Intel e Google alla ricerca della massima efficienza

Intel e Google alla ricerca della massima efficienza

Climate Savers Computing Initiative è il nome del nuovo consorzio di aziende che mira ad elevare l'efficienza di funzionamento di server e PC desktop

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 14:18 nel canale Sistemi
IntelGoogle
 

Google, Intel e varie aziende operanti nel settore dei PC hanno ufficializzato la partecipazione ad una nuova iniziativa, chiamata Climate Savers Computing Initiative, con la quale operare per ottenere sistemi sia desktop che server che possano avere una superiore efficienza operativa e una migliore gestione della corrente.

Alla base di questa nuova iniziativa una semplice considerazione: parte della corrente consumata dai PC, sia desktop che server, non viene utilizzata dai componenti per le elaborazioni ma di fatto sprecata, cioè non utilizzata per alcun tipo di elaborazione.

La conversione da corrente alternata a 210V, o 110V nei mercati anglofoni, a quella a 12V adottata nei PC implica la dispersione di parte della corrente erogata dalla linea di alimentazione. L'utilizzo di componenti interni al PC che siano caratterizzati da una più elevata efficienza di funzionamento può permettere di ridurre uno spreco che può arrivare a superare il 30% di quanto erogato dalla presa della corrente.

E' attualmente possibile giungere a configurare sistemi che abbiano un'efficienza di almeno il 90% nel loro complesso, ma questo implica ovviamente dei costi più elevati. Pat Gelsinger, senior vice president del Digital Enterprise Group di Intel, ha quantificato in circa 20 dollari per i PC desktop e in 30 dollari per i server il differenziale di costo richiesto, al momento attuale, per poter costruire sistemi che siano più efficienti di quanto accessibile ora.

Scopo del Climate Savers Computing Initiative è quindi quello di promuovere attivamente l'adozione di queste tecnologie sino al punto da ridurre a zero il costo incrementale attualmente richiesto. Una via per ottenere questo genere di risultato, oltre all'incremento del numero di macchine ad elevata efficienza disponibili in commercio, potrebbe essere quella di ottenere agevolazioni da parte dei fornitori di energia, interessati a far si che il proprio prodotto venga utilizzato in una forma che sia più attenta all'efficienza complessiva, e quindi agli impatti sull'ambiente.

La ricerca della massima efficienza di funzionamento riguarda non solo l'utilizzo a pieno carico di un PC, ma anche quelle situazioni nelle quali il computer è di fatto in modalità idle, cioè in attesa di ricevere comandi da parte dell'operatore. Se in questa condizione il PC tipicamente consuma meno che a pieno carico, è anche vero che l'efficienza complessiva può migliorare notevolmente se il consumo in idle viene ridotto ulteriormente.

Un PC non ottimizzato, se lasciato in modalità idle, consuma l'equivalente di circa 30 dollari USA in un anno di utilizzo; un sistema ottimizzato dal punto di vista dell'efficienza porterebbe questo costo a circa 10 dollari, stando ai risultati delle analisi effettuate a riguardo da Intel.

In un periodo nel quale la corretta gestione delle risorse a disposizione, e il loro conseguente sfruttamento, rivestono un ruolo così importante anche dal punto di vista della collettività, è evidente come qualsiasi sforzo da parte delle aziende del settore IT volto a minimizzare lo spreco di corrente nei sistemi commercializzati sia da promuovere.

Ricordiamo come i produttori di alimentatori siano da tempo coinvolti nell'iniziativa 80 plus, grazie alla quale si cerca di immettere sul mercato alimentatori che siano caratterizzati da un'efficienza complessiva a pieno carico che sia almeno dell'80%. Questo implica che, ad esempio, a fronte di un assorbimento di 100 Watt dalla presa della corrente, l'alimentatore converta e fornisca al sistema almeno 80 Watt da utizzare per l'alimentazione dei componenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alessandro198013 Giugno 2007, 14:23 #1
Speriamo si uniscano a questo gruppo anche i produttori si schede video...
demon7713 Giugno 2007, 14:24 #2

OTTIMO!!

