Intel: sempre più chip per i supercomputer, ma stop USA per quelli cinesi

Intel: sempre più chip per i supercomputer, ma stop USA per quelli cinesi

Buone e cattive notizie per Intel, che con i propri processori Xeon e Phi equipaggerà diversi nuovi supercomputer. Il governo USA però mette il veto alla vendita di chip per i supercomputer cinesi, in quanto saranno usati per studi sulle armi nucleari

di pubblicata il , alle 14:42 nel canale Sistemi
Intel
 

Ad Intel è stato ufficialmente negato il permesso di vendere qualcosa come decine di migliaia di processori Xeon di ultima generazione alla Cina, destinati ad aggiornare uno dei più potenti supercomputer al mondo, Tianhe-2, attualmente equipaggiato con 80.000 Xeon. A porre il veto è il Department of Commerce USA, rifacendosi a una legge che regola le esportazioni.

Intel

In base a quanto affermato da diverse fonti, fra cui l'autorevole BBC, il veto è scattato nel momento in cui si sono accertati utilizzi di Tianhe-2 finalizzati alla ricerca sulle armi nucleari, non autorizzata dalla comunità internazionale. Un veto politico prima che commerciale, insomma. Intel in ogni caso ha anche motivi per festeggiare: lo stesso governo USA, sebbene attraverso lo United States Department of Energy, DOE, ha commissionato ad Intel una fornitura di chip Xeon e Phi per realizzate da qui a tre anni il supercomputer Aurora.

Aurora fornirà una potenza computazionale di ben 180 petaFLOPS al momento dell'attivazione, prevista fra tre anni. Attualmente il supercomputer più potente è, guarda caso, proprio il cinese Tianhe-2 con 54 petaFLOPS, due volte più potente del supercomputer USA in seconda posizione, Titan (27 teraFLOPS).

La commessa USA ha il valore di ben 200 milioni di dollari e sono molte le aspettative di Intel per il progetto, che comprenderà le tecnologie Silicon Photonics e il parallel file system Lustre.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pierpox13 Aprile 2015, 16:56 #1

Trucchettini da marketing

Una volta Nvidia era impegnata alacremente per farsi un nome nel settore HPC,oggi si dedica a fare i trucchettini: Ti sforno prima la nuova Titan (inutilità depotenziata in FP64) poi tolgo metà memoria alzo un po le frequenze e ci ricavo una altra scheda mah...Intel,invece, con le sue nuove architetture sta mandando in pensione praticamente tutta una sua famiglia di schede (le Tesla).FP64 termine totalmente bandito anche per le future architetture Pascal e Volta a favore del "mixed precision",booh...
CrapaDiLegno13 Aprile 2015, 18:02 #2
Probabilmente ad nvidia rendeva di più fare una GPU sempre a 28nm più piccola che non coprisse il mercato del DP dove comunque Kepler funziona bene. Ricorda che Kepler/Maxwell a 28 nm devono lottare contro le nuove soluzioni Xeon Phi di Intel a 14nm, che sulla carta significa più o meno 4 volte meglio in termini di densità e di consumi.
Quando si passerà al nuovo PP è molto probabile che usciranno tutta una serie di nuove GPU per l'HPC che potranno contrastare i 14nm.
nvidia con IBM è stata scelta per fare gli atri 2 super computer della DoE. Uno dei quali dal doppio al quadruplo più potente di questo commissionato a Intel. Quindi nvidia non ha certo intenzione di abbandonare l'HPC. Sopratutto dopo aver creato l'nvlinke averlo fatto adottare a IBM.
Maxwell è stato solo un passo intermedio per ridurre i costi nella fascia consumer. Ricordiamo che Maxwell era stato pensato per i 20nm, PP mai realizzato da TMSC e quindi si è dovuto ripiegare. Probabile che il vero GM200 non fosse quello uscito. D'altronde la differenza del numero di shader tra il GK210 e GM200 non equivale a quello che si è visto per ogni big mattonella realizzata da nvidia.
nvidia probabilmente ha solamente scalato verso l'alto i suoi chip e non a realizzato il mega chippone con DP perché a 28nm sarebbe stato troppo grande, energivoro e sopratutto costoso, non in grado di battersela con le Xeon Phi di Intel in termini di costi e efficienza.
pierpox13 Aprile 2015, 18:15 #3
Mi sarebbe piaciuto vedere una sincera riflessione del genere al keynote di Huang sulle architetture Pascal e Volta con tanto di slides sulle possibili performance in FP64 delle future architetture...ma il CEO su questo ha glissato alla grande,il che non mi fa ben sperare nemmeno quando ci saranno chip a 16nm!
calabar13 Aprile 2015, 20:38 #4
Se il Titan ha una potenza di calcolo di 27 teraFLOPS, allora il supercomputer cinese è decisamente più che due volte più potente!
GTKM14 Aprile 2015, 07:40 #5
Originariamente inviato da: articolo] il veto è
Solo gli U.S.A. possono finanziare ricerche sulle armi nucleari, vero?

