Intel cancella i kit di sviluppo per l'IoT Edison, Galileo e Joule

Intel cancella i kit di sviluppo per l'IoT Edison, Galileo e Joule

Intel ha cancellato i prodotti delle linee Edison, Joule e Galileo, tutti kit destinati allo sviluppo di soluzioni IoT. Non sono chiare le ragioni della cancellazione, né se Intel abbia intenzione di rimpiazzare i prodotti con nuove versioni.

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Sistemi
Intel
 
Stando ad indiscrezioni circolate nelle ultime ore, Intel sarebbe pronta a dismettere una larga fetta dei suoi prodotti destinati agli sviluppatori dell'IoT: Edison, Joule e Galileo sarebbero infatti stati cancellati dal colosso di Santa Clara, che avrebbe quindi meno prodotti da opporre a Raspberry Pi.

Tutti e tre i prodotti erano kit di sviluppo per creare prodotti nel mondo IoT: Galileo era una risposta diretta a Raspberry Pi e Arduino basata su processore x86; Edison era un computer intero, dotato anche di WiFi e Bluetooth, inserito all'interno di una scheda SD; Joule era un sistema che sfruttava i processori Atom della serie T e offriva fino a 4 GB di RAM e un sistema operativo basato su Linux. Sia Galileo che Joule sfruttavano processori Intel Quark.

Al momento attuale rimarrebbero soltanto MinnowBoard e Curie come prodotti destinati a questo settore. Il primo è un kit di sviluppo che sarà lanciato alla fine dell'anno, dotato di Intel Atom x5 Apollo Lake e 4 GB di RAM; il secondo, invece, è una versione ancora più ridotta di Edison, le cui dimensioni sono pari a un bottone e il cui utilizzo previsto è all'interno di dispositivi indossabili come gli occhiali o le scarpe.

Non è chiaro il motivo per cui Intel starebbe dismettendo i kit di sviluppo per l'IoT, ma la preferenza del mercato sembra andare verso le soluzioni maggiormente aperte e guidate dalla comunità. Non è da escludere un fattore di età: nel caso di Galileo ed Edison, infatti, la presentazione risaliva ad almeno tre anni fa. Rimane inspiegata la cancellazione di Joule, presentato lo scorso agosto. Ci sarà tempo fino al 16 settembre per effettuare gli ordini e il 16 dicembre verranno effettuate le ultime spedizioni; alcuni SKU di Edison continueranno a essere venduti anche nel 2018.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno21 Giugno 2017, 20:49 #1
Fuori dal mercato storico i processori Intel valgono ZERO.
Se là possono vantare di aver ucciso tutti gli avversari a suon di Ghz e prezzi ridotti (fino a quando non se ne è liberata totalmente) e ora campa per compatibilità necessaria con la sua ISA (da verificare cosa succederà con Qualcomm che vuole emularla), negli altri mercati le architetture mostrano che x86 non regge il passo. Sopratutto là dove conta consumare poco. E per poco si intende realmente POCO. Non i finti numeri di Intel che con oltre un PP di vantaggio ha sempre fatto fatica ad arrivare ai consumi di ARM. E infatti si è visto dove è finita.

Ora non le rimane di inventarsi qualche sub mercato dove vendere tutti quei milioni di Atom che non è mai riuscita a vendere.
19andrew9021 Giugno 2017, 23:21 #2
Davvero mi spiace perchè li avevo reputati prodotti innovativi e utili nell'ampliare il mondo IoT e developer.
Bellaz8922 Giugno 2017, 11:08 #3
Originariamente inviato da: 19andrew90
Davvero mi spiace perchè li avevo reputati prodotti innovativi e utili nell'ampliare il mondo IoT e developer.


Idem. Certo che Intel si dimostra poco affidabile in certi settori. I960 docet
megawati23 Giugno 2017, 08:58 #4
IMHO è questione di cultura aziendale. Come Microsoft che non riesce a fare altro che windows (e ci ha provato: winCE, che però fu lasciato incredibilmente morire, dando via libera a Linux ovunque), la Intel non riesce a fare altro che x86. E non è che non abbia le competenze per fare altro: è solo che (per i middle manager) scommettere sul nuovo è pericoloso per la carriera. Per cui, su progetti davvero innovativi tutti pensano a pararsi il culo... e addio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^