Spero sonceramente che prenda piede!
Poca energia risparmiata su migliaia di pc e server può fare una bella differenza...

Il fatto preoccupante è che pur ottimizzando il più possibile il consumo di un pc medio continua ad aumentare (anche se va detto che la potenza elaborativa è salita in modo esponenziale..)
Hitman07913 Giugno 2007, 14:44 #3
tra quanto google compra intel?
Automator13 Giugno 2007, 15:02 #4
mi piacerebbe sapere la bolletta di google
SpyroTSK13 Giugno 2007, 15:23 #5
bhe, tanto ci pensa windows a far lavorare il pc per niente (guardasi vista quando è idle o almeno così sembra...)
essereumano13 Giugno 2007, 16:46 #6
Ma infatti computer alimentati a pinoli no eh?
frankie13 Giugno 2007, 17:39 #7
Originariamente inviato da: demon77
Il fatto preoccupante è che pur ottimizzando il più possibile il consumo di un pc medio continua ad aumentare (anche se va detto che la potenza elaborativa è salita in modo esponenziale..)


In verità dopo l'accellerata di intel con i precotti il consumo è diminuito, ma ovviamente gli alimentatori non scendono di potenza.

Il mio PC addirittura ora consuma meno, e non poco
nicgalla13 Giugno 2007, 18:23 #8

Intanto nel nostro piccolo...

... possiamo scegliere alimentatori che garantiscono un'elevata efficienza, configurare opportunamente il risparmio energetico per evitare di lasciare un computer in idle per ore, e ottimizzare il consumo riducendo il voltaggio e la frequenza, anche più di quanto Cool & Quiet o Speedstep possono fare.
Per esempio il mio server a casa adotta un Antec Triopower con 85% di efficienza, RMclock per il processore, virtualizzazione per evitare di dover lasciare altri PC accesi...
bist13 Giugno 2007, 20:31 #9
Originariamente inviato da: frankie
In verità dopo l'accellerata di intel con i precotti il consumo è diminuito, ma ovviamente gli alimentatori non scendono di potenza.

Il mio PC addirittura ora consuma meno, e non poco


Già, di tutti i componenti per PC alla fine sono solo le schede video di fascia medio-alta che consumano sempre di più.

Cmq se uno vuol prendere un alimentatore sovradimensionato per stare sul sicuro (non si sa mai un domani) il consumo resta quello, l'alimentatore succhia solo i watt che richiede il sistema, efficienza permettendo.
uvz13 Giugno 2007, 23:36 #10
Pat Gelsinger, senior vice president del Digital Enterprise Group di Intel, ha quantificato in circa 20 dollari per i PC desktop e in 30 dollari per i server il differenziale di costo richiesto, al momento attuale, per poter costruire sistemi che siano più efficienti di quanto accessibile ora.


Non è una gran spesa in più, anzi quasi niente. Quindi sarebbe meglio che questi sistemi "di risparmio" li immettano subito sul mercato. Prima li fanno prima si consuma meno energia.

Una via per ottenere questo genere di risultato, oltre all'incremento del numero di macchine ad elevata efficienza disponibili in commercio, potrebbe essere quella di ottenere agevolazioni da parte dei fornitori di energia, interessati a far si che il proprio prodotto venga utilizzato in una forma che sia più attenta all'efficienza complessiva, e quindi agli impatti sull'ambiente.


L'esatto incontrario di quello che vogliono i gestori elettrici.

ricordiamo come i produttori di alimentatori siano da tempo coinvolti nell'iniziativa 80 plus, grazie alla quale si cerca di immettere sul mercato alimentatori che siano caratterizzati da un'efficienza complessiva a pieno carico che sia almeno dell'80%. Questo implica che, ad esempio, a fronte di un assorbimento di 100 Watt dalla presa della corrente, l'alimentatore converta e fornisca al sistema almeno 80 Watt da utizzare per l'alimentazione dei componenti.


Mi sembra uno spreco immane.
Originariamente inviato da: nicgalla
configurare opportunamente il risparmio energetico per evitare di lasciare un computer in idle per ore


Non sarà mai così ottimizzato come spegnere il pc.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^