Intel: risposta ad AMD per i mercati emergenti

Intel: risposta ad AMD per i mercati emergenti

Il colosso dei processori ha recentemente avviato una serie di iniziative per la diffusione dell'informatizzazione nei mercati emergenti

di pubblicata il , alle 08:51 nel canale Sistemi
IntelAMD
 

In risposta al progetto One Laptop per Child promosso dal Massachussetts Institute of Technology e che vede AMD come principale parnter per la fornitura dei processori Geode per la realizzazione dei notebook da 100 dollari, Intel ha recentemente avviato una serie di strategie commerciali focalizzate verso i mercati emergenti.

Il colosso di Santa Clara si è fatto promotore della campagna "Community PC" per il mercato indiano e dell'iniziativa "Discover the PC" per l'America Latina. Intel sta inoltre guardando molto da vicino il mercato Cinese attraverso le forumle "Net-cafe PC" ed "Education PC", entrambe destinate a comunità di dimensioni medio-piccole.

In particolare i sistemi che si trovano sotto l'egida della campagna "Community PC" sono pensati appositamente per operare in ambienti con elevata temperatura, alto tasso di umidità e polvere, con un occhio di riguardo alle esigenze di risparmio energetico.

L'iniziativa "Discover the PC" ha invece preso il via lo scorso 30 Marzo in Messico, grazie anche alla collaborazione del provider telefonico locale Telmex, dove le compagnie coinvolte propongono un nuovo tipo di sistema desktop per gli utenti alle prime armi. Intel intende estendere questo programma a tutta l'America Latina e all'Africa.

La strategia di Intel prevede di stabilire prezzi di vendita di ogni singolo modello in modo strettamente dipendente dalla situazione economica delle diverse regioni, differenziandoli inoltre dai normali PC destinati al canale "mainstream" del mercato.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sig. Stroboscopico24 Aprile 2006, 09:01 #1
Insomma, pc da 100 euro in europa ce li scordiamo...
Tetsuya197724 Aprile 2006, 09:19 #2
Certo che ce li scordiamo

Ci sono i ragazzini che si fanno comprare da mamma due sli da 1000 euro..un pc da 100?
diabolik198124 Aprile 2006, 09:28 #3
Pc da 100... e allora mettiamo le console a 30
May8124 Aprile 2006, 10:22 #4
Ma per un pc molto economico non converrebbe progettare un chip tutto integrato con un P3 + chipset e controller single channel?

credo che 40-50 milioni di transistor basterebbero quindi anche i costi sarebbero molto bassi così come i consumi (1GHz è + che sufficiente) prodotto a 65 nm
FAM24 Aprile 2006, 12:59 #5
Se un americano/europeo può permettersi di spendere più di 100€ per un computer, non è conveniente vendergli un PC così economico.
Meglio spennarlo di più.

Purtroppo la realtà è questa, se noi vogliamo comprare un computer piccolo ed a bassi consumi ci sono le (non economiche) Via C3.
Iolao24 Aprile 2006, 23:06 #6
lamentarsi è arte facile, magari prima di farlo si potrebbe anche ragionare un minimo su come funzionano le cose. Magari pensare per esempio che:

1) un laptop da 100€ ha prestazioni e/o dotazioni peggiori del più scarso dei pc entry level
2) 100€ in Italia non sono 100€ in India per chi acquista (mai sentito parlare di potere d'acquisto?)
3) se ci fosse LO STESSO scarsissimo laptop in commercio nei consumistici mercati occidentali dubito che ci sarebbero file per acquistarlo
4) il costo di acquisto di un pc è notevolmente sceso per tutti con l'ampliamento del mercato e con il rafforzamento delle pressioni concorrenziali (leggasi: gli assemblatori di pc hanno un guadagno modesto dalla vendita dei pc, i veri ricavi sono i servizi a valore aggiunto come l'assistenza ed eventuali accessori)
5) "aprire i mercati emergenti" rappresenta un investimento di lungo periodo con notevoli possibilità di guadagno per indotto dal punto di vista economico, ecco perchè c'è chi è disposto a vendere praticamente a prezzo di costo, ma dal punto di vista etico il fine è molto più nobile perchè apre finalmente nuovi scenari per quanto riguarda il diritto all'accesso alle informazioni e alle conoscenze per una LARGA fetta della popolazione mondiale.

Lamentarsi tanto per lamentarsi imho significa solo mettersi da soli i paraocchi.
JohnPetrucci25 Aprile 2006, 01:47 #7
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Insomma, pc da 100 euro in europa ce li scordiamo...

Perchè ti è balenata una simile possibilità in mente?
A me mai......
ProgMetal7827 Aprile 2006, 00:21 #8
"La strategia di Intel prevede di stabilire prezzi di vendita di ogni singolo modello in modo strettamente dipendente dalla situazione economica"
caz... sarà vero?
mjordan27 Aprile 2006, 11:33 #9
Originariamente inviato da: FAM
Se un americano/europeo può permettersi di spendere più di 100€ per un computer, non è conveniente vendergli un PC così economico.
Meglio spennarlo di più.

Purtroppo la realtà è questa, se noi vogliamo comprare un computer piccolo ed a bassi consumi ci sono le (non economiche) Via C3.


E tu credi che un ipotetico PC da 100€ abbia le stesse prestazioni di un Via C3? Se vuoi spendere 100€ puoi farlo anche in Europa. Te ne vai al mercatino dell'usato e ti compri un bel desktop completo con Pentium II.
mjordan27 Aprile 2006, 11:34 #10
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
Perchè ti è balenata una simile possibilità in mente?
A me mai......


Perchè nel mercato del nuovo non ho mai visto niente che non sia sotto le 500€, considerando che con quella somma ci escono dei bidoni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^