dati da 5.167 pazienti provenienti dal Vanderbilt University Medical Center, ricoverati con chiari segni di autolesionismo, identificando, dopo avere analizzato ciascuno di questi casi, le principali circostanze di ben 3.250 casi di tentativi di suicidio.

L'algoritmo si basa principalmente sui dati disponibili da tutti i ricoveri ospedalieri, tra cui l'età, il sesso, la residenza, farmaci assunti e le diagnosi precedenti; a seguito di questa prima analisi, i risultati hanno mostrato una precisione compresa tra l'80 e il 90% per identificare possibili tentativi di suicidio nel corso dei due anni seguenti, e addirittura del 92 % nel predire se una persona tenterà il suicidio entro la settimana successiva.

Le casistiche dedotte dall'insieme di questi casi sono state utilizzate per "addestrare" il sistema di intelligenza artificiale al fine che possa identificare autonomamente soggetti a rischio; successivamente gli sviluppatori hanno implementato ulteriormente l'algoritmo puntando a prevedere tentativi di suicidio tra un gruppo più ampio di soggetti, 12.695 pazienti, questa volta selezionati in modo casuale tra i vari reparti dell'ospedale.

Walsh ha comunicato che porterà avanti il suo lavoro al fine di stabilire se il suo algoritmo è efficace anche con dati provenienti da altri ospedali; una volta sicuri che il modello sia affidabile, spera di poter ampliare il suo campo di applicazione raggiungendo anche il mondo dei social network come Facebook e Twitter dove sicuramente può essere svolta una prevenzione più importante.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
andbad14 Giugno 2017, 11:29 #1
Ormai non manca molto alla precrimine.

By(t)e
h4xor 170114 Giugno 2017, 12:29 #2
a breve Minority Report

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^