Intel Labs: Wolfenstein in ray-tracing via cloud computing

Intel Labs: Wolfenstein in ray-tracing via cloud computing

Vediamo alcuni dei molti i progetti di ricerca ai quali gli Intel Labs lavorano tutti i giorni. Il denominatore comune: pensare a migliorare le esperienze quotidiane delle persone

di pubblicata il , alle 15:59 nel canale Sistemi
Intel
 

L'Intel Developer Forum Fall 2010 prenderà ufficialmente il via nella giornata odierna con il keynote inaugurale di Paul Otellini, presidente e CEO dell'azienda di Santa Clara. Nel corso della giornata di ieri, tuttavia, Intel ha organizzato un incontro preliminare riservato alla stampa incentrato sulle attività di ricerca che si svolgono all'interno degli Intel Labs.

Genevieve Bell, Intel Fellow and Director of Intel’s Interaction and Experience Research, e Horst Haussecker Director, Experience Technology Lab Interactions & Experiences Research Intel Labs, hanno illustrato l'approccio che viene seguito nelle attività di ricerca per migliorare le tecnologie esistenti e creare nuove tecnologie che arricchiranno la nostra vita in futuro. Viene in particolare sottolineata l'importanza, al fine di creare le cosiddette "technology experience" di domani, di capire ciò che le persone amano nella propria vita quotidiana e, partendo da qui, focalizzarsi su quelle tecnologie che possono migliorare la loro vita e su tecnologie capaci di portare nuove esperienze d'uso nella vita degli utenti. Vediamo di seguito alcuni dei progetti ai quali gli Intel Labs stanno lavorando, progetti che in un domani non troppo lontano potrebbero entrare a far parte della nostra vita di tutti i giorni.

Gli Intel Labs di Seattle stanno lavorando ad OASIS, il cui nome sta per "Object-Aware Situated Interactive System. Si tratta di un progetto che dimostra come sia possibile utilizzare tecnologie di micro-proiezione, videocamere 3D e algoritmi di computer vision per realizzare un sistema in grado di riconoscere e tracciare oggetti reali di qualunque tipo e azioni compiute dall'uomo. La dimostrazione cui abbiamo assistito è ambientata all'interno di una cucina: si tratta di una dimostrazione pratica di come il riconoscimento di oggetti reali e l'interazione basata su gesture possono essere utilizzate in un normale ambiente domestico e a tal proposito è interessante osservare come la dimostrazione tenuta da Intel rappresenti solamente uno dei tanti modelli d'uso che è possibile adottare con una tecnologia di questo tipo. Come detto in precedenza, gli Intel Labs hanno impiegato un proiettore, una videocamera 3D e un PC: il team di ricerca sostiene che sarà presto possibile racchiudere tutto ciò in un dispositivo delle dimensioni di un telefono cellulare, non appena i chip e i SoC destinati alla mobilità metteranno a disposizione maggiori potenze di calcolo, minori consumi e nuove funzionalità.

Un secondo interessante progetto portato avanti presso gli Intel Labs di Santa Clara è invece focalizzato sulla Mobile Augmented Reality, pedissequamente traducibile come "realtà aumentata in movimento". Il team di ricerca ha realizzato un Mobile Augmented Reality World Browser, che viene impiegato su di un dispositivo basato su piattaforma Atom. Con queste tecnologie l'utente semplicemente scattando una fotografia del luogo in cui si trova può accedere in maniera pressoché istantanea ad un vasto numero di informazioni correlate presenti sul web. Il sistema sviluppato dagli Intel Labs è in grado di identificare il luogo basandosi sui dati ricavati analizzando la fotografia e combinandoli con quelli rilevati da una serie di sensori eventualmente presenti sul dispositivo.

Infine, sempre presso gli Intel Labs di Santa Clara, un gruppo di ricerca sta lavorando ad una tecnologia che potrebbe cambiare il futuro dell'esperienza videoludica in mobilità, basandosi su tecnologie di ray-tracing e facendo leva sulle potenzialita della computazione cloud. Abbiamo avuto l'occasione di visionare una dimostrazione di Wolfenstein: Ray Traced, dove un array di macchine basate sulla nuova architettura MIC (Many Integrated Core) conosciuta con il nome in codice di Knight's Ferry effettua il rendering in ray tracing delle scene 3D e le trasmette in streaming ad un normale sistema notebook, dove l'utente può giocare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fendermexico13 Settembre 2010, 16:04 #1
perchè proprio wolfstein per questo progetto?

ah ok certo... perchè crysis non gira manco così
Stech198713 Settembre 2010, 16:06 #2
Ma non era stato presentato circa un annetto fa un prodotto fatto in casa che sostanzialmente faceva le stesse cose di questo tavolo da cucina Intel, ed in più era "portatile"?
ice_v13 Settembre 2010, 16:50 #3
Figata la feature di usare la lente del mirino come "specchietto retrovisore"...anche se non credo che per averla in un gioco si debba per forza usare il ray-tracing...cioè, è tranquillamente implementabile anche nei videogame attuali, o no?
Wolfhask13 Settembre 2010, 17:18 #4
letto wolfenstein mi si sono accese le lampadine.....peccato non fosse quello sperato
appleroof13 Settembre 2010, 17:55 #5
dopo il fallimento di larrabee, non sanno più cosa inventarsi per cercare di proporsi in questo mercato
degac13 Settembre 2010, 19:11 #6
Ok, ora mi spiegate quale grande invenzione è quella di far fare il lavoro ad un server remoto per vedere delle immagini in ray tracing in tempo reale: utilità 0, praticità 0, efficienza energetica 0, banda larga a manetta, costi stratosferici (banda+tempo di calcolo) elevati.
A sto punto basta un semplice netbook con ARM montato per giocare: brava Intel, così si che si vende!
ThePunisher13 Settembre 2010, 20:42 #7
Originariamente inviato da: degac
Ok, ora mi spiegate quale grande invenzione è quella di far fare il lavoro ad un server remoto per vedere delle immagini in ray tracing in tempo reale: utilità 0, praticità 0, efficienza energetica 0, banda larga a manetta, costi stratosferici (banda+tempo di calcolo) elevati.
A sto punto basta un semplice netbook con ARM montato per giocare: brava Intel, così si che si vende!


Te lo spiego io... così possono anche noleggiare i giochi a chi ha PC di merda. Più soldi per loro. Easy.
fendermexico13 Settembre 2010, 21:17 #8
comunque ciò che si vede in quel filmato è semplicemente ORRIBILE
sembra di vedere la grafica del sega saturn

ah oooooooooooook ci stanno i riflessi realtime e le ombre...apprezzo lo sforzo di calcolo che è di sicuro alto so bene cosa vuol dire raytracing realtime a livello di peso...
ma la resa finale di ciò che mostrano nel demo...fa schifo... preferisco il prerenderizzato classico

ok che è sperimentale...ma cioè... io mi sarei vergognato proprio di mostrare al MONDO quei risultati
MiKeLezZ13 Settembre 2010, 21:56 #9
Pessimo.
JackZR13 Settembre 2010, 23:35 #10
Gli effetti del raytracing sono notevoli, specialmente per quanto riguarda il calcolo dei riflessi però grazie al ca' che ci riescono, ci stanno dietro 4 server a fare calcoli, sarebbe interessante ottenere gli stessi risultati con i PC di casa.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^