Tornando IT, c'è un errore:
[QUOTE=articolo]Attualmente il supercomputer più potente è, guarda caso, proprio il cinese Tianhe-2 con 54 petaFLOPS, due volte più potente del supercomputer USA in seconda posizione, Titan (27 teraFLOPS).


Se i dati sono corretti, direi che è ben più di due volte più potente, dato che parliamo di un altro ordine di grandezza.
benderchetioffender14 Aprile 2015, 12:27 #6
cos'è? un errore cross-posting? manco è vagamente citata nvidia e GPU

Originariamente inviato da: pierpox
Una volta Nvidia....


Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Probabilmente ad nvidia ...


anyway, mi chiedo perché gli USA perseverano ad usare palesi balle per spiegare il proprio operato in campo internazionale

questa storiella delle armi nucleari puzza tanto quanto puzzava quella sull'antrace in Iraq
PaulGuru14 Aprile 2015, 13:21 #7
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sistem...nesi_56810.html

Buone e cattive notizie per Intel, che con i propri processori Xeon e Phi equipaggerà diversi nuovi supercomputer. Il governo USA però mette il veto alla vendita di chip per i supercomputer cinesi, in quanto saranno usati per studi sulle armi nucleari

Click sul link per visualizzare la notizia.

Questi cinesi si stanno allargando anche troppo.
Probabilmente penseranno loro in modo autonomo a produrre brutte copie dei prodotti Intel per equipaggiare i loro supercomputers.
PaulGuru14 Aprile 2015, 13:25 #8
Originariamente inviato da: pierpox
Mi sarebbe piaciuto vedere una sincera riflessione del genere al keynote di Huang sulle architetture Pascal e Volta con tanto di slides sulle possibili performance in FP64 delle future architetture...ma il CEO su questo ha glissato alla grande,il che non mi fa ben sperare nemmeno quando ci saranno chip a 16nm!

Titan è un modello della famiglia GeForce, quindi una gamma dedicata al mondo desktop videoludico, dove la doppia precisione è quasi inutile, quindi fosse per me potrebbero anche eliminarla del tutto.

Se vuoi un prodotto per la doppia precisione c'è il Tesla.
Il vero trucco è comprare la GeForce al posto dei prodotti dedicati per risparmiare soldi, i soliti furbetti, e si lamentano pure.
pierpox14 Aprile 2015, 17:08 #9
@PaulGuru

La Titan nel lontano 2012 fu presentata da Huang come famiglia di schede per utenti "prosumer" per il GPGPU a 360° e ricordo anche molta enfasi del CEO nell'elogiare le performance in DP,tant'è che il nome Titan non fu scelto a caso ma per richiamare l'omonimo super computer,altrimenti potevano chiamarla benissimo GTX Cippalippa.Se voglio un prodotto per la doppia precisione ,certo,c'è Tesla,ma prestazionalmente quest'anno ci sarà un clamoroso sorpasso con le nuove Phi,la mia impressione è che Nvidia nel settore HPC stia un po sottovalutando le potenzialità dei prodotti Intel che non è AMD come peso,tutto qui...non sono "furbetto" e non mi lamento esprimo impressioni e basta e non vorrei che da qui a poco Intel cannibalizzasse pure il settore HPC come ha fatto con quello delle CPU...
PaulGuru15 Aprile 2015, 09:30 #10
Originariamente inviato da: pierpox
@PaulGuru

La Titan nel lontano 2012 fu presentata da Huang come famiglia di schede per utenti "prosumer" per il GPGPU a 360° e ricordo anche molta enfasi del CEO nell'elogiare le performance in DP,tant'è che il nome Titan non fu scelto a caso ma per richiamare l'omonimo super computer,altrimenti potevano chiamarla benissimo GTX Cippalippa.Se voglio un prodotto per la doppia precisione ,certo,c'è Tesla,ma prestazionalmente quest'anno ci sarà un clamoroso sorpasso con le nuove Phi,la mia impressione è che Nvidia nel settore HPC stia un po sottovalutando le potenzialità dei prodotti Intel che non è AMD come peso,tutto qui...non sono "furbetto" e non mi lamento esprimo impressioni e basta e non vorrei che da qui a poco Intel cannibalizzasse pure il settore HPC come ha fatto con quello delle CPU...

Titan rispetto alle GTX ha solamente una predisposizione per quel genere di attività, una soluzione entry level e basta.

Pretendere che Titan sia paragonabile a Tesla è ridicolo visto che sia io che te sappiamo lo scopo di tutto ciò ....... ossia risparmiare ai danni del mercato della vera gamma dedicata, ebbene la favola dei tempi passati dove si moddava il bios è finita, se vuoi la qualità si paga.

Per quanto riguarda la concorrenza sono affari di Nvidia, di certo Phi non lo contrasti con una GeForce.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^